sabato 18 aprile 2009

Terremoto. Iniziativa di Legambiente Giulianova (TE)


Il Circolo Legambiente Giulianova sta attivando presso il Circolo Nautico ( davanti Area ex Golf Bar) un servizio di noleggio biciclette per gli ospiti aquilani presenti nella ns. città.L'iniziativa si svolgerà in 2 fasi:1) da oggi tutti i giuliesi potranno portare la propria bici in prestito presso la ns. postazione al Circolo Nautico( dalle 16 alle 18)2) tutti gli aquilani potranno usufruire di un noleggio gratuito esibendo un documento che attesti la residenza aquilana.
Per informazioni tel. 329 1523459 Presidente Francesca Morgante
Walter Squeo tel.349 7864467

In merito al comunicato stampa diffuso dal Wwf in data odierna e relativo alla riserva naturalistica del Borsacchio

In merito al comunicato stampa diffuso dal Wwf in data odierna e relativo alla riserva naturalistica del Borsacchio, trasmettiamo una nota del Presidente della Provincia Ernino D’Agostino con alcuni chiarimenti.

“Il Consiglio provinciale di Teramo – afferma il Presidente D’Agostino - discuterà i problemi relativi alla riserva naturalistica del Borsacchio nel corso della seduta già convocata per martedì 21 aprile.
A tale proposito è opportuno precisare che la Provincia di Teramo ha da mesi chiesto alla Regione Abruzzo di chiarire le procedure necessarie per l’adozione del piano di assetto naturalistico della riserva, non essendo chiare nella deliberazione della giunta regionale le modalità attraverso le quali la Provincia può esercitare poteri sostitutivi rispetto ai Comuni di Roseto degli Abruzzi e di Giulianova, i cui territori sono interessati dalla perimetrazione della riserva. E la Regione Abruzzo finora non ha ancora formalizzato alcuna comunicazione circa le procedure da adottare.
Inoltre, nel corso di incontri svolti nelle settimane passate, l’amministrazione comunale di Roseto degli Abruzzi ha messo in discussione la legittimità della deliberazione della giunta regionale che affida alla Provincia i poteri sostitutivi, evidenziando il fatto che tale procedura esproprierebbe il Comune della possibilità di programmare l’assetto urbanistico di un’area che rappresenta circa il 25% del territorio comunale.
Tutto ciò spiega il fatto che non siano stati finora adottati atti da parte della Provincia ed esige che la Regione Abruzzo fornisca, in un rapporto trasparente con la Provincia e con i Comuni interessati, tutti i chiarimenti necessari per poter dare corso concretamente all’istituzione della riserva e all’adozione del piano di assetto naturalistico”.

Emergenza sisma. Quattro strutture scolastiche rimarranno chiuse

Emergenza sisma. Quattro strutture scolastiche rimarranno chiuse

A Teramo sono ancora sotto osservazione e richiedono ulteriori accertamenti tre strutture scolastiche: il Liceo Classico, il Comi e l'Ipsia; stesso discorso per l’Istituto d’Arte di Castelli.
L’attività didattica dell’Istituto tecnico commerciale e della sede distaccata del Liceo Scientifico, però, riprenderà regolarmente da lunedì grazie ad un accordo fra i dirigenti scolastici.
Le dieci classi del Liceo Scientifico “Einstein”, attualmente ospitate dal “V.Comi” torneranno nella sede centrale di via Sturzo e i ragazzi dell’Istituto Tecnico si traferiranno nell’ala nuova della struttura di Viale Bovio che non presenta alcun problema.
“Lunedì avro un incontro con il dirigente scolastico provinciale, Landino Romani, e con i dirigenti degli istituti superiori per verificare se esiste la possibilità di trovare soluzioni alternative per il Liceo Classico, per l’Ipsia e per l’Istituto d’Arte in maniera da far riprendere l’attività didattica anche in queste scuole” afferma il presidente Ernino D’Agostino.

PER LA RISERVA NATURALE REGIONALE DEL BORSACCHIO È ANCORA INERZIA

PER LA RISERVA NATURALE REGIONALE DEL BORSACCHIO È ANCORA INERZIA
PRIMA DEL COMUNE DI ROSETO DEGLI ABRUZZI, POI DELLA PROVINCIA DI TERAMO

La RISERVA NATURALE REGIONALE DEL BORSACCHIO è ferma ancora al palo.
Le associazioni ambientaliste ed il Comitato per la Riserva Regionale del Borsacchio denunciano l’immobilismo della Provincia di Teramo che rischia di peggiorare la situazione dell’area protetta.
Il 18 marzo 2009 le Associazioni avevano già provveduto a diffidare la Provincia di Teramo affinché desse seguito a quanto stabilito dalla Regione al momento del commissariamento del Comune di Roseto degli Abruzzi.
Il Presidente della Provincia di Teramo, pur essendo stato ulteriormente sollecitato in proposito, ha omesso di dare seguito alla Delibera della Giunta Regionale Abruzzese n. 1153 del 27 novembre 2008 che, a causa dell’accertata inerzia del Comune di Roseto degli Abruzzi, ha trasferito tutte le competenze gestionali sulla Riserva naturale alla Provincia di Teramo: non ha nominato l’Organo di Gestione, non ha portato il Piano di Assetto Naturalistico (PAN) all’esame del Consiglio Provinciale, non ha neppure fatto apporre la tabellazione lungo il perimetro della riserva e sulle strade di accesso alla stessa, al fine di rendere più stringente la sorveglianza sul territorio per il rispetto delle Norme di Salvaguardia vigenti.
Quando, il 17 dicembre 2008, i rappresentanti delle Associazioni ambientaliste incontrarono il Presidente della Provincia di Teramo, questi prese degli impegni chiari: nominare l’Organo di gestione entro gennaio 2009 ed adottare il PAN entro 90 giorni. Entrambi questi termini sono inutilmente trascorsi senza che sia stato dato seguito agli impegni.
Le associazioni ambientaliste avevano ribadito al Presidente della Provincia, nell’incontro, la necessità di emendare il progetto del PAN presentato dal Comune di Roseto degli Abruzzi, eliminando ogni previsione di nuova edificazione all’interno del perimetro della Riserva.
Il PAN presentato dal Comune di Roseto degli Abruzzi, infatti, consentirebbe la realizzazione di nuove palazzine su una superficie di circa 50.000 metri quadrati. Una previsione che contrasta con gli impegni assunti dall’attuale maggioranza in consiglio comunale a Roseto nel suo programma di governo, con la normativa vigente a livello nazionale e regionale ed ora anche con le previsioni del Piano d’Area della Media e Bassa Valle del Tordino, approvato all’unanimità dal Consiglio Provinciale di Teramo il giorno 15/04/2009.
Non è un caso che il Consiglio comunale, anche grazie alla forte opposizione delle associazioni ambientaliste, non sia riuscito ad approvare nei termini fissati il PAN presentato ed è stato perciò commissariato dalla Regione Abruzzo.
La Provincia di Teramo vuole forse insistere su questa strada? Vuole rendersi anch’essa complice di un comportamento che in tanti anni ha bloccato la nascita concreta dell’area protetta?
Le Associazioni sollecitano la nomina dell’Organo di Gestione della Riserva, per il quale gli indirizzi normativi chiedono una rappresentanza mista tecnica, politica e associativa ed i cui membri non dovranno percepire compenso alcuno; la sistemazione della segnaletica, lungo il perimetro della riserva e sulle strade di accesso alla stessa, al fine di rendere più stringente la sorveglianza sul territorio per il rispetto delle Norme di Salvaguardia vigenti; la tempestiva adozione del PAN, da parte del Consiglio Provinciale di Teramo, previo suo emendamento al fine di eliminarne tutte quelle previsioni incompatibili col rispetto dei principi di conservazione e tutela di un’area di pregio ambientale e paesaggistico.

AMENA - Associazione Micologia e Natura Abruzzese; C. E. A. - Centro Educazione Ambientale Torresi – GIULIANOVA; COMITATO RISERVA NATURALE REGIONALE GUIDATA BORSACCHIO; ITALIA NOSTRA - ATRI; ITALIA NOSTRA - GIULIANOVA; ITALIA NOSTRA - TERAMO; LEGAMBIENTE - GIULIANOVA; LIPU - ABRUZZO; MAREVIVO - SEZIONE ABRUZZO; SOCIETÀ BOTANICA ITALIANA - SEZIONE ABRUZZO E MOLISE; WWF - SEZIONE ABRUZZO.

Il Circolo Legambiente Giulianova sta attivando presso il Circolo


Il Circolo Legambiente Giulianova sta attivando presso il Circolo Nautico ( davanti Area ex Golf Bar) un servizio di noleggio biciclette per gli ospiti aquilani presenti nella ns. città.L'iniziativa si svolgerà in 2 fasi:1) da oggi tutti i giuliesi potranno portare la propria bici in prestito presso la ns. postazione al Circolo Nautico( dalle 16 alle 18)2) tutti gli aquilani potranno usufruire di un noleggio gratuito esibendo un documento che attesti la residenza aquilana.
Per informazioni tel. 329 1523459 Presidente Francesca Morgante
Walter Squeo tel.349 7864467

venerdì 17 aprile 2009

Messe in rito antico: Oratorio del Preziosissimo Sangue, Via Colonnetta n. 148, Chieti Scalo

Oratorio del Preziosissimo Sangue, Via Colonnetta n. 148, Chieti ScaloGiovedì 23 aprile 2009, San Giorgio:ore 18,30 S. Messa.Venerdì 24 aprile 2009:ore 08,00 S. Messa;ore 18,00 alla libreria Libernauta a Pescara, Via Teramo 27, presentazione del libro “Antonio Fogazzaro” (Ed. Amicizia Cristiana). Relatore: don Ugo Carandino.Sabato 25 aprile 2009, San Marco:ore 18,30 S. Messa.Domenica 26 aprile 2009, Madonna del Buon Consiglio:ore 10,30 S. Messa.http://www.casasanpiox.it/news.asp?id=42

Lunedì 20 aprile - Sala Polifunzionale della Provincia, ore 21


Lunedì 20 aprile alle ore 21 nella Sala Polifunzionale della Provincia, il Quartetto di Cremona con il pianista Andrea Bacchetti saranno ospiti della XXX Stagione dei Concerti della Società della Musica e del Teatro “Primo Riccitelli”. In programma musiche di Bach, Schumann, Borodin, Webern.



Lunedì 20 aprile - Sala Polifunzionale della Provincia, ore 21
QUARTETTO DI CREMONA
ANDREA BACCHETTI - pianoforte

Cristiano Gualco, violino - Paolo Andreoli, violino - Simone Gramaglia, viola Giovanni Scaglione, violoncello

A. von Webern, Langsamer Satz
A. Borodin, Quartetto n.2 in re maggiore
J. S. Bach, Partita n. 2 in do minore BWV 826

R. Schumann, Quintetto con pianoforte in mi bem. maggiore op. 44

Dalla sua formazione nel 2000, il Quartetto di Cremona esprime attraverso la precisa volontà di dedicarsi alla musica da camera, la propria inclinazione interpretativa. Nato artisticamente sotto la guida di Salvatore Accardo, è insieme a Piero Farulli del Quartetto Italiano e Hatto Beyerle dell’Alban Berg che l’ensemble, nell’attuale formazione dal 2002, si perfeziona affermandosi in breve come una delle giovani realtà europee più interessanti e dinamiche grazie ad un continuo approfondimento della retorica e della poetica musicale, integrato da una comunicativa spontanea e di grande impatto sul pubblico. La rivista inglese The Strad, in seguito a un concerto del quartetto alla Wigmore Hall di Londra, ne descrive “il fraseggio classico che cuce Mozart come fosse un abito di Armani”. Gli eccellenti risultati a importanti concorsi internazionali per formazioni cameristiche – il Vittorio Gui di Firenze, Vittorio Veneto, Cremona e l’International Melbourne Competition – imprimono un grande impulso al lavoro del quartetto che intraprende una serrata attività concertistica internazionale e, in breve, viene invitato ad esibirsi nell’ambito dei principali festival e rassegne dall’intera Europa al Sudamerica, l’Italia stessa, l’Australia, dove la stampa li acclama come la “gloria del Perth Festival”. Il repertorio del gruppo spazia dalle prime opere di Haydn fino alla musica contemporanea, nell'ambito della quale il Quartetto nutre un particolare interesse per il lavoro dei compositori italiani. La stagione 2008/2009 prevede, oltre all’esordio discografico con Decca ( i Quintetti di Boccherini con il flautista Andrea Griminelli), l’incisione dell’integrale dei Quartetti di Fabio Vacchi, il ritorno – per la terza volta – sul palcoscenico della londinese Wigmore Hall e il debutto alla Kammermusik-Gemeinde di Hannover. Bruno Giuranna, lo stesso Beyerle, Bella Davidovich, Enrico Bronzi, Andrea Griminelli, Cédric Tiberghien e il Brodsky Quartet sono alcuni tra i colleghi con cui il Quartetto di Cremona ha collaborato in questi anni.

