sabato 10 maggio 2008

Provincia. Forum di presentazione del “Piano d’area della media a bassa Val Tordino”


Forum di presentazione del “Piano d’area della media a bassa Val Tordino”


Si svolgerà martedì 13 maggio a partire dalle ore 9, all’Auditorium dell’ITI di Teramo, il primo forum di presentazione del “Piano d’area della media e bassa Val Tordino”; una preliminare “visione” strategica dello sviluppo urbanistico e socio economico dell’asse che partendo dal capoluogo si sviluppa fino alla costa.


“Il lavoro fin qui svolto – afferma il presidente Ernino D’Agostino - sulla base di analisi territoriali, economiche e sociali, punta ad individuare le possibili chiavi di lettura delle dinamiche in atto attraverso un’interpretazione del sistema territoriale: con le sue reti infrastrutturali, gli insediamenti urbani e i luoghi della produzione. Il Piano d’area si candida, quindi, ad operare uno sforzo concreto di innovazione introducendo elementi di novità nella progettazione del territorio provinciale con l’obiettivo di governare lo sviluppo nel senso della sostenibilità ambientale”.

Si tratta di un progetto preliminare aperto al confronto con gli enti locali e gli attori territoriali, pubblici e privati.

A illustrare le linee guida del piano il gruppo di progettisti, tutti dell’Università D’Annunzio di Pescara: Piergiorgio Landini, ordinario di Geografia economica; Roberto Mascarucci, ordinario di Urbanistica; Lorenzo Pignatti, ordinario di Progettazione. I lavori, oltre che dal Presidente, saranno introdotti dall’assessore all’urbanistica, Nicola Di Marco, e dal dirigente del settore, Francesco Antonelli.

Sono previsti, poi, una serie di interventi programmati da parte dei componenti la “cabina di regia” a partire dai Sindaci.

Teramo 10 maggio 2008

Politica. Comunicato dell'Associazione Impronte Giulianova


ASSOCIAZIONE DI CULTURA POLITICAIMPRONTEI fogli di carta consumati ogni anno da un Comune come quello di Giulianova, che conta all’incirca 200 dipendenti, comportano il taglio di 267 alberi e l’emissione in atmosfera di circa 54 tonnellate di anidride carbonica, principale responsabile dell’”effetto serra”.Se, oltre al Comune, consideriamo i consumi di carta delle società partecipate come Cirsu, Julia Servizi e Giulainova Patrimonio, i numeri sono destinati a crescere.Le Cartoniadi 2008, troppo poco reclamizzate, avrebbero potuto essere l’occasione per far capire come, riciclando la carta da copie o limitandone il consumo, TUTTI – Pubbliche Amministrazioni comprese – possiamo fare qualcosa di concreto per “tagliare” i consumi di materie prime di origine vegetale, di acqua, degli idrocarburi necessari per l’approvvigionamento di energia elettrica e per far funzionare il sistema dei trasporti; per abbattere le emissioni di sostanze inquinanti e di gas effetto serra, ecc., oltre che la produzione di rifiuti post-consumo.Le Pubbliche Amministrazioni –non solo, quindi, il Comune di Giulianova-, hanno dimostrato negli ultimi anni scarsa sensibilità al problema divorando camion di carta e violando sistematicamente sia il Decreto Ronchi sia la Legge della Regione Abruzzo n.83 del 2000, che impone loro di soddisfare il fabbisogno annuale di carta con una quota di carta riciclata pari ad almeno il 40% del fabbisogno stesso.A rafforzare questo obbligo era intervenuta anche una Circolare inviata dall’Osservatorio Provinciale dei Rifiuti a tutti i Sindaci dei Comuni della Provincia e al Direttore dell’ARTA, in cui si richiamava anche la sanzione prevista dall’art. 37, comma 4, della L.R. 83/2000, consistente nell’impossibilità, per le Amministrazioni inadempienti, di accedere a finanziamenti e/o erogazioni di contributi regionali destinati ad interventi ambientali.Sappiamo bene che questa sanzione non è mai stata fatta valere: le provvidenze regionali per interventi di tipo ambientale, anche per quanto riguarda l’informazione e la sensibilizzazione, sono state erogate egualmente senza chiedere conto di nulla a nessuno.A questo punto, nell’ambito di quei processi virtuosi che portano a certificazioni di tipo ambientale e/o all’adozione di politiche di GPP (=Acquisti Verdi) è auspicabile che tutte le Amministrazioni facciano subito qualcosa di concreto, utilizzando, ad esempio, i documenti digitali al posto di quelli cartacei e, in quest’ambito, la posta elettronica certificata e la firma digitale.Il falso ambientalismo di facciata, che spesso sfocia in eventi autocelebrativi in occasione di riconoscimenti di dubbia attendibilità scientifica come la Bandiera Blu, va invece nella direzione esattamente contraria.
Ass. Impronte Giulianova

Cultura. Al Nome della Rosa Giulianova, maggio 2008


Circolo virtuoso Il nome della Rosa

Giulianova Alta, Via Gramsci 46/a

Info Line 338/9727534



  • Giovedì 15 ORE 22,00VITA D’ARTISTAIncontro conMassimiliano CocliteA cura diLucaMAGGITTI

  • Venerdì 16 ORE 21,30CORTOMETRAGGIOVIBRATA“Philozei prod.”A cura di PinoD’IGNAZIOPHILOZEI

  • Domenica 18 ore 22,00CINEMA EROTICO D’AUTORE“Crash” di D. CRONENBERGA cura di: RobertoIACONI

  • Da venerdì 2 a giovedì 29MOSTRA FOTOGRAFICAPINO D’IGNAZIO – “Cromie?”


Sempre sorrisoChico, Lucrezia, Marisa, Paolo & Roberto

Ambiente 2. Incontro Sogesa-Legambiente Giulianova




Il Presidente del Circolo


Legambiente di Giulianova,


Francesca Morgante si è recata presso la Sogesa


per unlungo incontro che ha visto la presenza del DelegatoAlbanesi Emidio, il Dirigente Tecnico Dott.ssa Negrini el'Assessore Franco Caruso.Perchè questo incontro?Considerato che l'Abruzzo ha ritardi enormi in termini dicultura dello smaltimento come confermano i dati regionalianno2006 che parlano di 84% su 700.000 tonnellate di rifiuti chetornano in discarica(spieghiamo che solo 50 su 305 le città inAbruzzo che raggiungono alti livelli di differenziata, ilche non porta al riciclo del rifiuto perchè non puro) . Parliamo così alivello regionale di efficienza-inefficace cioè un sistemadi tariffe non supportate da un sistema di efficienza( inordine agli obiettivi non raggiunti)In provincia di Teramo abbiamo avuto una cattiva gestionedegli impianti e e l'effettivo recupero su base regionale siè attestato al 50%.Questo scenario ha rappresentato per il circolo la spinta ainiziare un percorso che vedrà un calendario di incontricon i DIRIGENTI CIRSU- SOGESA.Durante l'incontro sono emerse due novità importante :l'approvazione della delibera dalla Provincia per l'isolaecologica ( tempi di realizzazione settembre) e la prossimadelega da parte del Comune di Giulianova alla Sogesa per lesanzioni ai cittadini che abbandonano i rifiuti in strada(quindi maggiori controlli rispetto ad oggi)Per quanto riguarda le micro discariche che sorgono comefunghi la Dott.ssa Negrini ha dichiarato che è in atto un piano di riqualificazione delservizio e integrazione nelle carenze di mezzi.A talproposito l'Amministratore Delegato ha parlato di un lentograduale miglioramento che la Sogesa, grazie al nuovodirettivo, sta mettendo in atto.Il Presidente Morgante ha visitato la discarica di Grasciano, ha visionato i dati di raccolta differenziata ( chetrimestralmente vengono trasmessi all'ARTA) e ha chiesto unamaggiore attenzione alla trasparenza e alla comunicazione diquesti dati che sono i risultati raggiunti dal cittadinograzie ad una buona raccolta differenziata.L'impianto di recupero della Sogesa è composto da unapiattaforma di tipo A( dove arriva la raccoltaDIFFERENZIATA) e dove il materiale recuperato e quindiavviato alla filiera del riciclo è del 76%.Altro discorso per l'impianto di compostaggio e riciclaggio(dove arrrivano gli ingombranti e l'indifferenziato) cheriesce a raggiunde solo il 20% di effettivo recupero.Il circolo non intende sostituirsi agli organi preposti mavuol essere uno stimolo affinchè la nuova L. 45 dellaRegione Abruzzo venga applicata in quanto rappresental'unica via d'uscita all'emergenza rifiuti nella nostraRegioneInoltre data l'importanza di una corretta informazione alcittadino presto presenteremo come circolo un piano dicomunicazione ededucazione ambientale che prevede tra le altre cose unprogetto ambientale per l'anno 2008-2009 con le scuolesecondarie di 1° e 2°grado con la visita alla discarica e all'impianto.


Il Presidente Circolo Legambiente Francesca Morgante


sede p.zza Buozzi Giulianova

Ambiente. Circolo Legambiente Giulianova, comunicato




Dopo l'incontro con il Presidente


CircoloLegambiente Abruzzo, Angelo Di Matteo,


Francesca Morgante Presidente Circolodi Giulianova annuncia che la Goletta Verde sarà al portodi Giulianova nella seconda metà di luglio.Questo saràsolo il primo passo della città verso l'attribuzione dellevele della Guida Blu di Legambiente che è una classificasulla qualità ambientale delle nostre coste.Abbiamo promosso questa iniziativa all'Assessoreall'Ambiente Caruso che si è detto disponibile ad attivarequesto percorso dal prossimo settembre, insieme allaDirezione Regionale Legambiente.


Il presidente Francesca Morgante


Circolo Legambiente Giulianova


venerdì 9 maggio 2008

Enogastronomia. Comunicato dell'Associazione TIPICO Golosità Tipiche Mediterranee

ASSOCIAZIONE TIPICO!


L’Abruzzo sbarca a Gozo (Malta) con un carico di tipicità del territorio da mettere a confronto con le cucine mediterranee che prendono parte al primo festival TIPICO in programma dal 6 al 9 novembre 2008 sull’isola regione di Gozo. La manifestazione - che avrà cadenza biennale e sedi operative a Sulmona per l’Abruzzo (estate 2009 in occasione dei Giochi del Mediterraneo) e Gozo, isola di Malta (autunno 2008) - è ideata dall’ associazione TIPICO Golosità Tipiche Mediterranee (con sede a Lanciano) presieduta dallo chef Nicola Ranieri.
Il progetto, mirato a tutelare e valorizzare i prodotti tipici di tutti paesi che si affacciano sul Mediterraneo, è sostenuto dall’Arssa della Regione Abruzzo ed è organizzato in collaborazione con l’assessorato alla cultura, turismo e attività produttive dell’isola maltese di Gozo coordinato da Kevin Sciberras.

