sabato 5 luglio 2008

Libri. Breve storia di una comunità spirituale sempre in bilico tra annientamento e speranza


Breve storia di una comunità spirituale sempre in bilico tra annientamento e speranzaSebbene la Repubblica Popolare Cinese continui a dichiararsi un Paese ateo, in realtà esso conta al suo interno una popolazione religiosa costituita da ben 540 milioni di individui (su un totale di 1 miliardo e 300 milioni di abitanti) dei quali, tuttavia, soltanto 300 milioni dichiarerebbero apertamente la propria fede per non incorrere in discriminazioni da parte dello Stato. Nonostante l’articolo n. 36 della Costituzione consenta a tutti i cittadini di esercitare “libertà di credo”, in questo vasto Paese l’essere professanti costituisce ancora un handicap di non poco conto, un effettivo status di ‘diversità’ che può precludere il beneficio dei più elementari diritti umani. Una situazione dolorosa e paradossale se si considera che a partire dagli anni Novanta in Cina nessuno crede più al mito del comunismo. E mentre il patrimonio culturale del socialismo maoista si sgretola di fronte all’epocale mutazione capitalista di questo immenso Paese, i vertici di Pechino si trovano a dovere fronteggiare – spesso con la violenza - una temuta realtà, fino ad appena un decennio fa totalmente inimmaginabile, cioè la spontanea rinascita tra le masse - disgustate dalla crescente corruzione delle istituzioni e deluse dal tradimento degli impossibili ideali di giustizia sociale predicati per decenni dallo stato materialista - del sentimento religioso. Quello che oggi reclamano milioni di giovani cinesi, soprattutto giovani, assetati non soltanto di facile e aleatorio benessere materiale, ma anche di dignità e autentica giustizia.Alberto Rosselli, giornalista e saggista storico genovese, ha collaborato e collabora da tempo con diversi quotidiani italiani ed esteri (tra cui Il Giornale, Libero, l’Indipendente e Il Secolo d’Italia, Il Borghese, Maariv-Tel Aviv) e con periodici nazionali (tra cui l’Europeo, Storia del Novecento e Storia Verità, di cui è Direttore editoriale) e con svariati siti internet tematici di storia, etnologia, storia militare e diplomatica e geopolitica italiani, statunitensi, tedeschi e olandesi. Come studioso di storia moderna, contemporanea e militare ha al suo attivo alcune opere di narrativa e diversi saggi tra cui Québec 1759, Il Conflitto anglo-francese in Nord America 1756-1763 (tradotto anche in lingua inglese), Il Tramonto della Mezzaluna - L’Impero Ottomano nella Prima Guerra Mondiale, La resistenza antisovietica in Europa Orientale 1944-1956, L’Ultima Colonia – la guerra coloniale in Africa Orientale Tedesca 1914 – 1918; Il Ventennio in Celluloide (in collaborazione con Bruno Pampaloni ); Sulla Turchia e l’Europa; L’Olocausto armeno; Storie Segrete della Seconda Guerra Mondiale; Il Movimento panturanico e la ‘Grande Turchia’ e La persecuzione dei cattolici nella Spagna repubblicana 1931-1939. Alberto RosselliESSERE CRISTIANI IN CINAPagg. 110 - Euro 12,00Gianni Iuculano Editore, Pavia 2008Gianni Iuculano Editore Piazza Petrarca, 28 - 27100 PaviaTel.0382 539830 - Fax.0382 531693info@iuculanoeditore.ithttp://wpop1.libero.it/cgi-bin/vlink.cgi?Id=7cO0qjqAgESGuW2jkhx0wQ/mN05UPWBrm7CqTDAgsQncWP1KOKOlwkZUXl2IBrR50H1Zhvwheuw%3D&Link=http%3A//www.iuculanoeditore.it

Sanità. Precisazioni dal Comitato Pro Ospedale di Giulianova

Comitato per la salute Ospedale di Giulianova
Via Marconi n. 26 – Giulianova



OGGETTO: Proposta di partecipazione alla vita politica di Giulianova.


Alcuni organi di informazione, hanno riferito che il Comitato ha dichiarato di voler fare una lista con il Dott, Ciccocelli candidato Sindaco.


Il Comitato vuole chiarire la propria posizione e precisa che in questi due anni di attivita’ ha evitato di schierarsi politicamente in quanto la salute, il sociale e’ un bene di tutti, invitando alle riunioni tutti i vari personaggi politici per poter creare una forza politica in difesa del territorio, contro un Piano Sanitario Regionale che penalizza la Sanita’ della Provincia di Teramo e in modo particolare Giulianova.