Andrea Bacchetti è nato a Genova (Italia) nel 1977. Giovanissimo ha incontrato e raccolto i consigli di musicisti come Karajan, Magaloff, Baumgartner, Berio e Horszowski.
Premiato con prestigiose Borse di Studio dal Mozarteum di Salisburgo, dalla Yamaha Music Foundation di Londra, dal Conservatorio Nazionale di Parigi che gli hanno consentito di frequentare Maestri quali Dorenski, Kammerling, Perticaroli, Perahia, Goode, Lonquich, Weissenberg, ecc., si è diplomato “Master” all’Accademia di Imola con F. Scala.
Debutta a 11 anni a Milano con i Solisti Veneti diretti da C. Scimone. Da allora ha suonato frequentemente in festivals internazionali quali Lucerna, Salisburgo, Belgrado, Santander, Antibes, Vicenza, Bologna, Menorça, Brescia e Bergamo, Sermoneta, Camerino,Sorrento, Ravello, Torino, Como, La Coruña, Pesaro, Milano (Festival MITO), Bellinzona, Salamanca, Cervo, Badworishofen, Husum, Ravenna ecc. e presso importanti centri musicali come Konzerthaus, Berlino; Salle Pleyel, Salle Gaveau, Piano 4****, Parigi; Rudolfinum Dvorak Hall, Praga; Palais des Beaux Arts (Bruxelles – Europalia 2008); Teatro alla Scala e Sala Verdi, Milano; Teatro Coliseo, Buenos Aires; Ateneo Rumeno, Bucarest; Rachmaninoff Saal, The Moscow State Philarmonic Society, Conservatorio Mosca; Auditorium National d’Espagna (ciclo grandi interpreti de “Scherzo”), Teatro Real, Teatro Monumental, Madrid; Mozarteum Brasilero, San Paolo; Zentrum Paul Klee, Berna; Gewandhaus, Lipsia; Auditorium M. Delibes, Valladolid; Università La Sapienza, Accademia Filarmonica, Concerti al Palazzo del Quirinale, Roma; ha partecipato a Milano in Sala Verdi al ricordo di L. Berio insieme all’Ensemble Intercontemporain e P. Boulez; tournèe in Giappone, Sud America, ecc. con direttori ed orchestre di rilievo internazionale come Camerata Salzburg, Lucerne Festival Strings, Cappella Istropolitana, Bratislava; Prague Chamber Orchestra, Filarmonica della Scala, MDR Sinfonie Orchestra, Lipsia; RTVE Radiotelevisione Spagnola, Madrid; Philarmonie der Nationen, Amburgo; SDWO Sud-WestDeuschteOrchestra, Pforzheim; Enescu Philarmonic, Bucarest; ONBA, Bordeaux; Philarmonique de Nice e de Cannes; Sinfonica Castilla Y Leon; Sinfonica dell’Asturia; ecc.
In Italia suona regolarmente con le maggiori orchestre e per le principali associazioni concertistiche.
E’ ospite regolare dal 1998 delle Serate Musicali di Milano, dove ha in corso di esecuzione un programma pluriennale con l’integrale dell’opera per tastiera di Bach.
Suona in duo con R. Filippini, con il Quartetto Prazak, i Quartetti di Cremona, della Scala, di Venezia, il Quartetto Ysaye, oltre che con il noto coreografo e danzatore V. Sieni.
Le sue Suite Inglesi di Bach (DECCA) hanno raccolto unanimemente consensi particolarmente entusiastici dalla stampa specializzata e non, ed hanno ricevuto il premio dalla prestigiosa rivista americana “Classics Today” e della francese “Diapason”.
Il CD “Berio Piano Works” (DECCA) - particolarmente voluto ed apprezzato dal compositore con il quale Bacchetti ha studiato e collaborato fin da quando aveva 11 anni - ha avuto la “nomination” al Premio Amadeus 2005; segnalato tra le migliori incisioni dell’anno dalle più autorevoli riviste musicali italiane; fra quelle più autentiche e significative in assoluto da CD Compact, Mundoclasico (Spagna) e Muzika 21 (Polonia).
Il SACD con l’integrale delle “6 Sonatas” di Cherubini (RCA RED SEAL – Sony/Bmg) ha raccolto giudizi artistici elevatissimi dalla critica internazionale; i “5 Diapason” dell’omonima rivista francese, le “5 Stelle” di Musica, Amadeus,Ritmo, Fonoforum, Crescendo, Luister, Musik und Theater, Pizzicato, Le Monde de la Musique e delle altre maggiori riviste europee.
L’integrale del Grudus ad Parnassum di Clementi (ARTS) è stata premiata dalla rivista giapponese Record Gejiutsu.
Il DVD Arthaus con le Variazioni Goldberg di Bach, con ampia monografia, trasmesso con grande successo da SKY Classica, è stato segnalato tra i migliori DVD dell’anno dalla stampa specializzata europea e americana. Sono da ricordare le “5 stelle” di BBC Music Magazine,di Amadeus, Musica,Scherzo; la raccomandazione di Gramophone, International Record Review, il premio di Classics Today France, American Record Guide, Fanfare, Japan Record Gejiutsu, Gramofon, Piano News, International Piano, Piano Magazine, oltre che la nomination al premio della critica italiana 2008 della rivista Classic Voice.
Suoi concerti sono stati trasmessi da RadioTre, BBC Radio3 (UK), ORF, Radio France (a la Roque d’Anteron), RTSI, Radio della Nuova Zelanda, RNE (Spagna), MDR Lipsia, ecc.

Emergenza sisma. Il Presidente torna a chiedere lo stato di emergenza e la deroga al patto di stabilità. “Abbiamo bisogno di certezze e risorse”

Emergenza sisma. Il Presidente torna a chiedere lo stato di emergenza e la deroga al patto di stabilità. “Abbiamo bisogno di certezze e risorse”

Alla Regione chiede la convocazione di un Consiglio aperto con la partecipazione degli Amministratori locali e l’immediata “rimodulazione dei fondi ordinari già assegnati all’Abruzzo dal Governo e dall’Europa: le imprese hanno bisogno di quei soldi ora”


La Provincia teramana e i Comuni sono in campo con il massimo sforzo per aiutare gli aquilani e tutto l’Abruzzo: “Detto questo, dobbiamo passare dalle parole ai fatti”. Questo il messaggio del presidente della Provincia di Teramo, Ernino D’Agostino, che questa mattina, insieme al vicepresidente Giulio Sottanelli, alla Giunta e al Presidente del Consiglio, Ugo Nori, ha incontrato gli organi di informazione per fare il punto sull’emergenza che ha sconvolto l’Abruzzo: sulle cose fatte, sulle cose da fare, sulle richieste che la Provincia avanza al Governo e alla Regione.

“Ci siamo attivati da subito, insieme ai Comuni, per portare soccorso alle popolazioni colpite dal sisma – ha detto – le amministrazioni locali e gli operatori turistici teramani sono in prima linea per garantire l’accoglienza. In provincia di Teramo ci sono circa 15 mila aquilani e noi abbiamo intere frazioni evacauate, centinaia di teramani senza casa, ingenti danni al patrimonio edilizio privato e pubblico. Abbiamo, da subito, il problema di trovare risorse per intervenire nelle scuole superiori danneggiate e nelle sedi della Provincia chiuse; un problema che hanno anche i Comuni per gli edifici di loro competenza; il sistema turistico locale è fortemente compromesso: per questo chiederemo il riconoscimento dello stato di calamità naturale. Lo abbiamo già fatto con una documentazione ufficiale sottoscritta dai Sindaci, tornerò a farlo domani a Pescara, nella riunione con il capo dipartimento della Protezione Civile, Guido Bertolaso: se non ci ascolteranno daremo vita a iniziative eclatanti”.

Il presidente D’Agostino ha specificato che sono in corso continui monitoraggi tecnici sulle strutture e che non c’è ancora una stima precisa dei danni ma: “tenuto conto degli interventi strutturali e delle conseguenze negative sul’economia, soprattutto turistica, solo in provincia di Teramo, stiamo parlando di decine di milioni di danni”. D’Agostino, al Governo, chiede certezze perchè: “al momento non abbiamo avuto comunicazioni ufficiali di sorta”.

In particolare, al Governo, D’Agostino chiede risorse per la sistemazione antisismica delle scuole; per coprire le spese dell’accoglienza e dei servizi che stanno anticipando i Comuni e la deroga del Patto di Stabilità per consentire alle amministrazioni locali di usare fondi di cassa. Su un punto è stato molto netto: “Non accetteremo commissari da Roma, l’Abruzzo va ricostruito dagli abruzzesi”.

“Tutte le iniziative che verranno messe in campo per le imprese aquilane: sgravi fiscali, tassazioni agevolate e quant’altro – ha aggiunto il vicepresidente Giulio Sottanelli – devono essere estese anche alla provincia di Teramo che affronta il peso più forte delle conseguenze del sisma che ha devastato L’Aquila”.

Alla Regione, la Provincia, chiede che venga convocato immediatamente un Consiglio Regionale aperto, allargato agli amministratori abruzzesi e la: “rimodulazione immediata dei fondi Fesr, Fas e Fse in maniera da rendere disponibili quanto prima i finanziamenti ordinari già stanziati per l’Abruzzo dal Governo e dall’Europa. L’economia abruzzese ha bisogno subito di quei soldi”.

Infine D’Agostino lancia una proposta per l’Università: “E’ il momento di ragionare in termini di sistema universitario abruzzese per garantire che riprenda presto l’attività dell’Università Aquilana anche in sedi distaccate, evitando di disperdere un grande patrimonio come quello rappresentato dalla ricerca e dalla formazione”.


Sulle iniziative svolte in questi giorni è stato ricordato che la Provincia di Teramo dal 6 aprile ha inviato squadre di tecnici e di soccorso che sono ancora a L’Aquila: ha convocato i Sindaci creando un coordinamento per gli aspetti riguardanti l’emergenza; ha stipulato un’intesa con gli Ordini professionali per supportare i Comuni, a titolo gratuito, nell’azione di verifica degli stabili (intesa della quale si sono avvalsi, fino ad ora, oltre 30 Comuni). Infine, Presidente e Giunta, hanno ringraziato quanti, Sindaci, imprese, operatori turistici, cittadini, professionisti e anche dipendenti della Provincia che: “da giorni sono in prima linea sul fronte dell’emergenza con un impegno e una generosità davvero fuori dal comune”.

Incontro sugli aiuti per il rilancio della Val Vibrata e della vallata del Tronto

Aiuti per il rilancio della Val Vibrata e della vallata del Tronto,
il Presidente D’Agostino convoca i sindaci e le associazioni

Il Presidente, Ernino D’Agostino, ha convocato per lunedì 20 aprile, alle ore 9, nella sede temporanea di via D’Annunzio, i sindaci dei comuni della Val Vibrata e le associazioni di categoria allo scopo di concordare l’elenco delle iniziative da candidare a finanziamento nell’ambito del Protocollo d’intesa per il rilancio produttivo ed occupazionale della Val Vibrata e della vallata del Tronto. Protocollo che l’ente ha sottoscritto lo scorso anno con il Ministero dello Sviluppo economico, la Provincia di Ascoli e le Regioni Abruzzo e Marche e che prevede diverse azioni di contrasto alla crisi in atto e per il rilancio dell’area.

La riunione, alla quale parteciperà anche l’assessore alle Attività produttive Orazio Di Marcello, servirà a definire puntualmente i suggerimenti e le proposte da portare all’attenzione del Governo nazionale nell'imminente incontro che lo stesso avrà con le Regioni Abruzzo e Marche. Le proposte, peraltro, sono state già condivise nelle loro linee generali dall’Opes, l’Osservatorio provinciale per l’economia e lo sviluppo, nelle riunioni svoltesi in Provincia.

Lunedì, presentazione rivista della Madonna dello Splendore di Giulianova

Associazione Culturale “Padre Candido Donatelli” Giulianova Lunedì 20 Aprile 2009 Ore 17,30
Antiche Scuderie sotto Belvedere
Presentazione del 28º numero della Rivista “La Madonna dello Splendore”
La S.V. è invitata ad intervenire Il Presidente MARIO ORSINI

Presentazione candidatura dell'avv. Pierangelo Guidobaldi a Sindaco di Giulianova.