Il programma dell’anteprima del primo convegno/festival culturalgastronomico TIPICO è stato presentato mercoledì 7 maggio 2008 dalle autorità gozitane nel palazzo municipale di Victoria (capoluogo dell’isola di Gozo) a una delegazione italiana dell’associazione capitanata da Nicola Ranieri comprendente, oltre all’Abruzzo, rappresentanti di Lombardia e Veneto.

Il programma di TIPICO a Gozo prevede una mostra mercato di tipicità gastronomiche italiane e maltesi e sessioni di confronto tra le rispettive cucine, l’incontro degli chef ospiti del festival per lezioni di cucina dedicate agli studenti gozitani e corsi di agricoltura per la salvaguardia e il reinserimento di coltivazioni autoctone mediterranee a cura di tecnici dell’Arssa Abruzzo.
Nel corso della manifestazione è prevista una cena di gala con dimostrazione di flambé a cura dell’Amira (Associazione Maitres italiani ristoratori alberghi) sezione di Milano. Sarà inoltre allestita per l’occasione una mostra di pittura e scultura dell’artista abruzzese Paolo Spoltore.

Con il progetto TIPICO l’Abruzzo diventa ambasciatore delle isole maltesi, ha dichiarato il sindaco di Victoria, Robert Tabone.


Questi i componenti della delegazione italiana (Abruzzo – Lombardia – Veneto) a Gozo (Malta) per la presentazione del progetto

TIPICO. Golosità Tipiche Mediterranee
Typical Mediterranean Gluttony for Epicures


Marino Giorgetti, responsabile Ufficio promozione prodotti tipici Arssa Abruzzo
Nicola Ranieri, presidente Associazione TIPICO
Giovanni De Menna, socio fondatore TIPICO
Bruno Di Ciano, socio fondatore TIPICO
Nunziato Mancini, socio fondatore TIPICO
Danilo Iasci, segretario generale TIPICO
Mario Petrucci, delegato Amira (Associazione Maitres italiani ristoratori alberghi) sezione di Milano
Arnaldo Dei Svaldi, delegato Mogliano Veneto
Calogero Orlando, delegato Mestre


per eventuali chiarimenti 3476059630


cordiali Saluti,

TIPICO. Golosità Tipiche Mediterranee

Politica. COMUNICATO STAMPA DEL PARTITO DELL’U.D.C. DI GIULIANOVA


COMUNICATO STAMPA DEL PARTITO DELL’U.D.C. DI GIULIANOVA


Le recenti elezioni politiche del 13 e 14 Aprile hanno rappresentato un severo banco di prova per tutti i partiti tradizionali. Schiacciate dal subdolo concetto del “voto utile” quasi tutte le formazioni politiche non allineate sono state travolte. Soltanto l’U.D.C. ha mantenuto la propria presenza sia in Senato che alla Camera dei Deputati addirittura rafforzando il suo radicamento sul territorio e sancendo la propria posizione determinante nello scenario politico nazionale e locale . E tutto ciò nonostante la dura campagna elettorale della P.D.L. contro l’U.D.C.

I risultati acquisiti assumono un valore ancora più consistente se si riflette che l’U.D.C. ha dovuto resistere agli attacchi politici sia dei tradizionali avversari di Centro-Sinistra (P.D. ed altri) e sia dalla dura e persistente campagna denigratoria da parte del P.D.L. Nel corso delle ultime apparizioni televisive del Cav. Berlusconi sembrava che il più temuto avversario fosse proprio l’U.D.C., in considerazione dei numerosi ed espliciti appelli, rivolti allo stesso nostro elettorato, a non votare il nostro partito.

Quindi appaiono chiare le ragioni per le quali l’U.D.C. sia saldamente posizionato al Centro dello schieramento politico italiano; una scelta dettata dalla precisa convinzione che quella sia la collocazione ideale per dare risposte concrete alla collettività e non certo per inseguire riconoscimenti ed incarichi personali.

La posizione politica dell’U.D.C. a Giulianova continua a manifestarsi con estrema linearità e coerenza. Ci sembra, anzi, che proprio l’U.D.C. di Giulianova abbia anticipato con buon intuito le linee politiche nazionali. In quattro anni di presenza in Consiglio Comunale, infatti, ci siamo sempre distinti per aver condotto un’opposizione corretta, mai strumentale o pregiudiziale e sempre rivolta esclusivamente verso gli interessi della collettività. In ogni occasione ci siamo distinti sia per la critica amministrativa e sia per la contestuale proposta alternativa ed, a nostro giudizio, migliorativa.

L’U.D.C. di Giulianova auspica che il lavoro svolto fino ad oggi non vada perduto e che venga ripreso il dialogo programmatico con Forza Italia, A.N., Il Circolo della Libertà, La Destra, l’Associazione “Impronte” e le altre formazioni socio-politiche, con la precisa consapevolezza che sia necessario inseguire la quanto più ampia possibile coalizione attorno ad un programma amministrativo concreto, fattibile ed innovativo; il tutto ricreando un clima di assoluta parità di dignità politica e rispetto delle individualità di ciascuno, che porti eventualmente alla individuazione di un candidato sindaco da tutti condiviso e sostenuto ed alla stesura di un programma politico-amministrativo che rappresenti l’effettivo collante dell’intera coalizione.

Laddove le auspicate condizioni non dovessero realizzarsi l’U.D.C. manterrà ferma la propria posizione politico-amministrativa che lo porterà verso una propria candidatura a sindaco, oltre che una propria lista ed un proprio programma amministrativo; continueremo il nostro percorso politico ancora e fermamente con la “barra al centro”, alla continua ricerca di risposte adeguate e corrette da dare alla cittadinanza e non certo alla ricerca di posti al sole , incarichi, candidature ed assessorati. Nostro principale obiettivo politico sarà quello di influire positivamente ed in nome dei nostri valori ispiratori nella stesura e realizzazione di un programma amministrativo e di un organigramma che siano realmente negli interessi esclusivi di Giulianova.



L’U.D.C. di Giulianova

Politica. PARTITO della RIFONDAZIONE COMUNISTA di Giulianova


PARTITO della RIFONDAZIONE COMUNISTA
Circolo “PASQUALE DI MASSIMANTONIO”
Corso Garibaldi,43/45 – GIULIANOVA

Giulianova 08 Maggio 2008


Al sig.Presidente del Consiglio del comune di Giulianova Gabriele Filipponi
Al Sindaco comune di Giulianova Claudio Ruffini


QUESTION TIME

Oggetto: Interrogazione sulla questione “Realizzazione degli interventi sulla viabilità conseguenti all’adozione del P.U.T.”

Premesso che: con delibera della Giunta, n. 145 in data 23.05.07, è stato approvato il progetto esecutivo relativo ai lavori di “Realizzazione degli interventi sulla viabilità conseguenti all’adozione del P.U.T. ”;

Premesso che: tali lavori si riferiscono ad interventi su marciapiedi e percorsi pedonali, attraversamenti pedonali, rialzamenti della carreggiata, percorsi
ciclabili, creazione di nuovi parcheggi e ripristino di nuova segnaletica verticale e orizzontale delle vie Lungomare Zara e via Gasbarrini;

Vista la : disposizione per le attività ambulanti predisposte in occasione del mercato rionale del Giovedì;

Considerato che: a causa dei lavori per la viabilità, all’altezza dello stabilimento “Caprice” , si crea disagio alla circolazione sul lungomare e intasamento nelle vie centrali, aggravando ulteriormente il problema del traffico;


PER QUANTO PREMESSO E CONSIDERATO: riteniamo inadeguato il provvedimento, in quanto il criterio della disposizione provvisoria delle bancarelle (circa 20/25).

Pertanto riteniamo come prioritaria l'esigenza di predisporre le sopraccitate bancarelle con la disposizione lineare a partire dal lato nord all’altezza dell’Hotel Europa, proseguendo verso sud, utilizzando il marciapiede dell’isola spartitraffico per la sosta delle attività; contestualmente riteniamo necessario transennare longitudinalmente la carreggiata per la sicurezza dei cittadini, tutto ciò consentendo la riapertura della carreggiata da nord a sud come attualmente il piano traffico prevede.
Risolvendo il problema del carico di traffico sopportato dalle vie centrali, si attenua conseguentemente il disagio arrecato ai cittadini e alle attività alberghiere.

Distinti Saluti
I consiglieri del Partito della RIFONDAZIONE COMUNISTA

ANTONIO DE VINCENTIS - ELISA BRACA

Provincia. polemiche innescate dall’associazione “Nuove Armonie”

In relazione alle polemiche innescate dall’associazione “Nuove Armonie” e alle accuse mosse alla gestione dell’Istituto Musicale “Braga”, vi inviamo una nota a firma del presidente Ernino D’Agostino, con preghiera di pubblicazione