Purtroppo tutte le promesse a vari livelli si sono rivelati inutili e quindi assistiamo con rammarico alle chiusure di reparti, al silenzio delle Istituzioni Politiche locali per la ristrutturazione del padiglione ovest, tanto pubblicizzato in occasione della campagna elettorale per le votazioni politiche di aprile c.a.


Il Comitato, non essendo un movimento politico, non ha ottenuto risultati per evitare i tagli alla Sanita’ locale, pertanto ha deciso di proporsi e schierarsi per collaborare politicamente con chi forma una lista con un candidato Sindaco e un programma chiaro sulla sanita’, il sociale, attenzione del territorio, volonta’ di invertire il trend di decadimento dei servizi, rilanciare la citta’ e ricollocarla nel contesto che merita, indipendentemente dai colori politici o dai condizionamenti.


Giulianova li’, 05.07.2008

Distinti saluti.

Dott. Roberto Ciccocelli
Presidente Comitato per la salvezza Ospedale di Giulianova Tel. 085-8008516, e mail.: dott.cicco tiscali.it

Politica. Comitato promotore Referendum regionali

Comitato promotore Referendum regionali
e Proposta di Legge di iniziativa popolare
Via Lombardia, 10 – Roseto degli Abruzzi
Roseto degli Abruzzi, 5.7.2008
COMUNICATO STAMPA
E' OPPORTUNO APRIRE IN ABRUZZO UNA “GRANDE STAGIONE DI RIFORME”: ed i Referendum rappresentano, per la qualità e la concretezza dei contenuti e per le modalità di partecipazione diretta dei Cittadini, il naturale avvio ed il più convinto sostegno.
Chiamiamo all'impegno e alla collaborazione tutti gli eletti negli Enti Locali affinché si rendano disponibili per la raccolta e per la autentica delle firme e controllino che le varie iniziative istituzionali e della società civile si concludano con il raggiungimento dei risultati da tanti auspicati, proprio in presenza di una profonda crisi e grande difficoltà in cui versa oggi la classe politica ed amministrativa regionale e locale. E tutti ci auguriamo di vero cuore che queste riforme si facciano per davvero e prima che sia troppo tardi.
Con l'approvazione della nuova Legge Regionale in materia referendaria, possono raccogliere e autenticare le firme, così come per i referendum nazionali, tra gli altri, anche gli Amministratori Locali: Sindaci, Assessori e Consiglieri Comunali; Presidenti, Assessori e Consiglieri Provinciali; Consiglieri Regionali; Presidenti e vice-Presidenti delle Circoscrizioni Comunali.
Ci rivolgiamo a questi nostri eletti affinché, prima dell'inizio della raccolta delle firme, comunichino al Comitato e per iscritto ai rispettivi Sindaci, Presidenti delle Province e Presidente del Consiglio Regionale, la loro disponibilità alla autenticazione delle firme medesime ciascuno nel proprio ambito elettivo di competenza.
Chiediamo ai nostri Amministratori Comunali e Provinciali ed ai Consiglieri Regionali di dimostrare, anche con i fatti, il loro spirito democratico, l'effettivo esercizio super partes della loro funzione pubblica, al servizio della democrazia diretta e della partecipazione popolare: è anche questo un modo per dimostrare con i fatti la loro effettiva volontà di sostenere la riforma della politica in Abruzzo e la riduzione dei costi impropri e degli sprechi, delle tariffe e delle tasse.
E' evidente a tutti come i 5 Referendum favoriscano l'avvio delle prime riforme possibili in alcuni settori sensibili e strategici che oggi si trovano sotto i riflettori della opinione pubblica e degli organi di controllo. I quesiti referendari infatti, in modo esemplare e puntuale e attraverso l'abrogazione di norme legislative regionali, chiedono rispettivamente: il divieto di CONFERIRE CONSULENZE, CARICHE E INCARICHI ESTERNI da parte del Consiglio e della Giunta Regionale; lo scioglimento della AGENZIA SANITARIA REGIONALE – A.S.R. Abruzzo; la riorganizzazione del TRASPORTO PUBBLICO REGIONALE di persone e merci e la riforma delle Aziende e Società a capitale pubblico: A.R.P.A. – SANGRITANA – G.T.M. – S.A.G.A – Scalo Aeroportuale di Pescara; lo SCIOGLIMENTO DELL'AZIENDA REGIONALE PER I SERVIZI DI SVILUPPO AGRICOLO–A.R.S.S.A. e lo SCIOGLIMENTO DELL'AZIENDA DI PROMOZIONE TURISTICA - A.P.T.R. - Abruzzo promozione turismo.
Con la proposta di legge di iniziativa popolare si chiede al Consiglio Regionale la RIDUZIONE DEL 50% delle indennità e dei compensi aggiuntivi, diaria e rimborsi, dei Consiglieri e Assessori regionali; l'abolizione dell'assegno vitalizio per i Consiglieri regionali cessati dal mandato; la cancellazione di NOMINE, INCARICHI E CONSULENZE conferiti dal Consiglio e dalla Giunta Regionale; lo scioglimento degli ENTI STRUMENTALI “inutili”.
Il risparmio di denaro pubblico, che è dei Cittadini, sarà di oltre 200 milioni di Euro ogni anno, pari a 1.000.000.000,00 di Euro per ogni prossima legislatura regionale.
Per il Comitato promotore
Pio Rapagnà e Giovanna Forti