Sabato prossimo 18 aprile 2009, ore 10:45, presso il "Giardino d'Inverno" del Grand Hotel
Don Juan del Lido di Giulianova, si terrà la conferenza stampa di presentazione della
candidatura dell'avv. Pierangelo Guidobaldi a Sindaco della Città.Oltre ad alcuni candidati al Consiglio Comunale, saranno presenti:-Giancarlo Cameli;-Pierangelo Guidobaldi;-Giuseppe Laudadio;-Enrico Robuffo;-Bruno Tarantella;-Daniele Testardi.Nel ringraziarVi per la consueta cortese attenzione, invio i più cordiali saluti

La Cna e Consip hanno avviato una collaborazione con l’obiettivo di informare le aziende sull’opportunità di business connesso all’utilizzo del Merca

La Cna e Consip hanno avviato una collaborazione con l’obiettivo di informare le aziende sull’opportunità di business connesso all’utilizzo del Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione.

Le amministrazioni centrali e periferiche dello Stato, per acquisti al di sotto della soglia comunitaria, sono obbligate a fare ricorso al mercato elettronico della pubblica amministrazione ( di cui al DPR 101/02).
Con Il Progetto “Sportello Impresa” la Cna di Teramo si propone, attraverso la costruzione di sportelli presso le strutture provinciali della Associazione di agevolare l’utilizzo del sistema da parte delle imprese.
Allo scopo di approfondire gli aspetti di contenuto ed operativi che caratterizzano il progetto, La Cna di Teramo ha organizzato un incontro per il giorno 20 Aprile alle ore 10.00 presso la propria sede di Teramo in Via F. Franchi n. 9/23.
L’incontro sarà l’occasione per approfondire tutti gli aspetti tecnici ed operativi per poter valutare la potenzialità di questo servizio per le nostre imprese.
All’incontro sarà presente la Dott.ssa Francesca Minerva, responsabile per Consip del progetto, e la collega Paola Grossi della Cna Nazionale.

Convocazione Tappa di Aprile 2009!

TAPPA di APRILE 2009 – “SOLIDARIETA’ AGLI AMICI AQUILANI”
Lo Staff di Agritour Teramo è lieto di comunicare a tutti i soci che la tappa di Aprile 2009 si svolgerà venerdì 24 aprile 2009 presso l’agriturismo “Il Vecchio Ulivo” (Tel. 085.8958506) sita in Via Colle Croce, 6 – Contrada Piano Cecchino nel comune di Morro D'Oro (TE)!
[Durante la serata verrà bandita un’asta di beneficenza in favore delle popolazioni aquilane colpite dal terremoto del 6 aprile u.s. L’asta, alla quale parteciperanno tutti i soci presenti all’incontro, avrà il seguente funzionamento: i soci sono invitati a portare con loro alla cena uno o più oggetti che verranno messi all’asta, e il cui ricavato si aggiungerà ad una somma già accantonata dall’associazione Agritour Teramo e che sarà interamente devoluta in beneficenza. A titolo puramente esemplificativo si elencano una serie di prodotti che potrebbero essere oggetto dell’asta: bottiglie di vino (o spumanti o liquori come genziana e vino cotto), libri e fumetti, telefoni cellulari, divise sportive (maglie da calcio o altri sport), indumenti nuovi (come t-shirt, maglioni, giubbini, camicie, cravatte, scarpe che magari non abbiamo mai indossato perché non della nostra taglia), giochi in scatola mai usati, occhiali da sole, dvd (film o giochi), oggetti in ceramica o legno, ecc. Ogni oggetto messo all’asta avrà una base concordata con chi ha portato l’oggetto stesso. Per qualsiasi informazione non esitate a contattarci alla nostra e-mail tappamensile@agritour.te.it o al 328.8977652 (Alfredo)]

Questo il menù di massima della serata:
Antipasti a base di:
- Formaggio fritto, mazzarelle, verze con le sarde, lonza, prosciutto e formaggio, frittelline ecc.;
Primi:
- Tagliolini con i fagioli;
- Gnocchi con sugo di cinghiale;
Secondo e contorni:
- Grigliata mista;
- Insalata e patate al forno;
Pizzadolce;
Vino sfuso della casa, caffè ed amari.

Prezzo € 24,00 circa.

Le prenotazioni si chiuderanno alle ore 13 di giovedì 23 aprile 2009!
Per le adesioni confermare tramite e-mail (info@agritour.te.it o tappamensile@agritour.te.it) o tramite SMS (cell. 328.8977652)!
Appuntamento direttamente al locale, alle ore 20 e 15.
A venerdì, lo Staff di Agritour Teramo.
www.agritour.te.it

Teramo. IL COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL COMUNE DI TERAMO

COMUNE DI TERAMO
Commissario Straordinario

Teramo, lì 17 aprile 2009
Protocollo Generale n.
Registro Ordinanze n.


IL COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL COMUNE DI TERAMO

Richiamata la propria ordinanza in data 6 aprile 2009, con la quale si disponeva, a seguito del gravissimo evento sismico cha ha interessato la città de l’Aquila e l’intero territorio della Regione, la chiusura di tutti i plessi scolastici di ogni ordine e grado nel territorio del Comune di Teramo, dalla data predetta e sino a nuove disposizioni in merito;
Visto l’esito della verifica Tecnica in data 16.04.2009, del Dirigente del V Settore – LL.PP. e Protezione Civile e Gestione del Patrimonio del Comune di Teramo, Arch. Osvaldo Mattei, nonché l’esito delle verifiche tecniche effettuate dal Dirigente del VII Settore dell’Amministrazione Provinciale di Teramo, ing. Domenico Di Giovannantonio;
VISTO il verbale della riunione tenuta in data odierna con le Istituzioni Provinciale e Scolastiche, ove si è concordato di disporre la riapertura degli edifici scolastici dichiarati agibili a seguito dei sopralluoghi effettuati dai tecnici dei rispettivi uffici del Comune e della Provincia;

Visto l’art. 54 del D.lvo 267/2000



O R D I N A
La riapertura, a far data dal 20/04/2009, di tutte quelle scuole di ogni ordine e grado, ivi compresi gli asili nido, dichiarate espressamente idonee al riuso da parte del Dirigente del V Settore – LL.PP. e Protezione Civile e Gestione del Patrimonio del Comune di Teramo, Arch. Osvaldo Mattei, nonché da parte del Dirigente del VII Settore dell’Amministrazione Provinciale di Teramo, Ing. Domenico Di Giovannantonio, in riferimento agli edifici scolastici di proprietà provinciale;

O R D I N A
La prosecuzione, sino a nuove disposizioni, della chiusura delle seguenti scuole, in quanto abbisognevoli di accertamenti tecnici, oltre che delle seguenti strutture di pertinenza di edifici scolastici:
Liceo Classico ubicato in Piazza Dante;
Istit. Tecn. Commerciale “V. Comi” ( vecchio edificio) ubicato in Viale Bovio;
I.P.S.I.A. ubicato in Via San Marino, nonché delle seguenti scuole elementari e materne:
Scuola Elementare Febbo 1 di San Nicolò a Tordino;

Scuola Elementare Risorgimento di Teramo;

Scuola Materna di Via Tevere;

Scuola Materna di Via Diaz;

Asilo Nido di Via Diaz;

Asilo Nido di Villa Mosca;

Palestra della scuola media di Villa Vomano;
Palestra e Auditorium dell’Istituto Tec. “C. Forti”;
Locale n. 98 del Liceo Scientifico di Teramo;
Intero corpo di fabbrica ospitante i laboratori e l’Auditorium per l’Istit. Tec. Comm.le per Programmatori “B. Pascal”;


A U T O R I Z Z A

altresì, l’accesso immediato, agli edifici scolastici dichiarati idonei, del personale amministrativo al fine di permettere la predisposizione degli adempimenti prodromici alla ripresa dell’attività scolastica fissata per il giorno 20 Aprile 2009;

D I S P O N E

La massima diffusione della presente ordinanza a tutti i plessi scolastici, le direzioni didattiche, gli organi di stampa e di diffusione radio televisiva, nonché la comunicazione alla Prefettura di Teramo, alla Questura di Teramo, al Comando Provinciale dei Carabinieri, al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, alla Provincia di Teramo, all’Ufficio Scolastico Provinciale di Teramo e al Comando di Polizia Municipale di Teramo.

Dalla Residenza Civica Teramo li, 17/04/2009



Il SubCommissario Straordinario
Dr Eugenio Matronola

Terremoto. Vorremmo, attraverso la nostra iniziativa, dare un contributo ai nostri amici abruzzesi che lavorano nel mondo dello spettacolo come noi.

un contributo ai nostri amici abruzzesi che lavorano nel mondo dello spettacolo come noi.

La musica e l’arte sono i migliori veicoli per riassaporare la vita e continuare a vivere.
Pertanto Zenart offre ai musicisti e a tutti gli artisti dello spettacolo l’iscrizione gratuita per tutto il 2009 anziché 120 Euro.ZenArt - Servizi per lo spettacoloZenArt nasce per venire incontro alle esigenze di tutti i lavoratori del settore dello spettacolo che hanno bisogno di essere in regola con le normative fiscali e contributive.Attraverso il suo portale web ZenArt permette al socio artista di ottenere autonomamente il certificato di agibilità Enpals, snellendo la burocrazia da sempre poco affine allo spirito artistico.Vi chiediamo, in quanto gestori di sito internet, di far girare la notizia e contattarci per maggiori informazioni.
Marco De Barbieri
-- ZenArt.itVia Pedemonte 1816149 Genova
Tel.+ 39 010.86.88.724
Mob. + 39 329.60.96.007
Fax + 39 010 86 31 723
www.zenart.it

Terremoto. Comunicato ufficiale Red Blue Eagles L'Aquila 1978


Comunicato ufficiale Red Blue Eagles L'Aquila 1978


I Red Blue Eagles L'Aquila 1978 Curva Sud comunicano che è stato aperto un conto corrente bancario presso la Banca di Credito Cooperativo di Roma agenzia di Sassa (L'Aquila) (Per coordinate bancarie ed intestazioni del c/c vedi sotto) per raccogliere fondi che serviranno per la ricostruzione di una scuola o di un asilo o di un monumento storico su cui, al termine della ricostruzione, sarà posta una targa ricordo con tutti i gruppi Ultras che hanno contribuito alla sua realizzazione. E' preferibile non inviare viveri poichè tutte le tendopoli sono piene, ma soprattutto per lasciare nel tempo il ricordo scritto della Vostra Solidarietà. Ringraziamo in anticipo tutti i gruppi che aderiranno a questa iniziativa, il Vostro Gesto non sarà MAI DIMENTICATO!!! PER SEMPRE ULTRAS. NON E' FORTE CHI NON CADE, MA E' FORTE CHI CADE E SI RIALZA.


L'AQUILA RIALZATI E TORNA A VOLARE. Conto Corrente:numero 2235 presso BCC di Roma - Agenzia di Sassa (AQ) nr.73 Codice Iban: IT 25 V 08327 03601 000 000 00 2235 Intestazione: Caruso Pasquale Giuseppe - Di Filippo Emilio - Iannini Andrea - Pace Antonello - Tinari Paolo


Causale: FONDI PRO-TERREMOTO-RED BLUE EAGLES L'AQUILA 1978

Nr. di telefono: 349/5877022 - 339/5363332

Indirizzo email: d_squadrito@yahoo.it

Rinvio X Festival Internazionale Bande Musicali

Oggetto: Rinvio X Festival Internazionale Bande Musicali
Immutato il rito per la Festa della madonna dello Splendore

L’Associazione Culturale Padre Candido Donatelli Comunica che a causa dell’immane tragedia che ha colpito l’Abruzzo con la terribile scossa di terremoto che lunedì 6 aprile scorso ha devastato L’Aquila e numerosi paesi limitrofi, il Comitato organizzatore, unitamente a Don Domenico Panetta, ha deciso di rinviare a data da destinarsi la decima edizione del Festival Internazionale di Bande Musicali in programma a Giulianova dal 22 al 26 aprile prossimo.
In questo momento di estrema emergenza la popolazione locale è infatti tutta impegnata nelle attività di soccorso e accoglienza delle migliaia di persone rimaste senza una casa.
È sembrato quindi inopportuno procedere con la manifestazione anche per via della indisponibilità di posti letto che necessitano per ospitare le Bande e i tanti turisti che l’evento richiama da ogni parte d’Italia.
Rimane invece invariata la celebrazione religiosa della Festa della Madonna dello Splendore. Il primo appuntamento è per lunedì 20 aprile alle ore 17.30 per la presentazione della Rivista dedicata alla Madonna dello Splendore
( Antiche Scuderie sotto il Belvedere).
Martedì 21 aprile alle 17.30 ci sarà la processione dalla Chiesa di S. Flaviano al Santuario dei Cappuccini. Di seguito si terrà la messa e alll termine la processione tornerà al Duomo di S. Flaviano con la statua della Madonna.
Mercoledì 22 alle 10.30 solenne processione in onore di Maria SS dello Splendore con la partecipazione del Vescovo di Teramo che alle 12.00 celebrerà la Messa in Piazza Belvedere. Domenica 26 aprile alle 18.30 processione del simulacro di Maria SS dello Splendore dal Duomo di S. Flaviano verso l’ospedale dove alle ore 19.00 si terrà la Messa presieduta da Mons. Decio Cipolloni Vicario Generale della Diocesi Pontificia di Loreto. Alle 20.30 rientro della Madonna al Santuario dello Splendore.
Il ricavato della questua, tolte le spese necessarie – sarà devoluto in favore dei terremotati.