“Lo dico subito a scanso di equivoci: i toni e i contenuti della polemica contro il Braga non mi piacciono. Faccio fatica a ricondurre alla verve artistica e intellettuale dei giovani musicisti di Nuove Armonie dei giudizi che paiono tagliati grossolanamente, a colpi di accetta, fino a sfociare nel dileggio alle persone. Il Braga non avrebbe bisogno di difese d’ufficio; per l’istituto parlano le migliaia di studenti diventati affermati musicisti e fra loro, sarà un caso, ci sono anche alcuni fra i fondatori di Nuove Armonie. Non mi dilungo nel merito di alcune delle questioni poste perché a queste ha già risposto puntualmente il direttore Antonio Castagna e io, da presidente dell’Istituto, le sottoscrivo pienamente. Ritengo che i finanziamenti concessi dagli Enti locali per sostenere questa istituzione accademica - che consente a tanti giovani, a Teramo, di strutturare la passione artistica e musicale facendola diventare, grazie al titolo acquisito, una vera e propria professione - siano ottimamente spesi. Non mi sottraggo, però, al “rumore di fondo”, alle provocazioni più squisitamente politiche, al confronto sugli indirizzi della programmazione culturale nella nostra regione come nella nostra provincia.
Parto da una riflessione sulla questione più “prosaica”, la statizzazione. Sgombrato il campo dalla tesi, piuttosto ardita e comunque destituita di ogni fondamento che i ritardi siano da imputare al Braga – ci sono altri 19 istituti musicali in Italia nella stessa situazione – tutti, e quando dico tutti non penso alle istituzioni ma soprattutto alle centinaia di associazioni che producono idee e progetti e che, in definitiva, rendono possibile una identità culturale, dovrebbero augurarsi che la statizzazione arrivi presto e bene.
Provincia, Comuni e Regione potrebbero così “liberare” significative risorse economiche oggi destinate a garantire la vita quotidiana, la gestione ordinaria, dell’Istituto superiore. A meno non si voglia sostenere che dobbiamo togliere ai giovani teramani l’opportunità di studiare musica, una conquista culturale, sociale, prima ancora che un primato accademico, dobbiamo continuare a chiedere la statizzazione e, tutti insieme, obbligare il Governo a mantenere gli impegni assunti.
E arriviamo a quello che, secondo me, è il nocciolo della questione: cosa si può fare, cosa si deve fare, per consentire che la programmazione artistica e culturale, la circolazione delle idee, la libera sperimentazione non siano confinati, e in alcuni casi soffocati, da uno spazio delimitato e governato solo da logiche amministrative e regolamentari, pure necessarie ma poco inclini, per natura, a riconoscere il nuovo. Il problema, ovviamente, non è il Braga, non è l’attività svolta dalle tante e prestigiose associazioni culturali che si sono conquistate un ruolo e una fetta di risorse ma è come garantire al maggior numero possibile d’artisti, di associazioni, di uomini e di donne che hanno buoni progetti, un’opportunità, un luogo di confronto, un’accoglienza sapiente, un ascolto non frettoloso. Vado oltre: il problema è come fare in modo che sempre più cittadini, sempre più giovani, abbiano l’opportunità di moltiplicare le loro conoscenze e di coltivare i propri interessi attraverso una rete di manifestazioni che riesca a rappresentare i linguaggi, i messaggi, i codici, dei saperi espressi attraverso l’arte e la cultura.
Penso alle leggi regionali che regolano l’attività culturale; alle modalità con le quali vengono predisposti i bandi per l’accesso ai finanziamenti; penso all’attività delle Fondazioni; penso a come dare rappresentanza alle nuove istanze anche nei consigli di amministrazione delle istituzioni culturali; penso al ruolo che può svolgere la Provincia per dare un altro respiro ad un dibattito che rischia di esaurirsi in una polemica un po’ “provinciale” fra vecchio e nuovo.
Penso sia arrivato il momento di una svolta radicale nella politica culturale della Regione Abruzzo che, non da oggi, ha strutturato un pervicace strabismo nella distribuzione delle risorse, nella valutazione dei progetti come dell’attività delle associazioni a tutto discapito del territorio teramano e, vorrei aggiungere, della crescita e della qualità della vita della sua comunità”.

Il presidente della Provincia
Ernino D’Agostino

Teramo 9 maggio 2008

Commercio. Riunione sulla problematica inerente l’esercizio delle attività di commercio sul pubblico demanio marittimo.


ABRUZZO


Nella giornata di ieri, giovedì 8 maggio 2008, alla presenza dell’Anci Abruzzo, dei Comuni Abruzzesi, della Capitaneria di Porto di Pescara e di numerose Associazioni di Categoria, si è svolta presso la Regione Abruzzo una importante riunione sulla problematica inerente l’esercizio delle attività di commercio sul pubblico demanio marittimo.
Per la Regione Abruzzo erano presenti il Dott.Di Nizio dell’Ufficio Commercio e la Dott.sa Chiavaroli dell’Ufficio Demanio.
Infatti, in base alla normativa vigente (legge 135/99) vengono stabiliti direttamente dalla Direzione Turismo – Servizio Demanio Marittimo della Regione Abruzzo un certo numero di ambulanti abilitati all’esercizio commerciale sul demanio.
Addirittura, per i Comuni di Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto, Vasto e Giulianova, erano previsti n.60 operatori (per ogni comune) ammessi ad esercitare il commercio al dettaglio sul pubblico demanio marittimo in forma fissa ed itinerante mentre, per comuni molto più grandi, un numero di autorizzazioni inferiore.
Tali disposizioni ponevano, tra le altre cose, numerose problematiche vista la mancanza di criteri omogenei tra tutti i comuni interessati.
Su sollecitazione dell’Anci Abruzzo, rappresentata nell’occasione dal Sindaco di Giulianova Claudio Ruffini, la Regione Abruzzo ha accolto la proposta di modifica della legge per trasferire ai Comuni la delega attinente le autorizzazioni relative alla vendita ambulante.
Si è inoltre avanzata la possibilità di individuare specifiche aree attrezzate sul demanio da destinare al commercio ambulante.
Ampia soddisfazione è stata espressa dai Comuni (e dalle Associazioni di Categoria) interessati all’accoglimento di tali modifiche legislative.
E’ auspicabile che le stesse vengano approvate entro breve dando soluzione ad una problematica che, come tutti sanno, procura enormi ripercussioni di ordine sociale e di sicurezza.


Giulianova, 9 maggio 2008

Musica. Chet Baker Day, cresce la febbre per il concerto in memoria del grande musicista

Chet Baker Day, cresce la febbre per il concerto in memoria del grande musicista
Prenotazioni e richieste di accredito da tutta Italia per l’evento-tributo, al quale parteciperanno alcuni dei musicisti jazz che con Chet Baker suonarono ed incisero

Stanno arrivando da ogni parte d’Italia le prenotazioni e le richieste di accredito (alcune dalle più prestigiose riviste musicali di settore) per il “Chet Baker Day”, in programma lunedì 12 maggio, al teatro Comunale di Teramo.
Il tributo alla memoria del grande musicista, nel ventennale della scomparsa, è un evento esclusivo per l’Italia e rientra nel Winter Festival organizzato dalla Provincia di Teramo, la rassegna che negli anni passati ha ospitato tra gli altri Lou Reed, Paolo Conte e Jethro Tull. L’iniziativa è sostenuta anche da Comune di Teramo, Regione Abruzzo e Fondazione Tercas.

La serata, alla quale parteciperanno alcuni dei più grandi musicisti jazz che con Chet Baker suonarono ed incisero, si avvale della direzione artistica del musicista Nicola Stilo, anche lui tra gli artisti che si esibiranno.

La produzione e l’organizzazione tecnica sono invece affidate all’associazione Musica e Parole Eventi e Service Time.

Il programma prevede tre appuntamenti: alle ore 17 la proiezione del film "Let's Get Lost" di Bruce Weber; alle ore 18,45 l’incontro sul tema "Chet, un uomo e la su musica” , un faccia a faccia tra artisti e pubblico moderato da Adriano Mazzoletti con la partecipazione di Luigi Onori e Franco Fayenz e, alle ore 21,15, il concerto. L’ingresso è libero solo per i primi due appuntamenti.

Sul palco, a presentare il concerto e a cucire i differenti momenti musicali, ci sarà il giornalista Dario Salvatori.

Questi i musicisti che si esibiranno:

Elisabeth Kontomanou voce
Philip Catherine chitarre
Riccardo Del Fra basso acustico
Maurizio Giammarco sassofoni
Simon Goubert batteria
Alain Jeanmarie piano
Eric Le Lann tromba
Nicola Stilo flauti, art director

Infoline: 0861.787258 – 339.7236045 - Il costo del biglietto è di 37 euro (platea), 27 euro (galleria primo settore), 23 euro (galleria secondo settore) + diritti di prevendita.

Teramo, 9 maggio 2008

Provincia. Tutta la costa teramana certificata “Blu”. “Siamo diventati un sistema perché ha funzionato la rete” affermano i Sindaci e il Presidente




Tutta la costa teramana certificata “Blu”. “Siamo diventati un sistema perché ha funzionato la rete” affermano i Sindaci e il Presidente della Provincia


Comprensibile soddisfazione ma anche progetti e iniziative da mettere in cantiere. Questa mattina, in Provincia, nella sala consiliare e con gli stendardi ufficiali, i Sindaci e gli assessori dei sette Comuni della costa, insieme al presidente D‘Agostino, hanno festeggiato le 7 Bandiere Blu e suggellato un patto di collaborazione.

“Stiamo lavorando insieme alla certificazione ambientale Emas, già ottenuta da Martinsicuro e Silvi, e anche sul piano culturale e turistico stiamo mettendo a punto una rete che rappresenterà, per il futuro, il vero valore aggiunto della costa teramana” ha dichiarato l’assessore provinciale al turismo, Orazio Di Marcello.

Il Presidente ha ricordato che la provincia teramana è quella che intercetta oltre il 60% delle presenze turistiche della Regione e che la costa è il “il punto di partenza e allo stesso tempo il punto di forza” di questo settore.

Sindaci e amministratori della costa sono intervenuti sottolineando la strategica sinergia fra “le politiche turistiche e quelle di protezione ambientale” e hanno elencato i numerosi interventi che stanno facendo “sistema”: la pista ciclabile; i due Parchi marini; le riserve naturali; le raccolte differenziate dei rifiuti con l’avvio del cosiddetto “porta a porta” nella maggior parte dei Comuni; gli alberghi e le attività turistiche con certificazioni di qualità.

Per ottenere la “Bandiere Blu”, infatti, occorre essere in regola con numerosi parametri: la presenza di impianti di depurazione, una ben organizzata raccolta di rifiuti urbani, le raccolte differenziate, le isole pedonali, l'arredo urbano curato, le piste ciclabili; tutti fattori che contribuiscono alla valutazione ed alla assegnazione del riconoscimento.

All’incontro con la stampa hanno partecipato: il sindaco di Roseto, Franco Di Bonaventura; il sindaco di Silvi, Gaetano Vallescura; l’assessore Enzo Nardi di Pineto; gli assessori Laura Ciafardoni e Franco Caruso del Comune di Giulianova; l’assessore Pierluigi Marziale di Alba Adriatica; il sindaco di Tortoreto, Emiliano Di Matteo; l’assessore Gianfranco De Luca di Martinsicuro.