Teatro. “Teatri Paralleli” 2008




dell’ultimo appuntamento del festival di teatro delle differenze “Teatri Paralleli” 2008. Questa sera 6 luglio 2008, la compagnia di attori diversamente abili de la compagnia “LA Combriccola” di Rovigo presentano lo spettacolo “Una Cucina Pepata”.


Torano Nuovo, piazzale scuola media- ore 21,15. Ingresso gratuito.

RingraziandoVi anticipatamente auguriamo un buon lavoro.

Ufficio stampa:
Cristina Cartone
3489314156
http://wpop9.libero.it/cgi-bin/webmail.cgi?Act_V_Compo=1&mailto=terrateatro@hotmail.com&ID=IoYwnrOnvADGq5i9SmXKmQbliAt2boi9ka9veEIsvyjJYS3Xv6&R_Folder=aW5ib3g=&msgID=197&Body=0
http://wpop9.libero.it/cgi-bin/webmail.cgi?Act_V_Compo=1&mailto=info@terrateatro.org&ID=IoYwnrOnvADGq5i9SmXKmQbliAt2boi9ka9veEIsvyjJYS3Xv6&R_Folder=aW5ib3g=&msgID=197&Body=0

COMUNICATO STAMPA
6 Luglio 2008
FESTIVAL TEATRI PARALLELLI 1-6 luglio 2008
COOP. SOCIALE “LA FORMICA”
Ass.ne Terrateatro- Ass.ne L’istrione

6 Luglio 2008, Torano Nuovo, piazzale scuola media, ore 21.15 (ingresso gratuito)
Ultimo appuntamento con il festival di teatro delle differenze “Teatri Paralleli”. La compagnia “LA Combriccola” di Rovigo presenta lo spettacolo “Una Cucina Pepata”
Una cucina di un grande ristorante composta da uno staff di cuochi volenterosi e una squadra capitanata da una inflessibile capocameriera: durante una mattina consueta di lavoro assistiamo alla preparazione dei piatti e alla frenesia del lavoro di cucina. Perchè le cose possano funzionare tutto deve essere ben organizzato ed ognuno deve espletare con competenza e professionalità le sue mansioni. Questo in teoria...In pratica le cose seguono altre direzioni, strade meno rigide e formali, perchè in agguato c'è sempre l'imprevisto. E molto spesso le sorprese avvengono involontariamente e per puro caso come nella nostra cucina...
Tutto lo spettacolo è come un'originale "pietanza" in cui si mescolano ironia, gioco inventivo, attenzione al divertimento dello spettatore, il tutto "condito" con la semplicità e la spontaneità dei protagonisti.
Doverosi i ringraziamenti a chi ha reso possibile tutto questo la Fondazione Tercas,la Provincia di Teramo, il comune di Torano Nuovo, per la sensibilità mostrata nei confronti di un’iniziativa importante e innovativa come è e sarà Teatri Paralleli.


Tutti gli spettacoli avranno luogo nel piazzale della scuola media di Torano Nuovo, con inizio alle ore 21:15.
L’ingresso è gratuito.
Info: 0861 817137 - 3391824676

PROGRAMMA
TORANO NUOVO -Te
1-6 Luglio 2008
Piazzale scuola media - ore 21,15
Ingresso gratuito

Martedì 1 LUGLIO
Teatro delle Formiche
“Lucky Sogna”

Mercoledì 2 LUGLIO
Nuovo Spazio Teatrale di Ascoli Piceno
“Viaggi e Miraggi”

Giovedì 3 LUGLIO
Il Dirigibile di Forlì
“Ogni testa un tribunale”

Sabato 5 LUGLIO
Teatro delle Formiche
“Filumè”