2009.04.16 Newsletter n.08, Cai di Castelli

EMERGENZA TERREMOTO IN ABRUZZO – 6 aprile 2009
Alle ore 3:32 del 6 aprile del 2009 la città dell’Aquila, capoluogo dell’Abruzzo, è stata colpita da un terremoto di 5,8 gradi della scala Richter che ha provocato 295 morti, 1500 feriti e circa 55000 sfollati. Il Centro Storico ha subito danni gravissimi nella maggior parte degli edifici di valore storico e culturale con le chiese danneggiate o completamente crollate. Insieme all’Aquila sono stati pesantemente interessati dal sisma diversi paesi limitrofi. Dopo il violento terremoto il Cai si mobilita in Abruzzo ed è presente sui luoghi con numerosi soci, si mette a disposizione della Protezione Civile e apre un conto corrente di solidarietà a favore delle vittime del terremoto. In questa azione nazionale trova sostegno da Uncem e Federbim e solidarietà da Sezioni di ogni Regione.
Le coordinate bancarie per chiunque volesse contribuire a questo gesto di solidarietà sono:Conto corrente n° 500X36 intestato “RACCOLTA FONDI IL CAI PER L’ABRUZZO”Banca Popolare di Sondrio – Agenzia Milano 21IBAN IT42 F056 9601 6200 0000 0500 X36
Il Presidente Generale del Cai, Annibale Salsa ha dichiarato: “Ancora una volta la montagna è al centro di un accadimento naturale tragico. Il Cai è vicino alla popolazione delle Terre Alte dell’Appennino, che vivono e presidiano il territorio della montagna.”Il Presidente del Cai Abruzzo, Eugenio Di Marzio, insieme ai Presidenti di Sezione, ai titolati Cai e al CNSAS è in movimento per aiutare la città a rivivere, a riorganizzare le strutture e i servizi presenti. Il Soccorso Alpino e Speleologico è prontamente intervenuto in aiuto alla popolazione abruzzese colpita dal terremoto.Il Cai Abruzzo, che si riunirà in Assemblea Ordinaria il 18 aprile, intende organizzarsi adeguatamente, per esserci con continuità ed efficacia, coordinando anche la decisione di Sezioni Cai di altre Regioni che intendono essere presenti in Abruzzo. Attraverso la mail emergenza.terremoto@caiabruzzo.it ci si può iscrivere ad un elenco di persone disponibili.Il Cai vuole conservare la comunità nella sua conformazione urbanistica, dando senso alla continuità, ricostruendo la città nel rispetto delle norme antisismiche e migliorandola nella qualità dell’ambiente, con il risparmio energetico e la riduzione delle emissioni. Un impegno tra ecologia, economia e sostenibilità, assunto pensando ai giovani studenti, che hanno pagato un troppo pesante tributo e per i quali si è disposti a utilizzare le sedi sezionali e il valore culturale e sociale del nostro sodalizio.
PER SAPERNE DI PIU’
18 aprile 2009 – Assemblea Ordinaria delle Sezioni del Cai Abruzzo, a Teramo…continua
15 aprile 2009 – Articolo di approfondimento di Filippo Di Donato: L’Aquila, città simbolo dell’Appennino…continua
14 aprile 2009 - Comunicato del Presidente Cai L’Aquila, Bruno Marconi…continua
11 aprile 2009 – Comunicato del Presidente Cai Abruzzo, Eugenio Di Marzio: segnala la tua disponibilità a collaborare al dopo terremoto…continua 10 aprile 2009 – Sequenza sismica all'Aquila…continua 8 aprile 2009 - Comunicato del Presidente Cai Castelli, Giancarlo Di Pietro, sugli effetti del terremoto a Castelli...continua
7 aprile 2009 - Uncem e Federbim aderiscono alla raccolta nazionale di fondi lanciata dal Cai per l’Abruzzo...continua
7 aprile 2009 - Comunicato Stampa - Il Soccorso Alpino e Speleologico in aiuto alla popolazione abruzzese colpita dal terremoto. Bertolaso ha richiesto disostruttori e cinofili del CNSAS...continua
6 aprile 2009 - Dopo il violento terremoto il Cai si mobilita in Abruzzo…continua
Agenda
31 maggio 20099^ giornata nazionale dei sentieri...continua24 maggio 2009Il Cai dell'Aquila organizza la Giornata del "Solstizio d'Estate"...continua16 maggio 2009Convegno Psike a Giulianova...continua9 -10 maggio 2009Escursioni del 9-10 maggio nel P.N.A.L.M....continua26 aprile 2009Trofeo Renato Velletri...continua25 aprile 2009Intitolazione della Sezione Cai di Arsita...continua19 - 22 aprile 2009Corso CAI per Docenti - Val Camonica...continua
19 aprile 2009Escursione al Monte Foltrone...continua
19 aprile 2009Escursione Trabocchi di Vasto…continua
(Archivio delle news da 26/12/07)
Altre notizie...continua
Per scaricare il file zippato cliccace sul link scarica ora il file Info Cai Castelli: Filippo Di Donato Cell. 339.7459870 info @ caicastelli . it www.caicastelli.it

Rinviati i concerti del Winter Festival

Rinviati i concerti del Winter Festival

Provincia di Teramo e Comune di Civitella del Tronto, insieme all’associazione Musica e Parole Eventi e alla ditta Service Time, organizzatrici dell’evento, comunicano che i concerti del Winter Festival previsti per il 18 aprile (Bass Summit) e per il 23 aprile (Sergio Caputo), in programma a Civitella del Tronto, sono rinviati a data da destinarsi, nel pieno rispetto del dolore dei familiari delle vittime del terremoto e considerando la gravissima situazione in cui si trovano le popolazioni della provincia dell'Aquila e delle zone colpite.

L’associazione Musica e Parole comunica inoltre di avere ricevuto numerosi messaggi di solidarietà da parte degli artisti esibitisi in occasione delle precedenti edizioni del Winter e del Summer Festival, i quali hanno voluto testimoniare per il tramite degli organizzatori la loro vicinanza agli abruzzesi.

Il Consiglio Provinciale approva il Piano d’Area della Media e Bassa Val Tordino. Questa mattina la presentazione ufficiale

Il Consiglio Provinciale approva il Piano d’Area della Media e Bassa Val Tordino. Questa mattina la presentazione ufficiale

Nuclei produttivi organizzati come aree ecologicamente attrezzate, un sistema complesso di viabilità alternativa con piste ciclo-pedonali, stazioni di interscambio per incentivare lo scambio "treno-auto-bici-pedone", il potenziamento di alcune aree urbane con la localizzazione di servizi pubblici, l'attuazione di politiche di distretto per le aree rurali. E’ quanto prevede il Piano d’Area della Media e Bassa Val Tordino, presentato questa mattina presso la Sala Polifunzionale della Provincia in via Comi.

“Uno strumento di pianificazione moderno e innovativo per programmare e governare sviluppo economico, produttivo ed urbano della vallata elaborato attraverso un ampio processo di ascolto e condivisione con Comuni, enti locali, associazioni ambientali e gli altri portatori d’interesse del territorio” – ha commentato il Presidente D’Agostino in apertura dei lavori – “Il Piano è stato adottato all’unanimità nella seduta di ieri pomeriggio dal Consiglio Provinciale, un passaggio importante e necessario che consente di aprire le procedure di presentazione delle osservazioni al Piano stesso”.

Questi, in sintesi, i “progetti strategici” contenuti nel Piano ed illustrati questa mattina nel corso del convegno di presentazione: i progetti “fiume” e “mobilità” puntano sulla sostenibilità del sistema della viabilità locale attraverso la realizzazione di percorsi “ciclo-pedonali” lungo tutto il Tordino, lo sviluppo della mobilità alternativa ed il potenziamento del trasporto su rotaia con il prolungamento della ferrovia a servizio del polo universitario di Teramo ed il collegamento diretto fra Teramo e Pescara. Sostenibilità e qualità ambientale al centro anche del progetto per la creazione di nuove “aree ecologicamente attrezzate”, ovvero insediamenti produttivi ed urbani pensati per essere ecologicamente efficienti attraverso l’utilizzo di fonti rinnovabili e la promozione di sistemi di certificazione ambientale (Emas e Iso) .
Con il progetto “aree rurali”, infine, prevista la realizzazione di "parchi agricoli" per incentivare la produzione di qualità e il turismo rurale.
Alcuni di questi interventi (prolungamento della rete ferroviaria nell’area urbana del capoluogo e realizzazione di un primo lotto della pista ciclabile Teramo-mare) sono stati già presentati a finanziamento dalla Provincia nell’ambito della programmazione comunitaria dei Fondi Fas per le aree sottosviluppate 2007-2013.

Al convegno di presentazione hanno partecipato, fra gli altri, l’assessore provinciale all’Urbanistica, Alfonso Vella, il dirigente del settore Urbanistica e Pianificazione Territoriale della Provincia, Francesco Antonelli, i consulenti che hanno collaborato alla redazione del Piano, Roberto Mascarucci, Piergiorgio Landini e Lorenzo Pignatti, docenti presso l’Università “G. D’Annunzio” di Pescara, il consulente esterno Giustino Vallese e il coordinatore generale dell’Ufficio di Piano della Provincia, Giuliano di Flavio. Nel corso della giornata, infine, sono stati presentati anche altre esperienze di pianificazione e governo del territorio realizzate in altre realtà nazionali (Province di Forlì-Cesena, Modena, Foggia, Rimini e Regione Lazio).

Terremoto. Il punto sui controlli nelle scuole

Terremoto. Il punto sui controlli nelle scuole

Proseguono le verifiche dei tecnici del settore Edilizia scolastica negli istituti superiori di competenza della Provincia.

Mentre le scuole superiori di Nereto, Giulianova e Roseto sono state già riaperte dopo aver riscontrato l’inesistenza di problemi, gli altri istituti sono in attesa del formale compimento delle indagini e della relativa comunicazione alle amministrazioni comunali interessate. La situazione è la seguente.

Ad Atri le verifiche sono state eseguite sia nel polo scolastico (liceo classico e istituto tecnico commerciale) sia all’Ipsia e da poco comunicate all’amministrazione, che dunque potrà decidere per la riapertura. Rimane invece chiusa la palestra a servizio delle due scuole, che necessità di approfondimenti per alcune lesioni esterne. L’impianto rimarrà chiuso anche la prossima settimana.

All’Itis di Sant’Egidio, invece, non si sono riscontrati problemi né nei locali di vecchia costruzione utilizzati dall’istituto né nella nuova sede e, dunque, si potranno riaprire le porte agli studenti.

In fase di ulteriore verifica l’istituto d’arte di Castelli, l’istituto tecnico per programmatori di Montorio e l’istituto Pascal di Teramo (qui nella prima visita sono stati riscontrati danni alle pareti divisorie dei laboratori).

A Teramo completati i controlli all’istituto per geometri Forti, che può riaprire con l’unica prescrizione che l’auditorium e la palestra devono essere tenuti sotto osservazione e per il momento saranno interdetti all’uso. Non sembrano tuttavia esservi danni strutturali.

Senza problemi anche l’Istituto alberghiero Di Poppa, per il quale le verifiche hanno dato esito negativo, e il Liceo artistico di Teramo, che non presenta danni di rilievo e dovrebbe riaprire.

Possono riaprire inoltre l’istituto magistrale Milli, l’Itis e il Liceo scientifico, dove ci sono lesioni non rilevanti all’ingresso che saranno riparate prima del ritorno degli studenti. Verifiche ancora da compiere, invece, per l’Istituto professionale per l’agricoltura di Piano d’Accio.

A Teramo sono ancora sotto osservazione e richiedono ulteriori accertamenti tecnici, infine, il liceo classico, il Comi e l’Ipsia.