Teramo 9 maggio 2008

Atletica. International Riviera d'Abruzzo Half Marathon: ci siamo, Appuntamento a Giulianova con campioni e amatori


COMUNICATO STAMPA
International Riviera d'Abruzzo Half Marathon: ci siamo
Appuntamento a Giulianova con campioni e amatori
Mezza maratona internazionale di Giulianova, ma per tutti è la "Riviera d'Abruzzo", una delle competizioni su strada più belle nel panorama italiano. E non solo.
Circa millecinquecento atleti si ritroveranno al nastro di partenza domenica mattina, per correre i 21,097 km del percorso ma anche (i meno allenati) per cimentarsi sulla 10 km non competitiva denominata "Correndo o passeggiando sul lungomare".
Lo start è fissato per le ore 9 dal lungomare nord, presso il villaggio turistico Holiday, che da otto anni – cioè dalla nascita di questa splendida manifestazione – garantisce accoglienza a tutti gli atleti.
La novità del 2008 è che la corsa si snoderà interamente sul territorio di Giulianova, senza quindi attraversare i comuni di Tortoreto e Alba Adriatica come in passato. Due giri da circa 10,5 km permetteranno anche al pubblico di monitorare continuamente il passaggio degli atleti.
Il presidente della società organizzatrice Runners Adriatico, Gianni Petrella, ha svelato la lista dei più forti, dei top runners, che correranno con l'obiettivo di abbassare il primato della Riviera d'Abruzzo di 1h02'08".
Su tutti, Solomon Rotich (Kenia), quindi Philemon Kipkering (Kenia), Alfred Kiprop Sang (Kenia), Eric Kirkir (Kenia) e il marocchino Said Issam.
A livello femminile, la campionessa italiana di maratona del 2007 Marcella Mancini se la vedrà in particolare con la keniota Pamela Chepchumba, che nel 2007 ha conquistato uno stratosferico sesto posto ai mondiali di corsa campestre. Occhio anche alla marocchina Tahna Faraj.
Ma l'evento a Giulianova e dintorni è già cominciato, con l'arrivo dei primi atleti stranieri (in particolari una folta delegazione che ogni anno arriva da Malta per correre e per fare turismo) e in attesa dell'ormai classico sabato pre-gara, con pasta party e festeggiamenti, ma senza far tardi, domenica si gareggia...
Le immagini della Riviera d'Abruzzo si potranno vedere in tv già nel pomeriggio nel corso della trasmissione Linea Sport, in onda su Atv7, Sky 873 e http://www.vides.tv/, mentre nei giorni successivi le stesse reti realizzeranno uno speciale di 30'.
In allegato, la foto (di Photomarket) del primatista della gara Paul Kipkemei Kogo.

UFFICIO STAMPA RUNNERS ADRIATICO
PAOLO SINIBALDI PUBBLICHE RELAZIONI
http://www.runnersadriatico.org/

Provincia. Anche il pilota teramano di rally, Alfredo De Dominicis, al Villaggio della Sicurezza


Anche il pilota teramano di rally, Alfredo De Dominicis, al Villaggio della Sicurezza



Ci sarà anche Alfredo De Dominicis, il pilota teramano di rally, attualmente impegnato nel campionato italiano “Rally terra”, a tagliare il nastro del “Villaggio della Sicurezza” sabato mattina, a Teramo, a Piazza Martiri.

Il pilota, istruttore di guida sportiva e sicura presso il “Centro internazionale di guida sicura De Adamich” (scuola ufficiale Alfa, Maserati e Ferrari) rappresenta il testimonial ideale della campagna di sensibilizzazione lanciata dalla Provincia per contrastare il fenomeno dell’alta incidentalità stradale.

“Le iniziative per promuovere una cultura della sicurezza si arricchiscono ogni giorno di nuove adesioni – commenta il vicepresidente con delegata alla mobilità, Giulio Sottanelli – segno che il problema è molto avvertito. Sono certo che potremo fare buon uso del contributo di tutti, anche del mondo sportivo automobilistico; le competenze e le conoscenze che si registrano in questo specifico settore, infatti, torneranno molto utili per la realizzazione del Centro di Guida Sicura a Castellalto”.

Teramo 9 maggio 2008

Città di Giulianova. CONVOCAZIONE CONFERENZA STAMPA

CITTA’ DI GIULIANOVA
PROVINCIA DI TERAMO



CONVOCAZIONE CONFERENZA STAMPA




L’Assessorato alla pubblica Istruzione, unitamente all’Assessorato all’Ambiente, invita la S.V., il giorno lunedì 12 maggio 2008 alle ore 11,00 presso la Sala Consiliare del Comune di Giulianova, alla Conferenza Stampa di presentazione della manifestazione:

“BIMBINBICI”.

Si tratta di una manifestazione a carattere nazionale promossa dall’Associazione Ambientale “AMBIENTIAMOCI”.

Comunicazione. L'articolo di Francesca Gilibert, il dopo 11 settembre, votiamo l'articolo


Ciao ragazzi.

Sul sito riportato qui di seguito c'è un reportage sulla “New York tossica” in conseguenza dell’11 settembre, con la drammatica situazione di poliziotti, vigili del fuoco e netturbini che si sono ammalati durante le operazioni di soccorso e che attualmente sono abbandonati. Il servizio è stato realizzato da una ex alunna di un docente teramano all'estero, Francesca Gilibert, questo il suo nome, abita in Lussemburgo, ma frequenta un master a Parigi presso la facoltà di Scienze della Comunicazione.

Il reportage è stato ammesso al concorso indetto dalla rivista Paris Match. Ed è sottoposto al vostro giudizio, sopratutto dagli internauti. Perciò mi farebbe piacere che vincesse. Per favore votate il servizio con il massimo punteggio “…à la folie” però entro il 15 maggio. Grazie. Ps. Francesca è già stata eletta, nel 2000, “Miss Internet Lussemburgo”.

Ha studiato danza e musica (sassofono).

questo è il sito per VOTARE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ambiente 2. COMITATO SI' ALLA DIFFERENZIATA OLTRE IL PORTA A PORTA - GIULIANOVA


COMITATO SI' ALLA DIFFERENZIATA

OLTRE IL PORTA A PORTA - GIULIANOVA

CARTONIADI 2008 A GIULIANOVA:

COMUNE E SOGESA IN GRAVE RITARDO Pochi sanno che il 1° maggio è iniziata l’edizione 2008 delle CARTONIADI, organizzate dalla Regione Abruzzo e dal Comieco in collaborazione con alcuni Comuni tra cui quello di Giulianova. Le CARTONIADI sono una gara in cui cittadini e commercianti si impegnano ad incrementare la raccolta differenziata di carta, cartone e cartoncino, e si terrà fino al 31 maggio nei Comuni di Avezzano, Francavilla, Giulianova, Lanciano, Montesilvano, Ortona, Roseto degli Abruzzi, Sulmona e Vasto. L’iniziativa ha un obiettivo molto importante: valorizzare l’impegno e la sensibilità delle attività economiche e dei cittadini verso il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti e riciclo dei materiali che derivano dalla cellulosa. Si aggiudicherà la competizione il Comune che nel periodo 1 maggio-31 maggio otterrà, in relazione al numero di abitanti, il miglior incremento percentuale rispetto al punteggio base. Per il Comune vincitore il primo premio sarà pari a 20.000 euro da utilizzare per “la realizzazione di opere, erogazione di servizi, o comunque effettuazione di iniziative di interesse del Comune e della comunità di riferimento (es. realizzazione di interventi di recupero, ripristino o abbellimento delle strutture e degli spazi comuni) secondo quanto indicato dal Comune all’atto di partecipazione alla gara”. Per il buon esito dell’iniziativa, il Comune di Giulianova, Sogesa e Comieco si sono impegnati a distribuire ai commercianti e ai cittadini materiali promozionali stampati per l’iniziativa e ad attivarsi per sensibilizzarli alla raccolta differenziata del cartone. Per garantire il migliore successo dell’iniziativa, i soggetti promotori si sono altresì impegnati a porre in essere una campagna di informazione mediante comunicati stampa, una campagna di affissioni e spot radiofonici. Ebbene, in Città i manifesti sono miracolosamente comparsi nella notte di giovedì 8 maggio. Fino a questa mattina (venerdì 9) di locandine, depliant e spot radiofonici non c’è traccia. Segno che, a Giulianova, sia il Comune sia la Sogesa si sono mossi poco, male e quando ormai mancano solo 20 giorni alla fine della gara.L'informazione ambientale -come insegna l'esperienza del "porta a porta"- non è mai stato un punto di forza nè per il Comune nè per la Sogesa. Evidentemente sensibilizzare i cittadini a fare bene la differenziata non è considerata una cosa importante ed il premio da 20.000 euro, con cui il Comune potrebbe finanziare una qualsiasi opera o servizio a beneficio della Città e dei Cittadini, non fa gola a nessuno, soprattutto adesso che, dopo avere malauguratamente venduto il Pioppeto, Ruffini dice che possiamo tirare un sospiro di sollievo. in allegato i "misteriosi" manifesti comparsi miracolosamente questa mattinaf.to

IL DIRETTIVO DEL COMITATO

Ambiente. COMITATO SI' ALLA DIFFERENZIATA, OLTRE IL PORTA A PORTA - GIULIANOVA


I manifesti sono stati affissi nella notte compresa tra l'8 ed il 9 maggio.Ciò significa che si è perso 1/3 del tempo a disposizione per promuovere l'iniziativa e la raccolta differenziata.Magari nelle prossime ore spunteranno le locandine, i depliant e gli spot radiofonici.Comune e Sogesa si sono mossi poco, male e tardi.
Firmato
COMITATO SI' ALLA DIFFERENZIATA
OLTRE IL PORTA A PORTA - GIULIANOVA

Comitato No al Porta a Porta si alla

giovedì 8 maggio 2008

Politica. La ruota del pavone… de "la Destra", risposta di AN Giulianova


08/05/2008 COMUNICATO STAMPA

ALLEANZA NAZIONALE- PDL

CIRCOLO DI ALLEANZA NAZIONALE DI GIULIANOVA


La ruota del pavone… de "la Destra".



E' risaputo che la bellezza delle variopinte penne della coda del pavone viene delusa dallo stridio del suo canto e dalla constatazione che cotanto uccello è impossibilitato ad alzarsi in volo.
Stiamo parlando de "la Destra" che, con le sue considerazioni nei confronti di Alleanza Nazionale, apre purtroppo una parentesi di incomprensione nei rapporti leali che A.N. ha offerto a tutti coloro che, rifacendosi a valori e ideali comuni, si uniscono per contrastare l'avversario…che è il centro- sinistra.
Non è un simbolo che produce voti ma la correttezza dei comportamenti e la consapevolezza di agire liberi in un mondo libero dagli estremismi. Il patrimonio di idee, di storia e di valori della destra è degnamente rappresentato dal popolo giuliese di Alleanza Nazionale, il quale, nel segno del rinnovamento, riscuote ampi consensi.
Lieti dello straordinario exploit ottenuto da "la Destra" nelle ultime consultazioni elettorali (482 voti!!!), siamo in attesa di conoscere il nome del loro candidato sindaco, cosicché con i 5600 voti del Partito della libertà si possa raggiungere l’obiettivo di vincere alle prossime amministrative…
Vogliamo sperare che il pavone, col suo fastidioso canto, non preferisca altrimenti gareggiare con l'usignolo…
Il Circolo territoriale di Alleanza Nazionale, nel ribadire la grande gioia per l’elezione di Gianni Alemanno a Sindaco di Roma e per la riconferma dell’Onorevole teramana Carla Castellani, porge… un saluto a "la Destra" giuliese.


Il Presidente del Circolo
Paolo Vasanella

Religione. Oratorio del Preziosissimo Sangue

Oratorio del Preziosissimo SangueVia Colonnetta n. 148 - Chieti ScaloDomenica 11 maggio 2008, Pentecoste: ore 18,30 S. Messa.Sabato 24 maggio e domenica 25 maggio 2008:pellegrinaggio a piedi da Osimo-Loreto.Per informazioni e iscrizioni al pellegrinaggio:http://www.casasanpiox.it/news.asp?id=242Video dell’edizione 2007:http://it.youtube.com/watch?v=fySNpSSDwE8

Statistiche. La Toscana al primo posto per contatti ricevuti, GRAZIE

Salutiamo gli amici di:
  1. MOSCIANO (Scandicci FI).
  2. FIRENZE

sono collegati al sito ogni giorno.

GRAZIE

giulianovanews

Ambiente. CARTONIADI 2008 A GIULIANOVA: COMUNE E SOGESA SE NE FREGANO


COMITATO SI' ALLA DIFFERENZIATA

OLTRE IL PORTA A PORTA - GIULIANOVA

CARTONIADI 2008 A GIULIANOVA:

COMUNE E SOGESA SE NE FREGANO

Pochi sanno che il 1° maggio è iniziata l’edizione 2008 delle CARTONIADI, organizzate dalla Regione Abruzzo e dal Comieco in collaborazione con alcuni Comuni tra cui quello di Giulianova. Le CARTONIADI sono una gara in cui cittadini e commercianti si impegnano ad incrementare la raccolta differenziata di carta, cartone e cartoncino, e si terrà fino al 31 maggio nei Comuni di Avezzano, Francavilla, Giulianova, Lanciano, Montesilvano, Ortona, Roseto degli Abruzzi, Sulmona e Vasto. L’iniziativa ha un obiettivo molto importante: valorizzare l’impegno e la sensibilità delle attività economiche e dei cittadini verso il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti e riciclo dei materiali che derivano dalla cellulosa. Si aggiudicherà la competizione il Comune che nel periodo 1 maggio-31 maggio otterrà, in relazione al numero di abitanti, il miglior incremento percentuale rispetto al punteggio base. Per il Comune vincitore il primo premio sarà pari a 20.000 euro da utilizzare per “la realizzazione di opere, erogazione di servizi, o comunque effettuazione di iniziative di interesse del Comune e della comunità di riferimento (es. realizzazione di interventi di recupero, ripristino o abbellimento delle strutture e degli spazi comuni) secondo quanto indicato dal Comune all’atto di partecipazione alla gara”. Per il buon esito dell’iniziativa, il Comune di Giulianova, Sogesa e Comieco si sono impegnati a distribuire ai commercianti e ai cittadini materiali promozionali stampati per l’iniziativa e ad attivarsi per sensibilizzarli alla raccolta differenziata del cartone. Per garantire il migliore successo dell’iniziativa, i soggetti promotori si sono altresì impegnati a porre in essere una campagna di informazione mediante comunicati stampa, una campagna di affissioni e spot radiofonici. Ebbene, in Città di manifesti, locandine, depliant e spot radiofonici non c’è traccia. Segno che, a Giulianova, sia il Comune sia la Sogesa non si sono voluti sprecare più di tanto. L'informazione ambientale -come insegna l'esperienza del "porta a porta"- non è mai stato un punto di forza nè per il Comune nè per la Sogesa. Evidentemente sensibilizzare i cittadini a fare bene la differenziata non è considerata una cosa importante ed il premio da 20.000 euro, con cui il Comune potrebbe finanziare una qualsiasi opera o servizio a beneficio della Città e dei Cittadini, non fa gola a nessuno, soprattutto adesso che, dopo avere malauguratamente venduto il Pioppeto, Ruffini dice che possiamo tirare un sospiro di sollievo. in allegato i "misteriosi" manifesti che nessuno ha mai visto affissi per Giulianova

f.to IL DIRETTIVO DEL COMITATO

Politica. Comitato promotore Referendum regionali abrogativi


Comitato promotore Referendum regionali abrogativi
Responsabili: Pio Rapagnà e Giovanna Forti
Sede: Via Lombardia, 10 – Roseto degli Abruzzi (TE)
Tel. 085-8944932 – 330-431480
APPELLO DI PIO RAPAGNA' E GIOVANNA FORTI: chiediamo un “intervento diretto” dei Direttori, capi-Redattori e Responsabili degli Organi di informazione abruzzesi a tutela dei nostri diritti referendari sanciti dalla Costituzione italiana e dallo Statuto della Regione Abruzzo.
Il Comitato promotore dei referendum regionali abrogativi dei costi e degli sprechi della politica si trova di fronte a “norme diaboliche e sibilline” che impediscono ed impediranno per i prossimi 4 anni lo svolgimento in Abruzzo di ogni e qualsiasi referendum abrogativo. Questo è il quadro “istituzionale e procedurale” di cui non riusciamo a capire il senso e la finalità “democratica”:
anno 2008 – elezioni politiche anticipate: i referendum sarebbero stati “sospesi” e rinviati al 2009;
anno 2009 – elezioni amministrative provinciali: i referendum richiesti nel 2007 e nel 2008 sarebbero “sospesi e rinviati” al 2010;
anno 2010 – elezioni regionali: i referendum promossi nel 2007, nel 2008 e nel 2009 sarebbero tutti “sospesi e rinviati” al 2011 e nei 6 mesi precedenti e successivi alle elezioni regionali è vietato l'esercizio della stessa “iniziativa referendaria” per cui non si potrebbe addirittura nemmeno raccogliere le firme per chiedere lo svolgimento di referendum per l'anno successivo 2011;
anno 2011 – elezioni comunali – tutti i referendum “sospesi” precedentemente sarebbero di nuovo rinviati all'anno 2012;
anno 2012 – elezioni politiche?
In questi giorni di “battaglia istituzionale” ed in piano conflitto di attribuzione di poteri legislativi e statutari, non è operativo il Collegio per le garanzie statutarie ed il Difensore Civico dichiara di non avere alcun potere e competenza in merito: chi è che deve tutelare i diritti referendari dei Cittadini e del Comitato promotore?
Infatti: il titolo VII dello Statuto della Regione Abruzzo regolamenta i Referendum e la Legge Regionale n. 44 del 19 dicembre 2007 stabilisce le modalità di svolgimento dei due soli tipi di referendum proponibili, quello abrogativo e quello consultivo; l'art. 76 dello Statuto, fissando i limiti del referendum abrogativo, stabilisce che “Il referendum non può essere tenuto nei sei mesi precedenti la scadenza del Consiglio regionale e nei sei mesi successivi alla elezione del Consiglio”, e l'art. 16, Comma 1, lettera c) della nuova Legge Regionale 19.12.2007, relativo a “sospensione del referendum”, stabilisce che “Le operazioni e le attività regolate dal presente capo, relative alla indizione, allo svolgimento e alla proclamazione dei risultati, sono sospese (“anche”) nei tre mesi antecedenti e nei tre mesi successivi alla data fissata per le elezioni politiche o amministrative di almeno la metà dei Comuni o delle Province della Regione”.
Roseto degli Abruzzi, 8 maggio.2008

Provincia. Salvaguardia idraulico-ambientale del Vomano, il Tar dà ragione alla Provincia


Salvaguardia idraulico-ambientale del Vomano, il Tar dà ragione alla Provincia
I lavori saranno definitivamente realizzati dall’Ati aggiudicataria della gara

La Provincia di Teramo può procedere alla definitiva realizzazione dei lavori di salvaguardia dell’asta fluviale del Vomano, un’opera di circa 6 milioni di euro aggiudicata dall’ente nel mese di aprile 2005 dopo l’espletamento di un appalto-concorso. Il Tar de L’Aquila, con sentenze del 2 maggio, ha respinto i ricorsi proposti contro gli atti della procedura di gara dai raggruppamenti di imprese e relativi progettisti che non erano risultati aggiudicatari dei lavori. Il tribunale amministrativo ha giudicato destituiti di fondamento i motivi addotti dai ricorrenti (con relativa richiesta di risarcimento danni) contro l’operato della Provincia, difesa dal dirigente dell’Avvocatura dell’ente Antonio Zecchino.

I lavori saranno portati a termine dall’associazione temporanea di imprese aggiudicataria della gara, composta dalle imprese Savini Costruzioni, Di Sabatino Giuseppe, Costram, Bassino, Edilvomano Costruzioni.

Il finanziamento dell’opera arriva direttamente dal Ministero dell’Ambiente su richiesta congiunta della Regione e della Provincia che, nel 1997, presentarono un’ampia documentazione sul fenomeno erosivo del fiume Vomano, uno dei casi europei più significativi di degrado idraulico e ambientale. In alcuni punti, infatti, l’abbassamento dell’alveo tocca i 15 metri, mettendo a rischio anche le infrastrutture a ridosso del fiume.

Tre le tipologie di intervento previste: 1) alla foce, nei Comuni di Roseto e Pineto per scongiurare le esondazioni e le tracimazioni garantendo il transito delle acque anche in condizioni di massima piena; 2) fra la strada provinciale 553 e la strada provinciale 23, dove l’alveo si è abbassato in maggiore misura, per arrestare l’erosione che destabilizza le sponde con lavori di ingegneria naturalistica; 3) sul ponte sul Vomano, per diminuire la velocità dell’acqua che in quel punto raggiunge i 10 metri al secondo contro la velocità di regime che dovrebbe essere di 2 o 3 metri al secondo.

“Il contenzioso – afferma il vice presidente della Provincia con delega ai lavori pubblici, Giulio Sottanelli - ha ritardato la realizzazione dei lavori, necessari per la salvaguardia idraulico-ambientale del fiume Vomano. Cercheremo di ottimizzare i tempi di ultimazione dell’opera, centrando rapodamente l’obiettivo che ci siamo prefissi”.

Teramo, 8 maggio 2008

Libri. Fiera del Libro di Torino.