Per fare il punto sulle scuole del capoluogo domani è previsto un nuovo incontro con il Comune di Teramo e le altre autorità, nella sede del Municipio.

Cameriere! Cappello, mantello e ombrello! al Nome della Rosa di Giulianova alta (TE)

Sabato 18 ORE 22,00
MUSICA & TEATRO
«Cameriere! Cappello, mantello e ombrello!»Un secolo d'arte al Caffè La Rotonde.Performance musicale teatraleA cura di:Anna Cecilia POLETTIMichele SCURTI InterpretiIl cameriere: Walter GalottoPianisti: Flavio Moretti, Anna Cecilia Poletti, Michele ScurtiMusiche di Claude Debussy, Maurice Ravel, Erik Satie, Charles Aznavour, Georges Brassens, Joseph Kosma, Charles Trenet. La ditta provvede a riparazioni armoniche.I compositori della ditta usano solo vecchie armonie,verificate con una lunga pratica.Alla moda di Oggidì.Tutta la nostra musicaè stata accuratamente ritoccata dai nostri impiegati.Specialità di rimaneggiamenti musicali.Il nostro principio commerciale:fare il nuovo con il vecchio.Musica seria resa gaia.I pezzi più difficili, ridotti per un solo dito.Melodie vocali arrangiate per due pianoforti.Niente più composizioni incomprensibili.La Sottigliezza alla portata di tutti.Sonate ridotte, riarmonizzate.La nostra musica è garantita suonabile. (Erik Satie)

http://www.ilnomedellarosa.com/schedanews.php?id=242

Al MediaMuseum di Pescara: “Vivere senza menzogna”Mostra su Aleksandr Solgenicyn

Al MediaMuseum di Pescara: “Vivere senza menzogna”
Mostra su Aleksandr Solgenicyn

PESCARA, 16 Aprile ’09 -Sarà inaugurata alle ore 17,30 di oggi, giovedì 16 aprile, nelle sale espositive del Mediamuseum di Pescara, una Mostra documentario-fotografica dedicata allo scrittore russo Aleksandr Solzenicyn dal titolo “Vivere senza menzogna”.
Curata dagli studenti del Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei, coordinata dalle Prof.sse Maria Assunta Paolone e Lea Di Pietro, la mostra è un’occasione, dopo la scomparsa dello scrittore avvenuta nel 2008, per conoscere meglio la figura di uno dei più importanti autori internazionali, che attraverso la sua vita, la sua storia e la sua opera, testimonia la libertà irriducibile di ogni uomo. Essa è organizzata in due sezioni principali: la prima di carattere storico-biografico, ripercorre la storia personale di Solzenicyn e quella del popolo russo; la seconda attinge dai grandi romanzi dello scrittore (da Una giornata di Ivan Denisovic a La casa di Matrona, da Primo cerchio a Divisione cancro). Essa è composta da 42 pannelli di varia misura ed è corredata da un video con l’ultima intervista a Solzenicyn prima della morte.
La mostra è stata realizzata in occasione della manifestazione “Meeting per l’Amicizia fra i popoli” nel 2008. Resterà aperta fino al 23 aprile nei giorni e negli orari di apertura del Mediamuseum (dal lunedì al sabato dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 17,00 alle 19,00).E’ possibile prenotare visite guidate presso la Prof.ssa Isabella Coccia 347 7986297.

giovedì 16 aprile 2009

SI PUO' ANCORA CRITICARE L'ISLAM?

Lodovico Ellena
SI PUO' ANCORA CRITICARE L'ISLAM?
Prefazione di Mario Borghezio
Presentazione di Emanuele Pozzolo
Edizioni Tabula fati, Chieti 2009

«Fate la guerra a coloro che non professano la credenza della verità. Combatteteli tutti senza eccezione finché non paghino il tributo e che siano umiliati. [.] Combatteteli dovunque li troverete. [.] Quando incontrerete gli infedeli uccideteli senza pietà con grande spargimento di sangue e stringete forte le catene dei prigionieri. [.] Chi cade sulla strada di Allah avrà i favori e la misericordia di Allah. [.] Allah mette le anime dei guerrieri caduti nei corpi di uccelli verdi che berranno nei fiumi del paradiso e mangeranno i suoi frutti.» Gli ordini impartiti da Maometto ai "veri credenti" attraverso il Corano non lasciano ombra di dubbio: l'Islam è la religione della spada. La storia si incarica di dimostrarci quanto lo sviluppo della religione maomettana sia assolutamente correlato con lo spargimento del sangue: altro che "religione di pace" o "culla della civiltà", come amano dire taluni benpensanti occidentali.

Lodovico Ellena
SI PUO' ANCORA CRITICARE L'ISLAM?
Prefazione di Mario Borghezio
Presentazione di Emanuele Pozzolo
[ISBN-978-88-7475-167-9]Pagg. 96 - ? 7,00
http://www.edizionitabulafati.it/criticarelislam.htm

Giulianova. Conferenza stampa di presentazione della candidatura a Sindaco dell'Avv. Pierangelo Guidobaldi

INVITO
Sabato prossimo 18 aprile 2009, ore 10:45, presso il "Giardino d'Inverno" del Grand Hotel
Don Juan del Lido di Giulianova, si terrà la conferenza stampa di presentazione della
candidatura dell'avv. Pierangelo Guidobaldi a Sindaco della Città.Oltre ad alcuni candidati al Consiglio Comunale, saranno presenti:-Giancarlo Cameli;-Pierangelo Guidobaldi;-Giuseppe Laudadio;-Enrico Robuffo;-Bruno Tarantella;-Daniele Testardi.Nel ringraziarVi per la consueta cortese attenzione, invio i più cordiali saluti


L'Addetto Stampa e P.R. cell.: 340-9858493 Aperitivo

mercoledì 15 aprile 2009

Terremoto. CONTROLLI SU CASE E CONDOMINI E SPETTACOLI DI BENEFICENZA, comunicato della GECO

CONTROLLI SU CASE E CONDOMINI E SPETTACOLI DI BENEFICENZA A FAVORE DEI TERREMOTATI DE L'AQUILA

A partire dalla giornata di oggi 15 aprile 2009 fino a cessata emergenza terremoto in Abruzzo lo Studio Geco Gestione Condomini di Roseto degli Abruzzo, in collaborazione con l'Ingegnere Di Colli e l'Architetto Sorgentone tecnici dello Studio, si mette a disposizione dei condomini dello Studio Geco Gestione Condomini e di tutti coloro i quali necessitino di controlli strutturali per verificare la sicurezza dell'edificio abitativo, sicurezza messa a dura prova dalle frequenti ed intense attività sismiche che hanno interessato anche il nostro territorio provinciale.

Un sopralluogo qualificato per quanti hanno la necessità di verificare la sicurezza e la stabilità del proprio edificio abitativo interessato da crepe o lesioni di varia gravità.

Lo Studio Geco Gestione Condomini inoltre, in collaborazione con la compagnia teatrale Il Gruppo di L’Aquila di Franco Villani, sta organizzando uno spettacolo teatrale di beneficenza (intitolato “Il condominio”) con raccolta fondi a favore delle popolazione colpite dal terremoto del 6 aprile, spettacolo che andrà in scena entro la prima metà di Maggio a Giulianova ed a Roseto degli Abruzzi.


Per l'evento Infoline
Via Manzoni, 287 64026 Roseto degli Abruzzi (TE)
Numero verde 800 134 918
Tel 085/8944189 info@geco.abruzzo.it - www.geco.abruzzo.it

Le news della giuliese Annarita Petrino

Carissimi,

è online il n. 22 di Voci dell’Anima che potete scaricare nell’apposita sezione del sito. È un numero che, pur preannunciandosi come Pasquale, è rimasto stranamente vuoto fino a qualche giorno fa. Poi è arrivato il terremoto qui in Abruzzo ed è come se quelle pagine rimaste vuote fossero state pensate proprio per questo, per parlare di quello che era successo nello stile di Voci.
Qualcosa da dentro mi ha spinto a scrivere, a raccontarvi la storia di una Icona scritta nel cuore del terremoto, presso il monastero S. Chiara delle Clarisse di Paganica. Questo è quello che io so fare, scrivere, così ho raccontato sperando che possiamo aiutarle a ricostruire la loro fraternità.
Troverete anche la testimonianza di Alberto Zuccalà che è scampato per miracolo al terremoto. E non è solo un modo di dire, perché nonostante molte persone trovino difficile pensare a Dio in questo momento, in realtà lì Dio c’era.

Do il benvenuto a una nuova collaboratrice di Voci dell’Anima, la pittrice Emanuela Terragnoli, che ringrazio di cuore per il suo contributo alla rivista.

Vi auguro una buona lettura.

Ave Maria
Annarita Petrinowww.mooncity.
perché guardasse le cose della terra solo da lontano."Teresa di Lisieux
"Ti stimo collaboratrice di Dio stesso e sostegno delle membra vacillanti del suo ineffabile corpo"Santa Chiara D'Assisi

Domani convegno di presentazione del Piano d’Area della Val Tordino

Domani convegno di presentazione del Piano d’Area della Val Tordino

Infrastrutture e produzione, ambiente, centralità urbane e qualità della vita sono i temi del convegno di presentazione del Piano d'Area della Media e Bassa Valle del Tordino, che si terrà domani, 16 aprile, nella sala polifunzionale della Provincia, a partire dalle ore 10.

Nuclei produttivi organizzati come aree ecologicamente attrezzate, un sistema complesso di viabilità alternativa con piste ciclo-pedonali, stazioni di interscambio per incentivare lo scambio “treno-auto-bici-pedone”, il potenziamento di alcune aree urbane con la localizzazione di servizi pubblici, l’attuazione di politiche di distretto per le aree rurali. È quanto prevede il Piano d’Area, “uno strumento di pianificazione – afferma il Presidente D’Agostino – che aspira a diventare un punto di riferimento per governare lo sviluppo, aumentare la competitività del territorio, integrare i processi di urbanizzazione nell’ottica della sostenibilità ambientale”.

Questo il programma del convegno:

Introduzione:
Ernino D'Agostino - Presidente Provincia di Teramo

Presentazione del tema
Alfonso Vella - Assessore Urbanistica Provincia di Teramo
Francesco Antonelli - Dirigente Settore Urbanistica e Pianificazione Territoriale Provincia di Teramo

Illustrazione del Piano d'Area della Media e Bassa Valle del Tordino

Obiettivi ed azioni di una pianificazione strategica condivisa
Roberto Mascarucci - Coordinamento scientifico Gruppo di Progettazione - Professore di Urbanistica Università "G. D'Annunzio" Pescara

L'analisi socio-economico-territoriale della Valle del Tordino
Piergiorgio Landini - Consulente esterno - Professore di Geografia Economica Università "G. D'Annunzio" Pescara

Il sistema della produzione tra nuove centralità ed ambiente
Lorenzo Pignatti - Consulente esterno - Professore di Progettazione Università "G. D'Annunzio" Pescara

Parco fluviale del Tordino: linee-guida per il recupero ambientale e paesaggistico
Giustino Vallese - Consulente esterno Ufficio di Piano

Il processo di "governance" nell'elaborazione del Piano d'Area
Giuliano Di Flavio - Coordinatore generale Ufficio di Piano - V Settore Provincia di Teramo

Dibattito ed interventi

Ore 13.00 - Buffet

Ore 14.30 - La Provincia quale soggetto di pianificazione e di governo del territorio: esperienze e casi di studio

L'attività di pianificazione delle Province: una risorsa per il territorio
Marco Pompilio - Coordinatore Gruppo di Studio INU sulla pianificazione provinciale

Casi di studio

La formazione dei Piani Strutturali Comunali in forma associata all'interno del P.T.C.P.
Roberto Gabrielli - Dirigente Servizio Pianificazione territoriale Provincia di Forlì-Cesena

L'esperienza del P.T.C.P. della Provincia di Foggia nell'ottica della pianificazione strategica
Stefano Biscotti - Dirigente Servizio Pianificazione Territoriale Provincia di Foggia

Metodologie per lo sviluppo sostenibile dell'area vasta Terre dei Castelli in Provincia di Modena
Massimo Casolari - Responsabile Gruppo di Lavoro (Studio Agoraa)

Paesaggio partecipato in Provincia di Rimini: "Progetto Conca".
Elena Farnè - Consulente per il coordinamento del progetto

La progettazione urbanistica delle Aree Ecologicamente Attrezzate: esperienze in atto
Francesca Sorricaro - Libero professionista. Progettista di Aree Ecologicamente Attrezzate

Dal dualismo alla integrazione tra città e campagna: esperienze di progettazione integrata territoriale nella Regione Lazio
Maurizio Di Mario - Responsabile Gruppo di Studio INU "Politiche agricole"

Contributo di Paolo Avarello - Direttore "Urbanistica" e Professore di Urbanistica Università degli Studi "Roma3"

Ore 17.45 - Conclusioni
Massimo Rossi - VicePresidente UPI e Responsabile UPI per l'ambiente

Coordinerà i lavori Pina Manente dell’Ufficio Stampa Provincia di Teramo.