FABIO D'AMBROSIO Editore
presente alla Fiera Internazionale del Libro di Torino
Vi invita allo stand D114 padiglione 1
e ai seguenti incontri:
venerdì 9 maggio 2008Spazio Book h. 18.30:
I CATAMODERNI: l'impossibile Avanguardia contemporanea.L'Avanguardia e le sfide della contemporaneità: incontro scontro tragiovani e autori per una nuova antologia dell'AvanguardiaIntervengono: Tiziana Colusso, Gaetano delli Santi, FrancoFalasca, Carmine Lubrano, Francesco Muzzioli.
Sabato 10 maggio 2008 Spazio Stock h. 19.30:
I CATAMODERNI: l'impossibile Avanguardia contemporanea.L'Avanguardia e le sfide della contemporaneità: incontro scontro tragiovani e autori per una nuova antologia dell'AvanguardiaIntervengono: Nadia Cavalera, Tiziana Colusso, Gaetano delli Santi, FrancoFalasca, Michele Fianco, Carmine Lubrano, Francesco Muzzioli.
Domenica 11 maggio 2008 Spazio Stock h. 18.00:
La forza generativa del Barocco. L'eredità estetico linguistica del Barocco alle Avanguardie.La rivoluzione barocca per un'analisi critica della società contemporanea.Intervengono: Gaetano delli Santi e Paolo Jachia
I CATAMODERNI: l'impossibile Avanguardia contemporanea.Antologia di prosa e poesia italiana(titolo provvisorio)
Alcuni degli autori scelti sono stati pubblicati da Vanni Scheiwiller.
La scelta e la critica sono state affidate ai ragazzi della redazione poco più che ventenni (quindi una formula assai coraggiosa) con il preciso intento di porre in massima evidenza il senso dell'avanguardia letteraria rispetto alle problematiche del vivere dei nostri giorni.
Si tratta di un'opera che culturalmente ed eticamente ha un preciso senso.La nostra idea dell'avanguardia è che essa sia il terreno in cui si sperimenta il nuovo.In tal senso l'antologia comprende una nutrita serie di interviste a personalità di oggi che sperimentano il nuovo anche in campi diversi da quello letterario. Figure che rappresentano di fatto, più o meno consapevolmente, le avanguardie di un'auspicabile nuova umanità.
Come nostra consuetudine editoriale, il volume sarà riccamente illustrato.
Autori presenti: Nadia Cavalera, Tiziana Colusso, Gaetano delli Santi, Franco Falasca, Michele Fianco, Giovani Fontana, Carmine Lubrano, Mario Lunetta, Francesco Muzzioli, Marco Palladini, Antonio Maria Pinto, Sandro Sproccati.
Interviste inedite a: Getulio Alviani, Silvano Agosti, Renzo Arbore, Massimo Bucchi, Giulio Casale, Francesco Dal Co, Elio De Capitani, Franco Fabbri, Dario Fo, Margherita Hack, Dànilo Mainardi, Alessandro Robecchi, Edoardo Sanguineti, Denis Santachiara, Arturo Schwarz, Sergio Staino.
Fiera del Libro di Torino.Lingotto, 8-12 maggio 2008fabio d'ambrosio editorecomunicazione, media, editoriavia Cialdini 74 - 20161 MILANO MIfax +39.02.3574986 valeria.mulas@dambrosioeditore.itwww.f451.it
www.dambrosioeditore.it

Politica. Oggetto: Interrogazione sulla questione ““Ristrutturazione, messa a norme ed ampliamento della scuola elementare zona Orti”




PARTITO della RIFONDAZIONE COMUNISTA
Circolo “PASQUALE DI MASSIMANTONIO”
Corso Garibaldi,43/45 – GIULIANOVA

Giulianova 06 Maggio 2008


Al sig.Presidente del Consiglio del comune di Giulianova Gabriele Filipponi
Al Sindaco comune di Giulianova Claudio Ruffini


QUESTION TIME

Oggetto: Interrogazione sulla questione ““Ristrutturazione, messa a norme ed ampliamento della scuola elementare zona Orti”


Premesso che: con delibera della Giunta, n. 216 in data 04.07.07, è stato approvato il progetto esecutivo relativo ai lavori di “Ristrutturazione, messa a norme ed ampliamento della scuola elementare zona Orti” redatto dall’Ing. Emidio Di Raimondo dell’importo complessivo di €. 2.000.000,00

Premesso che : l’amministrazione comunale intende realizzare interventi di ristrutturazione della scuola elementare e che, in tale contesto, è prevista la realizzazione di una nuova porzione dell’edificio per ristrutturazione ed ampliamento della scuola elementare di zona Orti.

PER QUANTO PREMESSO CHIEDIAMO : all 'Amministrazione del Comune di Giulianova di individuare come prioritaria l'esigenza di predisporre nella costruenda sede scolastica degli spazi da adibire a mensa. Con adeguati locali igienici ed una cucina.
Ciò nasce anche dall'esigenza di avere una struttura più confacente ai bisogni degli utenti, visto che con l'ampliamento della sede scolastica di zona Orti, si raggiunge lo scopo di riunire in un unico complesso scolastico i tre livelli della scuola dell'obbligo (Materna - Elementare - Media).


Distinti Saluti
La capo gruppo del Partito della RIFONDAZIONE COMUNISTA
ELISA BRACA

Il consigliere del Partito della RIFONDAZIONE COMUNISTA
ANTONIO DE VINCENTIS

Mostre. Artista: ORSINA SFORZA, Titolo mostra: Vicini di strada


COMUNICATO STAMPA
Artista: ORSINA SFORZA
Titolo mostra: Vicini di strada
Poesia: Patrizia Cavalli
Testo in catalogo: Mirta D'Argenzio
Inaugurazione: 15 maggio 2008 ore 18,30
Durata mostra: fino al 7 giugno 2008
Orario: da martedì a sabato ore 16,00 - 20,00 e per appuntamento
Luogo: GALLERIA MANIERO Via Dell'Arancio,79 - 00186 Roma
Info: tel./fax 06 68807116 - info@galleriamaniero.it - www.galleriamaniero.it
Da alcuni anni Orsina Sforza prosegue la sua ricerca sulle composizioni create dal caso .
Fotografa in discariche urbane, campestri o semplicemente per strada, ciò che cattura il suo occhio. Nei suoi oli su tela si può riconoscere in mezzo ad una ricca crescita di erbe selvatiche ed intrichi di rami, una scarpa, una branda rossa, una pompa o uno straccio. Altri oggetti invece sembra abbiano perso ogni traccia della propria identità, per far posto ad una nuova arbitraria apparenza fittizia.
La tela cerata gialla appesa al tronco pare il muso di un asino e le grandi foglie di Muratella che emergono dalla penombra, quasi animali.
La pittura di Orsina Sforza oltre ad avere colori intensi e notevole ricchezza e sapienza pittorica, ci fa rendere conto dell’ambiguità della vista e della precarietà dell’esistenza.
Orsina Sforza è nata a Milano, vive e lavora a Roma.
Principali mostre personali: 2008: Vicini di strada,Galleria Maniero, Roma, 2006: Recent Paintings, Janos Gat Gallery, New York, Diletti Disfatti Galleria Navona, Roma. 2003: Maschere a Roma, installazione, Palazzo delle Esposizioni, Roma. 2000: Carte, Galleria Maniero, Roma, Plappo, The Eagl Gallery, Londra. 1997: Astrale, Galleria Spatia,Bolzano, Opere Recenti, Galleria Antonia Jannone, Milano. 1995: Notturno, Galleria Carlo Virgilio, Roma. 1994 Lumi, Galleria Antonia Jannone,Milano
Principali collettive: 2007 Nocturnus Galleria Giovanna Scapucci, Palazzo Mazzatosta, Viterbo, Varia Janos Gat Gallery, N.Y.C. 2003 Quattro, Galleria Maniero ,Roma. 2002: Misura Unica per una Collezione, Palazzo dei Tiranni,Cagli, Della Notte, Galleria Pio Monti, Roma. 2001: Extravergine, Flash Art Museum,Trevi Art 2001, The Eagle Gallery, Londra. 1998: Works on Paper, The Eagle Gallery, Londra Artissima, Galleria Antonia Jannone, Torino. 1997: Goti d’Autore, Castello Sforzesco, Milano Incastri Pericolosi, Fiera di Verona, Verona. 1996: Kouroi Kourai, Kouros Gallery, New York
Artist: Orsina Sforza
Title: Street neighbours
Poem: Patrizia Cavalli
Text: Mirta D'Argenzio
Opening: Thursday 15th May 6:30 pm.
Duration: Till the 7th June 2008
Time: Tuesday-Saturday 4:00 pm.- 8:00 pm.
Location: Galleria Maniero Via Dell'Arancio 79, 00186 Rome
Info: 06 68807116 info@galleriamaniero.it-www.galleriamaniero.it

For several years now Orsina Sforza has been researching compositions created at random.
She photographs urban and country dumps or simply what catches her eye on the street.
In her oil paintings you can recognise a shoe, a red camp bed, a pump or a rag among the thick growth of wild herbs and entangled branches. Other objects seem to have lost trace of their identity, to make way for a new arbitrary ficticious image.
The yellow oilcloth hung to a tree resembles the face of a horse and the big leaves of Muratella that emerge from the gloom appear to be animals.
Orsina Sforza's painting show considerable pictorical knowledge and richness together with an intense use of colour. Our attention is drawn to the ambiguity of our vision and the precariousness of our existance.

Musica. Il Sandy Müller Quintet in concerto


Il Sandy Müller Quintet sarà in concertoVenerdi 9 Maggio ore 22 al DUNE CLUB, Piazza S.S.Apostoli 52, Romahttp://www.dunerestaurant.it/main_Ita.html
Sandy Müller VoceClaudio Pezzotta ChitarraEmilio Merone PianoGuerino Rondolone BassoMauro Colavecchi Batteria
Vi aspettiamo!
www.sandymuller.itwww.myspace.com/sandymuller

Cultura. Al Nome della Rosa di Giulianova


MANILA HEMP

in concerto


Circolo virtuoso Il nome della Rosa

Giulianova Alta, Via Gramsci 46/a

Info Line 338/9727534


Sabato 10 ORE 22,00MUSICA DAL VIVO MANILA HEMP http://www.ilnomedellarosa.com/schedanews.php?id=99

Ricordiamo inoltre l'appuntamento di questa sera:http://www.ilnomedellarosa.com/schedanews.php?id=104

E quello di domani, venerdì 9 maggiohttp://www.ilnomedellarosa.com/schedanews.php?id=105


SEMPRE SORRISO

Sport. “IV Traversata dell’Adriatico in pattino da Sebenico a Giulianova”.


CITTA’ DI GIULIANOVA
PROVINCIA DI TERAMO



CONVOCAZIONE CONFERENZA STAMPA

L’Amministrazione Comunale di Giulianova, invita la S.V., il giorno mercoledì 14 maggio 2008 alle ore 12,00 presso la Sala Consiliare del Comune di Giulianova, alla Conferenza Stampa di presentazione della
“IV Traversata dell’Adriatico in pattino da Sebenico a Giulianova”.

Saranno presenti, tra gli altri,

il Sindaco di Giulianova Claudio Ruffini,

il Consigliere delegato allo Sport Alfredo Cerasari,

il Presidente dell’Ente Porto Avv.Pierangelo Guidobaldi,

gli atleti (tra cui il giuliese Fioravante Palestini detto “Gabriellino”),

lo staff tecnico e medico.


Vista la rilevanza dell’iniziativa si chiede di non mancare.

Giulianova, 8 maggio 2008

mercoledì 7 maggio 2008

Mostre. “GODART 2008”, a Città Sant'Angelo

“GODART 2008”
10 maggio / 14 Giugno

Vernissage sabato 10 maggio ore 19,00

Periodo 10 maggio 14 giugno 2008

Aperto tutti i giorni dalle 18,00 alle 21,00 – chiuso domenica e lunedì

Visite guidate per appuntamento tel. ufficio cultura + 39 085 9696216

Sabato 10 maggio sarà inaugurata la nona edizione della mostra d’arte contemporanea Godart, che costituisce il momento conclusivo del progetto: “Godart arte a scuola, a scuola con l'arte”, laboratori d’arte tenuti nel comune di Città Sant’Angelo e con l’organizzazione dell’ Amministrazione Comunale, della Direzione Didattica e del Museo Laboratorio d'Arte Contemporanea “ex manifattura tabacchi” di Città Sant'Angelo, con la collaborazione della Provincia di Pescara e della Regione Abruzzo e con il supporto di alcune aziende operanti nel territorio angolano. Questa edizione dei laboratori vedrà la partecipazione, in qualità di osservatori, i rappresentanti delle scuole e delle istituzioni di Grecia, Spagna, Svezia, Cipro, Regno Unito, Polonia e Slovacchia che partecipano al progetto “Cultura 2000” ed al Progetto “ Comenius”, del quale la Direzione Didattica di Città Sant’Angelo è scuola capofila. Inoltre da questo anno è iniziata la collaborazione con l’Associazione “Al-May Ari –Valmadrid” di Saragozza ( Spagna).
Dal 5 al 10 maggio 2008 circa 850 alunni delle Scuole Primarie e dell’Infanzia sono stati impegnati in laboratori progettati e tenuti da artisti che con le proprie opere, in molti casi inedite, danno vita alla mostra.
La mostra “Godart” è un momento molto particolare e forse rappresenta anche il senso del museo, perchè dopo la condivisione del lavoro nei laboratori gli artisti possono relazionarsi, dividersi ed incontrarsi con le opere, opere che ad un primo impatto potranno apparire eterogenee, ma che di sicuro rappresentano i linguaggi dell’arte contemporanea che, in questo luogo, danno vita a quella tensione estetica e poetica, a quel dono che spesso l’arte fa allo sguardo disponibile.
La mostra rappresenta anche un'opportunità di dialogo e di confronto tra varie generazioni di artisti, una sorta di palestra ove ci si allena ad una ecologia di ascolto, di azione e di futuro rigore: alla necessità di contribuire a dare energia al divenire dell’arte.
Artisti: Dario Agrimi, Alessia Armeni, Marco Belfiore, Romano Bertuzzi, Isabella Bordoni, Ercole Coruzzi, Francesca De Rubeis, Carlo Dell’Acqua, Chiara Demelio, Francesco Di Gregorio, Dr.Pira, Gianfranco Draicchio, Rocco Dubbini, Simonetta Fadda, Matteo Fato, Sonia Fernàndez Gonzàles, Alessandro Garbini, Armida Gandini, Jesus Angel Garcia Vega, Paolo Gobbi, Lee Guem Muk, Piotr Hanzelewicz, Ali Hassoun, Antonio Lucifero, Maicol & Mirco, Simone Mair, Giovanni Mantovani, Sara Marzari, Chijoko Miura, Mario Moscadello, Valeria Muledda, Giuditta Nelli, Paride Petrei, Gloria Pastore, Massimo Piunti, Anja Puntari, Elena Rapa, Ratigher & Tuono Pettinato, Alessandro Ratti, Vincenzo Rulli, Fabrizio Segaricci, Giuseppe Stampone, Sophie Usunier, Massimo Vitangeli.


MUSEO LABORATORIO – ex Manifattura tabacchi - Vico Lupinato 1 65013 Città Sant’Angelo
tel + fax + 39 085 960555
www.museolaboratorio.org info@museolaboratorio.org

Amici. E' morto Armando Frezza, un caro amico e politico di razza!!!!!!!!!!!!


Foto: Tesori di Fattoria 2007, Cia di Teramo.

Ciao Armando, ti avevo conosciuto grazie all'estroverso nipote Antonio, sei stato un vero Comunista d'altri tempi, una razza in via d'estinzione. Ti seguivo sulle cronache locali per via delle tue battaglie per far emergere il malaffare e gli intrighi di "palazzo", un vero "Grillo".
Ti sei battuto per il riscatto civico della tua città, anche se eri nativo di Montefino, nulla toglieva in te la voglia di dare tutto te stesso per Silvi. Giusto il tributo del Sindaco, Gaetano Vallescura, lo meritavi. Ti volevo salutare con questa foto, scattata da me la scorsa estate 2007 a Giulianova alta in occasione di Tesori di Fattoria della CIA di Teramo. Sorridente, nonostante tutto!!!!!!!!!!!!!
Ciao FREZZA!!!

Walter De Berardinis



Concorsi. Scaduto il bando 1° premio fotografico, paesaggi del tempo.


Città di Giulianova. Giulianova Guarda al Futuro


Città di Giulianova. L'Edilizia Convenzionata


Discarica 2. P.zza Buozzi, cuore del centro storico giuliese


Politica. Manifesto del PD di Giulianova, politiche 2008


Cultura. Aperitivo al MAS di Giulianova, ultimo incontro, 1 giugno 2008


Scuola. 4° concorso di ricevimento d'Albergo


Ambiente. La nostra segnalazione su Il Messaggero.

http://www.ilmessaggero.it/view.php?data=20080507&ediz=08_ABRUZZO&npag=44&file=K_3289.xml&type=STANDARD

Provincia. L’intera costa teramana potrà fregiarsi della “Bandiera Blu”, anche Giulianova




CONFERENZA STAMPA

Venerdì 9 maggio, Ore 11 Sala Consiglio L’intera costa teramana potrà fregiarsi della “Bandiera Blu”Le Bandiere Blu 2008 sono state assegnate questa mattina a Roma, dalla Fee (la Fondazione per l'educazione ambientale) in collaborazione con il Cobat (Consorzio Obbligatorio per la raccolta delle batterie esauste).

Tutte e sette i Comuni della costa teramana hanno ottenuto l’ambito riconoscimento, simbolo, quest’ultimo, non solo di mare pulito ma del rispetto di una serie di parametri e valori ambientali.

Le iniziative assunte per conquistare la Bandiera Blu, le proposte e i progetti per continuare a preservare questa sintesi fra politica ambientale, gestione dei servizi e offerta turistica sostenibile sarà raccontata dagli stessi Sindaci nel corso della conferenza stampa convocata dall’assessore provinciale al turismo, Orazio Di Marcello.
“Per ottenere la “Bandiere Blu” occorre essere in regola con numerosi parametri: la presenza di impianti di depurazione, una ben organizzata raccolta di rifiuti urbani, le raccolte differenziate, le isole pedonali, l'arredo urbano curato, le piste ciclabili – dichiara l’assessore - tutti fattori che contribuiscono alla valutazione ed alla assegnazione del riconoscimento. C’è da essere orgogliosi per il risultato ottenuto oggi; un risultato che è anche una conferma rispetto alla qualità complessiva del nostro territorio”.

Teramo 7 maggio 2008

Provincia. Parlamentino dell’Unicef, lente d’ingrandimento sulle “abilità diverse”










Parlamentino dell’Unicef, lente d’ingrandimento sulle “abilità diverse”
Gli studenti concludono un percorso di approfondimento sui temi sociali

Un questionario per capire il grado di conoscenza di alcuni termini (handicap, disabilità e menomazione), una ricerca per approfondire i problemi legati a queste situazioni di disagio, l’elaborazione di loghi che sintetizzano alla fine il diverso e alternativo concetto di “abilità diverse” a cui si è approdati. È stato questo il percorso svolto dal Parlamentino dell’Unicef, l’organismo composto da 25 ragazze e ragazzi eletti nelle scuole superiori teramane che, concludendo un impegno triennale sui temi sociali, ha presentato pubblicamente i risultati del progetto portato avanti in questo anno scolastico in collaborazione con l’Unicef e la Provincia di Teramo.

All’incontro hanno partecipato docenti e studenti di quinte e quarte classi del Comi di Teramo, dell’Itc di Roseto, dell’Itc di Nereto e del liceo scientifico di Teramo. Ad aprire e concludere i lavori il presidente del Consiglio, Ugo Nori, e la presidente provinciale dell’Unicef, Amelia Rubicini.

“Siamo partiti dalla distinzione tra alcuni concetti – è stato il commento di Sara Mara Crocenzi, presidente del Parlamento dei ragazzi – e, tramite un percorso di studio e di approfondimento su disabilità, handicap e menomazione, abbiamo costruito l’idea alternativa delle abilità diverse. Questa esperienza è stata altamente positiva soprattutto perchè ci ha insegnato a rimetterci in discussione”.

“Il percorso con la maggior parte di questi ragazzi – ha dichiarato Amelia Rubicini – volge al termine ma ci lascia notevolmente arricchiti. Ci auguriamo, dopo tre anni di iniziative, di aver fornito loro gli strumenti per essere dei cittadini maggiormente consapevoli rispetto a determinate situazioni di rilevanza sociale”.

“Siamo estremamente soddisfatti – ha detto il presidente del Consiglio Nori – dei risultati ottenuti con questo progetto, che ha affrontato e approfondito le tematiche del sociale attraverso gli occhi dei giovani. La Provincia conferma in ogni caso il proprio impegno sia in favore di questi strumenti di crescita sia a sostegno delle politiche sociali”.


Teramo, 7 maggio 2008

Provincia. In autunno nascerà il Consorzio unico sui rifiuti


In autunno nascerà il Consorzio unico sui rifiuti
Pubblicata sul Bura la legge regionale che detta condizioni e tempi


Pubblicati sul Bura lo Statuto e la convenzione “tipo” dell’ATO unico sui rifiuti, così come previsto dalla legge regionale (286 del 7 aprile 2008). Entro trenta giorni dalla data di pubblicazione – 2 maggio – dovranno essere predisposti gli statuti provinciali.


A questo scopo il presidente D’Agostino ha convocato per il prossimo 16 maggio, alle ore 11, la cabina di regia sui rifiuti, composta, quest’ultima, dai Sindaci dei Comuni di Teramo, Pineto, Roseto e dal Presidente dell’Unione dei Comuni della Val Vibrata.