CONFERENZA STAMPA, venerdì a Teramo

CONFERENZA STAMPA
Venerdì 17 aprile
Sala audiovisivi
Biblioteca Dèlfico
Via Dèlfico 16
Ore 11,30


Il Presidente, Ernino D’Agostino, vi invita alla conferenza stampa che si terrà venerdì, alle ore 11,30, nella sala audiovisivi della biblioteca provinciale, per fare il punto sulle iniziative intraprese dopo il terremoto e sulle attività che saranno portate avanti per gestire l’emergenza e la ricostruzione nel territorio provinciale.

Alla conferenza stampa parteciperà anche il Vice Presidente, Giulio Sottanelli, e i tecnici dell’Ente impegnati a fronteggiare l’emergenza.

A Teramo Alessandro Preziosi incontra la stampa

Questa sera alle ore 19 al Teatro Comunale di Teramo Alessandro Preziosi incontrerà la stampa locale.
Le SS.VV. sono pertanto invitate a partecipare.

Evento a Teramo per i terremotati

Samarcanda per "UN SORRISO PER L'ABRUZZO" che si terrà venerdì 8 maggio alle ore 21.00.Evento: UN SORRISO PER L'ABRUZZO "SPETTACOLO DI BENEFICENZA - PRIME ADESIONI"Cosa: PerformanceOrganizzatore: moltiInizia: venerdì 8 maggio alle ore 21.00Termina: venerdì 8 maggio alle ore 23.55
Dove: TEATRO COMUNALEPer vedere altri dettagli e rispondere, segui il link in basso.

http://www.facebook.com/n/?event.php&eid=74680331399&mid=4fbd01G6362fe63G3405b1G7

Terremoto. IL PRC Primi numeri della solidarietà

Primi numeri della solidarietàBRIGATA DELLA SOLIDARIETA' - RIFONDAZIONE - PARTITO SOCIALE

2 campi S. Biagio di Tempera e Carmarda (con cucina e circa un migliaio di sfollati)10 magazzini di cui uno da 200 mteri quadri uno da 100 metri quadri e da domani 1 da 1000 metri quadri30 volontari a rotazione su pescara nei vari magazzin in turno dalle 8,30 alle 22 per 5 giorni di fila compresi ieri ed oggi15 volontari sui campi7/8 furgoni ogni giorno in spoletta tra l'aquila e pescara sui nostri campi e per i paesini3 furgoni sulla costa per rifornimenti per gli alberghi della costarifornimenti per le organizzazioni....Finora 100 furgoni da tutta italia in tutte le ore della notte con i rifornimentiCentinaia di persone hanno donato viveri ed indumenti in questi giorniDecine e decine di lettere ed attestazioni di solidarietà da associazioni , cooperati ove di ex detenuti – ultras compagne e compagniSuperate le 200 offerte di volontariato per i prossimi mesi (decine di disoccupati pronti ad offrire il loro aiuto)Centinaia di posti letto – appartamenti e stanze offerte da tutta italiaDecine di animatori pronti per il nostro asilo popolareDiversi gruppi musicali pronti ad animare i campiMigliaia di euro raccolte (da ogni angolo di’italia)Decine di aziende ci hanno contattato per offrire materialiMille e mille grandi storie di solidarietà da ogni angolo del paese ed il cellulare che continua a trillare...R I C H I E S T A R I F O R N I M E N T I aggiornamento del 14/04/09INTIMO (NO USATO):Pigiami – slip – canottiere – reggiseni – calzeIGIENE PERSONALE:Pasta adesiva per dentiere – pasticche per dentiere - spugne da doccia nuove – sapone liquido – salviettine umidificate – dentifricio – spazzolini – schiuma da barba – rasoi – shampoo – assorbenti – detergente intimo – fazzoletti di carta – bacinelle per acqua – deodoranti donna/uomo – pomate e creme (adulti e bambini) – cotton fioK–UNTENSILI:Guanti in lattice da casa – spugne nuove per piatti – scolapasta – utensili da cucina – taglieri – vettovagliamento monouso – vassoi alimenti monouso – pettini – torce da campo – torce a dinamo – pile per torce - stendipanni e molletteALIMENTARI:The – cacao in polvere – orzo – latte in polvere – caffè solubile – condimenti spezie/odori – olio per frittura – risoPULIZIE:Amuchina - detersivo per panni – detersivo per piatti – candeggina – sgrassatori – sacchetti immondizia – strofinacci - bidoni – taniche per acquaVARIE:Cosmetici – creme solari – ombrelli – K-way - –– bustine assorbi colori – pellicola alluminio – pellicola per alimenti - stufe a olio – gazebo a fisarmonica

MATERIALE SANITARIO:Farmaci esclusivamente d’uso comune (aspirina, antinfiammatori) – acqua ossigenata citrosil – garze – cerottiINDUMENTITute uomo/donna – ciabatte (nuove) - cintePer il momento abbiamo sospeso le forniture di vestiario, latte, omogeneizzati, alimenti per bimbi ed acquaAvvertenze: solo alimenti a lunga scadenza, indicare date di scadenza, se si consegna materiale dentro scatoloni (grandi raccolte) dividere il più possbile per tipologie,per gli indumenti dividere per tipologie e taglie“

Brigata di Solidarietà Attiva” Partito della Rifondazione ComunistaTel. 085 66 7 88mail info@rifondazioneabruzzo.org Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo www.rifondazione.it www.partitosociale.orgPROVINCIA DI PESCARAPESCARA C/O CIRCOLO “A.. GRAMSCI”piazza dei Grue, 39orario 09.30 – 21.30tel. 08566788CITTA’ SANT ANGELO C/O CIRCOLO PRCvia Petruzzi (vicino clinica Villa Serena)orario 10.00 – 13.00 / 15..00 – 20.00tel. 3397531059CEPAGATTI C/O CIRCOLO PRC “A. GRAMSCI”viale Duca degli Abruzziorario 17.00 – 20.00tel. 3937703631SPOLTORE C/O Area E-spòvia dietro le Mura, 16/1tel. 3335327500 – 3385619192LORETO APRUTINO C/O CIRCOLO “P. IMPASTATO”via dei Normanni, 5orario 09.00 – 19.00tel. 3392130511PROVINCIA DI CHIETICHIETI C/O FEDERAZIONE PRC CHIETIviale Majella, 72orario 08.00 – 20.00tel. 0871401151cell. 3316821388SAMBUCETO C/O CIRCOLO “P.IMPASTATO”via Manzoni, 3orario 09.30 – 13.30 / 14.30 – 20.30tel. 3465703126SAN VITO CHIETINO C/O CENTRO SOCIALE “L’ARREMBAGGIO”orario 08.00 – 17.00tel. 3395852959PROVINCIA DI TERAMOTERAMO C/O FEDERAZIONE PRC TERAMOvia della cittadella, 11tel. 0861241511GIULIANOVA C/O CIRCOLO PRC “P. DI MASSIMANTONIO”corso Garibaldi, 43/45orario 09.30 – 13.30 / 15.00 – 19.30Orlando tel. 3471139192

UN TERRITORIO PROIETTATO VERSO IL FUTURO, TERAMO 16 APRILE 2009

UN TERRITORIO PROIETTATO VERSO IL FUTURO
Convegno di presentazione del Piano d’Area della Media e Bassa Valle del Tordino
TERAMO 16 APRILE 2009
Sala Polifunzionale della Provincia

Lavori della mattina

Ore 10.00 - Coordina i lavori Pina Manente - Ufficio Stampa Provincia di Teramo

Apertura dei lavori
Ernino D’Agostino - Presidente Provincia di Teramo
Presentazione del tema
Alfonso Vella - Assessore Urbanistica Provincia di Teramo
Francesco Antonelli - Dirigente Settore Urbanistica e Pianificazione Territoriale Provincia di Teramo

Illustrazione del Piano d’Area della Media e Bassa Valle del Tordino
Obiettivi ed azioni di una pianificazione strategica condivisa – Roberto Mascarucci
Coordinamento scientifico Gruppo di Progettazione - Professore di Urbanistica Università “G. D’Annunzio” Pescara
L’analisi socio-economico-territoriale della Valle del Tordino - Piergiorgio Landini
Consulente esterno - Professore di Geografia Economica Università “G. D’Annunzio” Pescara
Il sistema della produzione tra nuove centralità ed ambiente – Lorenzo Pignatti
Consulente esterno – Professore di Progettazione Università “G. D’Annunzio” Pescara
Parco fluviale del Tordino: linee-guida per il recupero ambientale e paesaggistico - Giustino Vallese Consulente esterno Ufficio di Piano
Il processo di “governance” nell’elaborazione del Piano d’Area - Giuliano Di Flavio
Coordinatore generale Ufficio di Piano – V Settore Provincia di Teramo

Dibattito ed interventi

Ore 13.00 - Buffet

Lavori del pomeriggio

Ore 14.30 – Ripresa dei lavori

La Provincia quale soggetto di pianificazione e di governo del territorio: esperienze e casi di studio

L’attività di pianificazione delle Province: una risorsa per il territorio - Marco Pompilio
Coordinatore Gruppo di Studio INU sulla pianificazione provinciale

Casi di studio
La formazione dei Piani Strutturali Comunali in forma associata all’interno del P.T.C.P.
Roberto Gabrielli – Dirigente Servizio Pianificazione territoriale Provincia di Forlì-Cesena
L’esperienza del P.T.C.P. della Provincia di Foggia nell’ottica della pianificazione strategica
Stefano Biscotti – Dirigente Servizio Pianificazione Territoriale Provincia di Foggia
Metodologie per lo sviluppo sostenibile dell’area vasta Terre dei Castelli in Provincia di Modena
Massimo Casolari – Responsabile Gruppo di Lavoro (Studio Agoraa)
Il paesaggio partecipato: il processo di pianificazione integrata nel “Progetto Conca”.
Elena Farnè – Progettista e Coordinatrice Gruppo di Lavoro
La progettazione urbanistica delle Aree Ecologicamente Attrezzate: esperienze in atto
Francesca Sorricaro – Progettista di Aree Ecologicamente Attrezzate (Studio Architettura e Urbanistica)
Dal dualismo alla integrazione tra città e campagna: esperienze di progettazione integrata territoriale nella Regione Lazio
Maurizio Di Mario – Responsabile Gruppo di Studio INU “Politiche agricole”

Contributo di Paolo Avarello Direttore “Urbanistica” e Professore di Urbanistica Università degli Studi “Roma3”

Ore 17.45 - Conclusioni
Massimo Rossi – VicePresidente UPI e Responsabile UPI per l’ambiente

Terremoto. A Teramo, Scuole chiuse per l’intera settimana

Scuole chiuse per l’intera settimana


Per consentire il completamento delle verifiche e degli accertamenti sugli edifici scolastici, le attività nelle Scuole di ogni ordine e grado, sono sospese per l’intera settimana.
E’ quanto emerso dall’incontro che si è tenuto nel tardo pomeriggio in Municipio al quale hanno partecipato organismi istituzionali e tecnici del Comune, della Provincia, dei Vigili Del Fuoco, della Polizia Municipale e dell’Ufficio Scolastico Provinciale.

martedì 14 aprile 2009

Teramo. lo spettacolo “Amleto” con Alessandro Preziosi andrà regolarmente in scena nei giorni previsti,


La Società della Musica e del Teatro “Primo Riccitelli” , dopo attenta valutazione e alla luce degli eventi sismici di questi giorni, comunica che lo spettacolo “Amleto” con Alessandro Preziosi andrà regolarmente in scena nei giorni previsti, anche per la impossibilità della Compagnia a trovare altre date in periodi diversi. L’auspicio di tutti è di trovare con forza, anche attraverso uno strumento di distrazione come il teatro, la voglia di recuperare la sicurezza della quotidianità e la tranquillità delle abitudini, di cui oggi più che mai si sente fortemente il bisogno. La Riccitelli esprime tutta la sua solidarietà e il suo sostegno ai suoi amici e colleghi aquilani, nonchè a tutta la popolazione così duramente e dolorosamente colpita. L’incasso delle tre serate sarà interamente devoluto alle popolazioni terremotate.