“Siamo ad uno snodo fondamentale per quanto riguarda la gestione dei rifiuti e la risoluzione delle problematiche più urgenti – afferma il Presidente -; con l’Ato unico provinciale competenze, risorse, programmazione saranno in capo ad un solo soggetto e questo eviterà molte delle difficoltà del passato più recente. I tempi per la costituzione del Consorzio sono certi e definiti dalla legge regionale. Entro trenta giorni bisogna predisporre lo Statuto; successivamente ci saranno 60 giorni di tempo per farlo approvare dai rispettivi consigli comunali e altri 60 giorni per procedere all’insediamento dell’assemblea”.

Teramo 7 maggio 2008

Politica. Comitato promotore Referendum regionali abrogativi


Comitato promotore Referendum regionali abrogativi
Responsabili: Pio Rapagnà e Giovanna Forti
Sede: Via Lombardia, 10 – Roseto degli Abruzzi (TE)
Tel. 085-8944932 – 330-431480
DICHIARAZIONE DI PIO RAPAGNA': ma che razza di Regione è diventata l'Abruzzo dove, pur essendo previsto dalla Costituzione e dallo Statuto, è materialmente impedito svolgere un normale referendum abrogativo, e in pochissimi si indignano?
Il titolo VII dello Statuto della Regione Abruzzo regolamenta i Referendum e la Legge Regionale n. 44 del 19 dicembre 2007 stabilisce le modalità di svolgimento dei due soli tipi di referendum proponibili, quello abrogativo e quello consultivo.
L'art. 76 dello Statuto, fissando i limiti del referendum abrogativo, stabilisce che “Il referendum non può essere tenuto nei sei mesi precedenti la scadenza del Consiglio regionale e nei sei mesi successivi alla elezione del Consiglio”, e l'art. 77, in merito agli obblighi del Comitato promotore, recita testualmente che “La richiesta di referendum abrogativo, formulata in modo chiaro ed omogeneo, è presentata dai soggetti legittimati al Collegio per le garanzie statutarie”.
La Legge Regionale n. 44 del 19 dicembre 2007, attuativa dei dettati statutari, inserisce invece una serie di “nuove e diverse” limitazioni, non contemplate dallo Statuto. Infatti essa ha previsto:
con l'art. 3, Comma 3, la seguente “diversa” definizione terminologica di limite di ammissibilità: “L'iniziativa referendaria non può essere esercitata nei sei mesi precedenti la scadenza del Consiglio regionale e nei sei mesi successivi alla elezione del Consiglio regionale”.
con l'art. 13, Comma 1, in merito alla indizione del referendum si stabilisce che “I referendum abrogativi si svolgono in una tornata annuale. Il Presidente della Regione decreta entro il 15 marzo di ogni anno l'indizione dei referendum con riferimento alle deliberazioni di procedibilità e di ammissibilità pervenute entro il 15 febbraio, fissando la data di convocazione degli elettori in una domenica tra il 15 aprile ed il 30 giugno”.
con l'art. 16, relativo a “sospensione del referendum”, stabilisce che “Le operazioni e le attività regolate dal presente capo, relative alla indizione, allo svolgimento e alla proclamazione dei risultati, sono sospese (“anche”):
c) nei tre mesi antecedenti e nei tre mesi successivi alla data fissata per le elezioni politiche o amministrative di almeno la metà dei Comuni o delle Province della Regione”.
Il Comitato, dovendo interpretare ed attenersi a queste “norme diaboliche e sibilline”, si è trovato sino ad ora e si troverà nei prossimi anni nelle seguente condizione materiale:
anno 2008 – elezioni politiche anticipate: i referendum eventualmente richiesti ed ammessi nel 2007 sarebbero stati “sospesi” e rinviati al 2009;
anno 2009 – elezioni amministrative provinciali: i referendum richiesti nel 2007 per il 2008 e rinviati al 2009 sarebbero di nuovo “sospesi e rinviati” al 2010, mentre quelli richiesti adesso anno 2008 per il 2009 sarebbero anch'essi “sospesi e rinviati” al 2010;
anno 2010 – elezioni regionali: tutti i referendum promossi nel 2007, nel 2008 e nel 2009 sarebbero tutti “sospesi e rinviati” al 2011, mentre nel 2010 non si potrebbe addirittura nemmeno raccogliere le firme nei sei mesi precedenti e sei successivi alle elezioni regionali.
Nel frattempo non è operativo il Collegio per le garanzie statutarie ed il Difensore Civico dichiara di non avere alcun potere in merito: allora, porca miseria, chi è che deve tutelare i diritti referendari dei Cittadini e del Comitato promotore?
Roseto degli Abruzzi, 7 maggio.2008

Città di Giulianova. Ecco la Bandiera Blu 2008 per Giulianova.








L'Amministrazione Comunale comunica che,

per una svista tipografica, è stato erroneamente riportato che la Bandiera Blu 2008 è stata assegnata a Lungomare Nord e Lido Zara di Giulianova.La Fee, per tramite della Dr.ssa Creo, componente la Commissione Giudicatrice del concorso, si è scusata per l'involontario refuso ed ha confermato che la Bandiera Blu è stata assegnata all'intero territorio della Città di Giulianova, come era stato richiesto nel questionario e nella documentazione presentati dal Comune.Certi di una Vs. considerazione in proposito, ringraziamo per la collaborazione e porgiamo cordiali saluti.

L'Ammministrazione Comunale

Libri. Presentazione del romanzo di Emiliano D'Alessandro




LIBRERIA DE LUCA, Via C. de Lollis n. 12 - CHIETI


Sabato 10 Maggio, ore 18:00


Presentazione del romanzo storico di Emiliano D'Alessandro


LA COLLINA DEI FUOCHI FATUI


Edizioni Solfanelli
Emiliano D’Alessandro, attraverso una narrazione concreta, racconta l’oscura tragedia che ha visto come protagonisti dodicimila ragazzi del nostro regio esercito, i “figli di mamma” della Divisione Acqui del generale Antonio Gandin stanziata sull’isola di Cefalonia in Grecia.Era il mese di settembre del 1943 quando si doveva decidere se cedere le armi ai tedeschi o “resistere” per onorare la Patria: prevalse l’idea che “sull’arma si cade ma non si cede”, e così avvenne!Un affascinante reportage sul nostro passato, un’utile retrospettiva per mettere a fuoco un avvenimento che attende ancora di definire il proprio ruolo nella storia di quegli anni, ma anche la vicenda personale e umana di Salvatore Di Rado, ancora troppo giovane per morire, forse l’unico “superstite fucilato” della seconda guerra mondiale, testimone della propria odissea illuminata da un imprevisto amore tormentato, da un’amicizia che si consolida giorno dopo giorno e dalla visione di luoghi incantati. Attraverso il protagonista, simbolo della gioventù sacrificata, abbandonata e infine dimenticata, il romanzo rievoca la storia italiana e una guerra sciagurata che il mondo sembra aver voluto dimenticare. Una singolare narrazione dove ogni vicenda ne ingoia un’altra, per poi precipitare e ribollire tutte insieme nel calderone caricaturale della storia ormai defraudata da un qualunquismo dilagante.Un testo coinvolgente, che risveglia la coscienza civile, a tratti brillante e ironico, ma soprattutto un atto di verità che ricostruisce da un’angolazione inedita una tragedia mai abbastanza indagata. Emiliano D'Alessandro (1973), giornalista e scrittore. Vive in Abruzzo, a metà tra il mare Adriatico e la maestosa Maiella. Collabora con riviste e quotidiani ove ha pubblicato centinaia di articoli di denuncia e insegna Lingua e Cultura Italiana agli stranieri.Emiliano D'AlessandroLA COLLINA DEI FUOCHI FATUIEdizioni Solfanelli[ISBN-978-88-89756-35-5]Pagg. 160 - € 12,00Copertina di Tanino Liberatorehttp://wpop15.libero.it/cgi-bin/vlink.cgi?Id=Csfef9esAp/EAb3W%2B6GvZpcPbvT795O/wcI1QfdF4Ex7qg3GYFIbIoLZC7zad1wM2E0f6hw5dLs%3D&Link=http%3A//www.edizionisolfanelli.it/collinafuochifatui.htm

martedì 6 maggio 2008

Politica. Comunicato stampa dell'Associazione di cultura politica Impronte, la bandiera blu a Giulianova.


ASSOCIAZIONE DI CULTURA POLITICA

"IMPRONTE" - GIULIANOVA


COMUNICATO STAMPA

IMPRONTE: BANDIERA BLU? NO GRAZIE!


Bocciatura anche da Verdi, WWF e LEGAMBIENTE Ogni anno si ripete, noioso e stantio, il rituale della consegna delle Bandiere Blu ai Comuni premiati dalla FEE. Ed ogni torniamo a puntualizzare che la Bandiera Blu è soltanto una trovata pubblicitaria e che la sua attribuzione non è suffragata da alcuna attendibilità scientifica. Lo diciamo soprattutto all’Amministrazione Comunale e all’Assessore Caruso che, così preso dal personaggio di Assessore all’Ambiente, è rimasto il solo in Italia a credere ancora che vedersi riconosciuta la bandiera della FEE significhi veramente qualcosa. Che la Bandiera Blu sia una medaglia di cartone, del resto, non lo sosteniamo soltanto noi di IMPRONTE ma, da qualche anno, anche il Capogruppo dei Verdi al Parlamento Europeo, Monica Frassoni, ed alcune tra le principali associazioni ambientaliste come il WWF e LEGAMBIENTE. A Bisceglie, ad esempio, nel 2007 il WWF chiese alla FEE Italia di effettuare alcune verifiche sui dati dichiarati dal Comune sulla gestione ambientale, sulle acque di balneazione, sulla depurazione delle acque reflue, sulla gestione rifiuti, sull’educazione ambientale, sulla tutela del paesaggio costiero, del turismo e delle spiagge. In breve, il WWF non chiedeva la luna ma soltanto quanto scritto nelle “Procedure Operative” della stessa FEE. Siete curiosi di sapere come andò a finire? La FEE non fece alcun controllo; il Comune di Bisceglie ottenne 2 Bandiere Blu e il WWF disertò la cerimonia di consegna.


F.to Associazione Impronte di Giulianova.


Sulla FEE e sulla Bandiera Blu ci è andata giù in maniera molto più pesante LEGAMBIENTE e lo ha fatto per bocca di Sebastiano Venneri, Responsabile Nazionale di “Goletta Verde”. Ascoltiamo cosa dice segue filmato di YOUTUBE, http://www.youtube.com/watch?v=t09nWHMabhE

con interviste a Responsabile Nazionale Legambiente/Goletta Verde, da cui sono tratte le dichiarazioni riportate nel nostro comunicato stampa

F.to Associazione Impronte di Giulianova

Enrico Gagliano