Prof. Nicola Perone: "La Chirurgia? Passione e missione, riceviamo da Lino Manocchia dagli USA

Prof. Nicola Perone:
“La Chirurgia?
Passione e missione!”

di Lino Manocchia


HOUSTON, 14 Aprile ’09 - Il professore Nicola Perone (foto), nato a Pianella (PE), è stato, ed è tuttora, oggetto di numerose onorificenze negli Stati Uniti, fra cui la cittadinanza onoraria di San Antonio (Texas), la presidenza dell’Associazione
degli Ostetrici e Ginecologi di Houston e direttore del programma di specializzazione in Ostetricia e Ginecologia del Memorial Herman NW Hospital. Nel 1998, l’illustre clinico è stato insignito del Cavalierato al merito della Repubblica e nel 2007 ha ricevuto in Abruzzo un premio: “Per aver onorato l’Italia con la ricerca scientifica medica e tecnologica”.
Prof. Perone, il suo più bel ricordo dell’Abruzzo?
«Dal giardino della mia casa di Pianella, in cui ho trascorso l’infanzia, vedevo nitida “la bella addormentata” dell’isola dei picchi del Gran Sasso. E’ questa l’immagine della nostra regione che mi porto dentro sin da bambino.»
Nicola Perone è professore di Clinica Ostetrica e Ginecologica presso l’Università di Houston, nel Texas dove, oltre ad aver messo a punto diverse tecniche chirurgiche innovative, è anche noto per aver inventato un nuovo sistema computerizzato per il parto vaginale strumentale.
Lei vive da 40 anni in America. Torna mai in Abruzzo?
«La lontananza dal proprio Paese e dai propri cari è un’angustia che inevitabilmente si fa sentire, come una malattia cronica, con periodi di miglioramento e di riacutizzazione, ma dalla quale non si guarisce mai. Io pongo rimedio alla nostalgia per il mio Abruzzo, dove vivono tuttora mia madre e mio fratello, andandovi ogni volta che i miei impegni professionali me lo consentono, anche se per pochi giorni.»

Houston
>>>
ABRUZZOpress – N. 121 del 14 Aprile ’09 Pag 2

Prof, Perone, che c’è in lei di abruzzese?
«Io sono immensamente grato alla nostra regione, perché l’essere nato in questa terra, ha fatto si che mi venissero impressi nel carattere quei tratti tipicamente “abruzzesi”, che mi si sono rivelati di enorme successo, sia nella vita che nella carriera di medico. Mi riferisco, in particolare, all’intelligenza “pratica”, che non ci permette di perderci in chiacchiere, che ci induce all’ottimismo, alla persistenza ed alla determinazione a prova di bomba (la coccia tosta), che non ci permettono di scoraggiarci facilmente, e ad un gran cuore che ci rende umani e compassionevoli, e quindi bene accetti dovun-que andiamo.»
La chiave del suo successo?
«Il mio successo professionale è da ascriversi per il 10% al talento e per il restante 90% a persistenza e determinazione. Solo perseverando con pazienza e ostinata volontà, si riesce ad eccellere in medicina, essendo il cammino per raggiungere la perfezione un cammino lungo che in genere dura tutta la vita.»
La virtù di un grande chirurgo?
«Il giudizio clinico, a mio avviso, è di gran lunga più importante della capacità tecnica. Secondo un’ aforisma, “bravo è il chirurgo che sa di dover operare, ancor di più lo è quello che sa quando operare, bravissimo il chirurgo che sa quando non operare”.»
Che cos’è per lei la vita?
«La vita è un prezioso dono di cui bisogna prendersi cura, ed un grande mistero da scoprire. Come lei sa, filosofi e scienziati dibattono da sempre sul suo significato.»
La chirurgia per lei è più una passione o una missione?
«Ambedue le cose. E’ una passione, avendo avuto sin dall’inizio dei miei studi di medicina un interesse quasi ossessivo nel voler acquisire la capacità tecnica necessaria per poter diventare un ottimo chirurgo pelvico. E’ una missione, avendo la mia attività chirurgica come obiettivo primario di fornire prestazioni di qualità quanto più alte possibili, senza mai dimenticare la dignità del paziente.»
Cosa più la commuove?
«L’altruismo, la generosità e l’amore genuino verso il prossimo di cui stiamo vedendo numerosi esempi in occasione del recente terremoto a L’Aquila e dintorni.»
Quante operazioni compie in media?
«Opero quasi giornalmente.»
La vita va prolungata ad ogni costo?
«Personalmente sono contrario all’accanimento terapeutico, cioè al tentativo di prolungare la vita artificialmente, quando la morte si presenti inevitabile o imminente, senza mai tuttavia trascurare l’allievamento della sofferenza del paziente. In caso contrario ritengo eticamente e deontologicamente doveroso fornire quei rimedi terapeutici di sostegno vitale, la cui omissione realizzerebbe un’ipotesi di eutanasia passiva. Qui negli Stati Uniti, indipendentemente dai propri orientamenti culturali e religiosi, qualunque decisione circa il prolungamento della vita, deve tener conto, per legge, delle dichiarazioni anticipate di trattamento, cioè del testamento biologico (living will) redatto in condizioni di lucidità mentale, circa le terapie che il paziente intende o non intende accettare in caso dovesse trovarsi, per ragioni biologiche, incapace d’intendere e di volere.»
Crede nella Provvidenza?
«Credo nella Provvidenza ed annetto grande importanza alla fede, quale ausilio nel fronteggiare le invitabili vicissitudini della vita.»
Cosa ha più contato nella sua vita?
«L’affetto dei miei familiari.»
Le piace essere riconosciuto per strada?
«Ad essere riconosciuto per strada, francamente, preferisco il sorriso e le espressioni di gratitudine dei miei pazienti.»
LINO MANOCCHIA

Roma. Mercoledì 15 aprile, alle ore 18.30, la Galleria Maniero presenta i lavori di tre emergenti artisti europei: Dennis Rudolph, Markus Proschek, Ca




ROME INTERNATIONAL SPRINGACADEMY & Galleria MANIERO
presentano la mostra di
Dennis Rudolph, Markus Proschek, Carmelo Di Feo
introduzione e intervista agli artisti di Eleonora Di Erasmo

INAUGURAZIONE
Mercoledì 15 aprile 2009 ore 18.30

Galleria Maniero
Via dell’Arancio 79, Roma - tel: 06/68807116
(la mostra sarà visibile fino al 30 aprile)



Mercoledì 15 aprile, alle ore 18.30, la Galleria Maniero presenta i lavori di tre emergenti artisti europei: Dennis Rudolph, Markus Proschek, Carmelo Di Feo.

La mostra, che fa parte degli eventi organizzati dalla Rome International Springacademy in occasione del workshop-symposium “Roma: luogo della memoria, luogo della visione” ideato e diretto da Andrea Fogli, darà la possibilità di poter conoscere i lavori di tre pittori che lavorano nell’ambito della nuova figurazione, ciascuno con una differente sensibilità.

Il lavoro di Dennis Rudolph, artista tedesco che vive e lavora a Berlino, si muove tra l’incisione e la pittura. In occasione della mostra presenterà un autoritratto ed uno dei suoi “linocut”, moderna tecnica di stampa artistica in rilievo, in cui Rudolph rielabora l’eredità del romanticismo tedesco. Sullo sfondo di architetture imponenti sull’orlo della distruzione e di paesaggi desolati, l’artista recupera il tocco degli antichi maestri e lo unisce a simboli e allegorie della cultura e della storia tedesca più recente. Markus Proschek, artista austriaco, concentra in particolare la sua attenzione sull’iconografia dei totalitarismi novecenteschi. In questa occasione esporrà alcuni nuovi dipinti ispirati da un modellino ricostruito attraverso le vecchie fotografie del noto distributore di carburante Esso in Piazzale Loreto a Milano, sulla cui pensilina, alla fine della guerra, furono appesi i cadaveri di Mussolini e di Claretta Petacci. Proschek si concentra sui particolari del modellino e dopo averne esplorato ogni angolazione con alcuni scatti fotografici, ne reinventa e ricostruisce ogni parte attraverso la pittura. I piccoli oli su legno di Carmelo Di Feo, artista italiano che da molti anni vive e lavora a Salisburgo, ci immergono nella più intima dimensione della memoria. Come in un ritratto fotografico, le persone dipinte si rivolgono a noi e ci sorridono. Di Feo usa prendere ispirazione da vecchie foto dei suoi familiari e attraverso la pittura e il ricordo ricostruisce aneddoti e racconti di un passato a noi tutti comune, ma sospeso grazie all’evanescenza della sua pittura in un tempo senza tempo.

Altri lavori di Dennis Rudolph, Markus Proschek e Carmelo Di Feo saranno inoltre presenti alla mostra di chiusura del workshop-symposium "Roma: Luogo della Memoria, Luogo della Visione" che inaugurerà domenica 19 aprile alle ore 19.00 presso il Museo di Roma in Trastevere.

Il Consiglio provinciale, fissato per il 7 aprile e successivamente rinviato a causa del terremoto, tornerà a riunirsi domani

Il Consiglio provinciale, fissato per il 7 aprile e successivamente rinviato a causa del terremoto, tornerà a riunirsi domani, mercoledì 15 aprile, alle ore 15, nella sala audiovisivi della biblioteca provinciale Dèlfico, data l’indisponibilità temporanea della Sala consiliare dell’Ente. Tra i punti all’ordine del giorno, l’adozione del progetto definitivo del Piano d’Area della media e bassa Val Tordino e la declassificazione a strada comunale di un tratto della sp 262 ricadente nel territorio di Mosciano Sant’Angelo.

Terremoto. Riceviamo dal collega Giovanni Lattanzi

Gentile Collega,
mi permetto di sottoporre alla tua attenzione questo nostro articolo. Saremo lieti di sapere se ne condividi il principio e le linee guida, o magari se ritieni necessario apportare delle modifiche.

Nel caso tu lo ritenga utile e condivisibile, ti saremo grati se vorrai aiutarci a divulgarlo.
L'URL originale di questo articolo è http://www.abruzzocultura.it/abruzzo/terremoto-a-laquila-manifesto-per-una-ricostruzione-possibile
nel caso lo volessi linkare oppure volessi raggiungerlo per inserire un tuo commento.

Grazie in anticipo
www.AbruzzoCultura.it

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - testo dell'articolo

Per chi non è stato nelle zone terremotate è difficile immaginare l’entità delle devastazioni. Anche vedendo foto e filmati non si percepisce la tragedia in tutta la sua interezza. Una città, il suo territorio, i paesi della valle, e poi le chiese, i castelli, i centri storici, tutto è distrutto. Non so cosa possa essere salvato, sicuramente qualcosa, forse più di qualcosa, ma di certo il danno è enorme.Ora piante le vittime e sanati i feriti, stabilizzata la situazione dei senzatetto, verrà a breve il momento di pensare al domani. Il primo passo sarà dare una casa a chi l’ha persa, in una parola: ricostruire. Ma qui non si tratta di una città moderna, bensì di un grande museo all’aperto, di una metropoli di fondazione medievale stratificatasi nei secoli, ricca di una infinità di edifici storici, costellata di chiese, di palazzi nobiliari, di monumenti. Non si può pensare di ricostruire ex novo dimenticando il passato. Non lo si può fare a L’Aquila come non lo si può fare nei borghi. Erano si povere case, ma avevano secoli di storia.Ho grande rispetto per Berlusconi, ma la soluzione della città satellite è una follia. Spendere soldi per realizzare una L’Aquila 2, occupando altro territorio, ampliando la superficie urbana, viene giustificato con la necessità di dare subito casa a chi l’ha persa. Una sana motivazione, senza dubbio, ma cosa nasconde? Cosa si farà dopo dell’Aquila vera? Di quella storica? Ci saranno i soldi per ricostruirla? Diverra una città morta o non cadrà forse in mano agli speculatori, a quei palazzinari che oggi potrebbero ricomprare le case distrutte per un tozzo di pane, restaurarle magari con i soldi dello Stato, e poi rivenderle un domani a caro prezzo lucrando sul terremoto? Il patrimonio artistico è una ricchezza immensa con la quale non si può scherzare, così come lo sono le radici e la memoria delle popolazioni: non si possono tagliare.L’Aquila è degli Aquilani e deve restare degli Aquilani. Così come i borghi sono dei paesani e devono restare loro. La ricostruzione è una sfida seria per tutti noi, e va vissuta con grande impegno da parte delle popolazioni ma soprattutto di chi, per lavoro, si occupa della tutela della cultura. Io sono un semplice giornalista, addirittura un pubblicista, neppure professionista, e non mi arrogo il diritto di fare e disfare delle altrui cose. Però non posso restare inerte davanti a quanto è accaduto e soprattutto davanti a quanto potrebbe accadere. Non posso far finta di nulla sapendo che il futuro di quelle terre e delle loro genti dipende in maniera assoluta dalle scelte che verranno fatte ora per quanto concerne la ricostruzione. Non ho grande voce in capitolo, non vengo invitato alle tavole rotonde, non sono ospite in tv, non vengo chiamato dai politici. Ho solo questa rivista online, che pago di tasca mia e vive del volontariato di bravi amici, per cui conto come il classico “due a coppe quando comanda bastoni”, ma sono vent’anni che mi occupo di beni culturali, sono abruzzese e davvero non posso girare la testa dall’altra parte per non vedere cosa accade. Magari andrà tutto benissimo, ma per dormire tranquillo ne devo essere certo e devo avere la coscienza a posto sapendo di aver fatto tutto quello che potevo fare. Non mi perdonerei mai un domani di tornare nell’aquilano e scoprire che quel mondo fantastico che ho tanto amato non esiste più per colpa di scelte scellerate e commistioni di interessi economici, ma peggio ancora per cecità e superficialitàOra si decide il futuro dell’Aquila e della valle dell”Aterno, ma anche dell’intera regione. Il futuro economico di quelle terre non può essere nell’industria, che ha già ampiamente fallito la sua missione, ne può essere nell’apertura indiscriminata di centri commerciali (hanno gia una densità per abitante altissima rispetto alla media nazionale). Parte del futuro è nell’università e nella ricerca, senza subbio, ma la gran parte è nel turismo di qualità, supportato dalle produzioni agro-alimentari tipiche. E il turismo di qualità si fa solo in un territorio di qualità, che ha il suo tessuto urbano e il suo paesaggio intatti, rispettati; i suoi monumenti e i suoi musei ben conservati, integri, meritevoli di ammirazione. L’esistenza o meno di tutto questo dipende appunto da come si ricostruirà. E si decide ora. E io non posso restare indifferente alle scelte che verranno fatte.Non posso fare molto, ma ritengo doveroso proporre a tutti i lettori un ideale manifesto per la “ricostruzione possibile”, direi la sola possibile. Una raccolta di punti di principio, ampliabile e modificabile, ma che racchiude un dovere: ricostruire come era, dove era. Tutelando tutto quel che è storico e antico, dal grande monumento alla piccola casa di paese. Questo è anche un appello a tutti gli uomini e le donne sensibili, che guardando nel loro cuore, al di la di ogni privato interesse, si accorgeranno che esso batte per dei principi e per delle emozioni. Ora è il momento di farle prevalere su tutto, per salvare il cuore antico dell’Abruzzo e il futuro delle sue genti. Ora, e non domani.Condividiamo alcuni principi:Edifici storici recuperabiliTutti gli edifici storici e antichi in grado di essere recuperati, a tutti i livelli di importanza, vanno salvati a qualsiasi costoEdifici storici non recuperabiliQuel che di antico non è purtroppo sanabile in alcuna maniera va demolito ma ricostruito subito “com’era e dov’era”. Questo deve avvenire recuperando ovviamente tutti i materiali edilizi storici come gli elementi decorativi, i portali, le cornici delle finestre; l’edificio va poi ricostruito mantenendo quanto più possibile l’aspetto esterno, nel medesimo luogo, con gli stessi volumi e rimontando le decorazioni originaliEdifici moderni (dal dopoguerra in poi) non recuperabiliLa ricostruzione è inoltre la straordinaria occasione che abbiamo per eliminare dai paesi e da L’Aquila gli orribili edifici costruiti nel dopoguerra, quei mostri di cemento armato figli della speculazione edilizia e dell’ignoranza architettonica del boom economico. Molti di essi sono danneggiati e vanno abbattuti, ma al loro posto dovranno sorgere nuovi edifici il cui aspetto e la cui forma siano consone allo stile del luogo, edificati con le tecniche più moderne ma il cui esterno sia realizzato con i materiali e le linee della tradizione.Il nuovo: un decalogo per costruire secondo tradizionePer evitare gli errori e le brutture del passato recente, dal dopoguerra a oggi, è infatti necessario che venga studiata e stabilita una serie di modelli estetici per le abitazioni di nuova costruzione, con l’impiego (nell’esterno) dei materiali tradizionali di queste terre, ossia pietra, legno, mattone. Lo stesso deve valere per i colori delle pareti e per le forme degli elementi accessori, come porte, portali, finestre, camini. L’Università e la Soprintendenza dovranno varare un vero e proprio decalogo costruttivo che dovrà poi essere imposto a tutti i comuni del territorio, in maniera rigorosa. L’interno delle nuove abitazioni sarà quindi solido e antisismico, ma l’aspetto esteriore deve necessariamente essere in armonia con il territorio e il borgo.Evidenziare i centri storiciSia per quanto concerne le ricostruzioni degli edifici moderni che richiedono la demolizione per via dei danni provocati dal sisma, sia per quanto riguarda quelli che nel futuro si aggiungeranno agli esistenti, essi andranno costruiti (o ricostruiti) fuori e lontano dai centri storici dei borghi e dai grandi monumenti, in maniera da isolare e far risaltare il nucleo storico dei paesi.Solo così sarà possibile ridare a queste terre un volto umano e tradizionale, facendone davvero un luogo di forte valenza turistica, con una grande prospettiva di sviluppo. Mi auguro che vorrete condividere e divulgare questo appello.
Giovanni Lattanzi

Terremoto. Scuole, la maggior parte degli istituti superiori chiusi per tutta la settimana

Scuole, la maggior parte degli istituti superiori
chiusi per tutta la settimana

La maggior parte degli istituti superiori di competenza della Provincia, date le verifiche in corso, rimarranno chiusi per tutta la settimana. La decisione è già ufficiale per le scuole di Sant’Egidio e Nereto mentre per gli istituti di Teramo, per le quali l’intendimento della Provincia è lo stesso, sarà comunicata nel corso della riunione con il Comune prevista per questo pomeriggio alle 18.

Ad Atri il sindaco, Gabriele Astolfi, ha già firmato un’ordinanza di chiusura di tutte le scuole per l’intera settimana, mentre rimane aperto il discorso per gli istituti della costa dove, come noto, i sindaci assumeranno decisioni in base agli esiti delle verifiche in corso.

Terremoto. Disponibile anche lo Stadio di Piano D’Accio

Disponibile anche lo Stadio di Piano D’Accio



Grazie alla disponibilità del concessionario, anche il nuovo Stadio Comunale di Piano D’Accio, sarà a disposizione di chi voglia trovarvi ricovero.
Le gradinate, i servizi igienici ed il bar interno all’impianto, rimarranno aperti per chiunque voglia utilizzarli.
Un servizio di custodia garantirà l’assistenza necessaria.

Terremoto. In corso nuove verifiche sulle scuole mentre non risultano danni di particolare rilievo sulle strade. I tecnici della Provincia con la Prot

Terremoto. In corso nuove verifiche sulle scuole mentre non risultano danni di particolare rilievo sulle strade. I tecnici della Provincia con la Protezione civile ad allestire il campo di accoglienza a San Demetrio


La chiusura di un tratto della strada provinciale 44 di Fano Adriano e l’istituzione di un senso unico alternato sulla sp 43 di Pietracamela sono il risultato dei controlli effettuati in questi giorni dall’Ente sulla viabilità provinciale. Per il resto, stando all’esito delle verifiche (come riportate nella scheda allegata), non risultano danni di particolare rilievo sulla rete stradale. Che, in ogni caso, è costantemente tenuta sotto osservazione.

Intanto, dopo le varie scosse susseguitesi nei giorni scorsi compresa l’ultima di ieri sera di magnitudo 4,9, si stanno effettuando nuovi controlli da parte dei tecnici del settore Edilizia sui 27 istituti scolastici superiori di competenza dell’Ente. Man mano che le nuove verifiche saranno terminate ed avranno dato esito positivo, i Comuni potranno decidere singolarmente per la riapertura e la ripresa delle lezioni. Le prime ad essere completate, oggi, saranno le verifiche sulle scuole dei comuni costieri. I responsi dovrebbero essere consegnati ai sindaci domani mattina.

Intanto le squadre del settore Viabilità della Provincia sono ancora impegnate a L’Aquila e aiuteranno la Protezione civile ad allestire un campo di accoglienza nelle vicinanze di San Demetrio.

A Montorio istituito un Com della Protezione civile; ieri sera riunione con i Sindaci e la Provincia

A Montorio istituito un Com della Protezione civile; ieri sera riunione con i Sindaci e la Provincia. Da questa mattina sono operative le squadre degli Ordini Professionali a supporto dei Comuni. Come chiesto da Provincia e Comuni, e' in fase di organizzazione a Montorio, presso la sede dell’Amministrazione Comunale, un Centro Operativo Misto della Protezione Civile. Collegamenti e comunicazioni sono supportati da un'unita' mobile dell'Arit, l'Agenzia Regionale per l'Informatica e la Telematica. In attesa di conoscere la linea dedicata si puo' far riferimento al centralino del Comune: 0861.5021.Proprio a Montorio, ieri sera, si e' svolta una riunione di coordinamento alla quale hanno partecipato, oltre ai rappresentanti della Protezione Civile, i Comuni dell'area montana e la Provincia. Fra le altre cose, sono state chiarite le modalita' di intervento sugli immobili sia per le verifiche di agibilita' sia per un censimento sull' entita' e sulla quantita' dei danni.Tutte le segnalazioni devono pervenire ai Comuni che in questa attivita' di monitoraggio e controllo possono avvalersi degli Ordini Professionali dei Geologi, degli Architetti, degli Ingegneri e dal Collegio dei Geometri, sulla base di un'intesa sottoscritta con la Provincia. Le schede valutative compilate dai tecnici e validate dai Comuni, saranno poi trasmesse alla Protezione Civile.Questa mattina si e' riunita la cabina di regia composta dai Presidenti degli Ordini Professionali e dal presidente della Provincia, Ernino D'Agostino. 51 ingegneri, 84 architetti, 15 geologi e 72 geometri hanno dato la disponibilita' a collaborare gratuitamente con i Comuni che stanno gia' inviando le richieste di intervento: queste ultime possono essere inoltrate via fax al numero 0861.331206. Per eventuali chiarimenti si puo' contattare direttamente il segretario generale dell'Ente, Carlo Pirozzolo, al numero mobile 339.1096240.

TERREMOTO: impianti sportivi aperti per l'utilizzo dei servizi igienici

TERREMOTO: impianti sportivi aperti per l'utilizzo dei servizi igienici



Si ricorda che l'Amministrazione Comunale ha destinato ad aree di attesa e di accoglienza le seguenti strutture:campo di calcio Colleatterrato;campo di calcio San Nicolo' a Tordino;campo di calcio Miano;campo di calcio Ponte Vomano;campo di calcio Piano della Lenta;campo di calcio Valle San Giovanni;impianto sportivo Acquaviva;campo Scuola.
Degli impianti sono disponibili gli spogliatoi e i servizi igienici.
I servizi sono gestiti oltre che dalle società sportive affidatarie delle strutture, anche da personale della protezione civile Corpo Volontari CIVES di Teramo.

lunedì 13 aprile 2009

Domenica 19 aprile ore 18, presentazione alla Libreria Libernauta di Pescara

Domenica 19 aprile ore 18, presentazione alla Libreria Libernauta di Pescara
Un libro di Angela Curatolo: “Daimon. La via della felicità”

PESCARA, 14 Aprile ’09 – Il libro primo della collega giornalista Angela Curatola, “Daimon. La via della felicità”, sarà presentato alla ore 18,00 di Domenica 19 aprile, presso la libreria Libernauta di Pescara (Via Teramo, 27). Il libro è un piccolo saggio di circa 84 pagine sulla ricerca e la fiducia in quella porzione d'immenso che ognuno ha dentro se stesso e sicuramente prescinde dalle sue idee, opinioni, personalità, credo. Sia essa religiosa, atea o agnostica, ogni persona ha la sua spiritualità, negarla infligge angoscia e sofferenza, conoscerla rende consapevoli, ascoltarla, ci fa sentire essere felici in cammino.
In questo mondo in cui i media ci invadono la testa con le innumerevoli informazioni è difficile mettersi in ascolto di se stessi e questo genera confusione, così è facile errare.
Cosa fare? La soluzione proposta nel libro è quella di iniziare un viaggio dentro i punti dimenticati, bui e assopiti di noi stessi e risvegliargli, affinché possiamo riconquistare la nostra vita e riconoscere la strada da percorrere.
Secondo appuntamento il 15 Maggio, ore 18: Libreria De Luca, via C. De Lollis, 12/14 - Chieti