Domenica 6 LUGLIO
La Combricola di Rovigo
“Una cucina pepata”

Info: 0861 817137 - 3391824676

venerdì 4 luglio 2008

Teatro. E' morto l'attore giuliese, Aldo Beccaceci, in arte Al Brek

Ciao Al Brek, attore di indubbie qualità, soprattutto per aver valorizzato e portato avanti la nostra lingua, il nostro amato vernacolo giuliese. Con Concetta Focardente sei stata la donna "popolana giuliese" più famosa di Giulianova. Quel parlar rauco, da "vecchia" saggia e molto puntigliosa, come del resto sei stato in vita. Ti volevo intervistare per sapere i tuoi segreti e parlare della nostra amata lingua: il giuliese, finita nell'oblio come tante cose vecchie. Domani mattina i funerali presso i Padri Benedettini Silvestrini di Via Gramsci, ore 11:00

Sanità. Il dott. Roberto Ciccocelli contro la casta dei politici che non lavorano per i cittadini

Stiamo contattando la redazione di alcune trasmissioni televisive per aiutarci ad organizzare un Festival per i POLITICI dal titolo : "Incapace d'amministrare" , con premi molto originali per i piu' bravi, noi ne abbiamo diversi da segnalare su come stanno distruggendo la Sanita' Teramana:

1) L'UTAP ( Unita' Territoriale Assistenza Primaria), importante per la funzione di spostare il carico di prestazioni che gravano sull'Ospedale agli Ambulatori dei Medici del territorio.
In questo scenario l'Ospedale doveva diventare un punto di arrivo specializzato e mirato di una ristretta popolazione di pazienti.
Ci avevano detto " i soliti POLITICI" che l' UTAP si sarebbe fatta nel mercato coperto di Via Alleva, poi all'ex ospizio marino, poi nella palazzina amministrazione dell'Ospedale, ma dove si fara'???
Quando si Fara'???
Sono stati assegnati dalla Regione Abruzzo alla Asl di Teramo per l'anno 2007 e 2008 , 1.000.000 euro e destinati dalla ASL TE per l'UTAP a Giulianova, dopo circa 18 mesi ancora non si sa nulla, perderemo anche l'UTAP????

I "Nostri Politici" vinceranno il primo premio !!!

2) " I soliti POLITICI" ci avevano detto che i 15.000.000 di euro erano gia pronti alla Regione Abruzzo per ristrutturare il padiglione ovest dell'Ospedale di Giulianova,gia' 2 anni fa la Dott.ssa Bosco Presidente commissione Sanita' Regione Abruzzo ci aveva fatto delle promesse, il Sindaco Ruffini si e' attivato per il cambio di destinazione d'uso dell'ospizio marino??? e la vendita dell'ex Ospedale in Via Dello Splendore??? Si Vendera'??? La sua vendita servira' a ristrutturare l'Ospedale??? Quando si deve attendere???
Ma vogliono ristrutturare o questo silenzio, questa rassegnazione ha un suo significato???

Chiusura totale dell'Ospedale di Giulianova!!!!

Hanno revocato la costruzione del nuovo Ospedale ma non hanno revocato il progetto per le nuove sale operatotrie nel padiglione est , padiglione che dovrebbe ospitare la medicina del territorio, si risttrutturera' il padiglione ovest??? Quando si fara'???

I "Nostri Politici" vinceranno il primo premio !!!

3) I soliti "POLITICI" ci avevano detto che il nuovo P.S.R. dava molta attenzione alla medicina del territorio perno fondamentale della nuova medicina ma pur incidendo del solo 7,4% sul fondo sanitario regionale i medici del territorio devono essere disponibili ad apportare dei correttivi, sacrifici, tagli con conseguenza minor servizi alla popolazione; ma e' possibile che nel 7,4% del fondo sanitario regionale una quota parte deve essere utilizzata per l'emergenza??? Emergenza= anche 118, servizio per l'Ospedale, soldi destinati per il territorio che poi tornano all'Ospedale!!! Ma quanto ci costa l'aver chiuso reparti come la Pediatria, Ginecologia?? Spendiamo per il Pediatra Ospedaliero che da consulenza al pronto soccorso circa 17.000 euro al mese, 12 ore al giorno x 30 giorni a 50 euro ora, spendiamo tantissimo per il 118 per trasferire i pazienti dall'Ospedale di Giulianova in altri presidi, ma non sarebe stato piu' economico e piu' qualificante lasciar aperti i reparti???

I "Nostri Politici" vinceranno il primo premio !!!
Visto la loro incapacita' d'amministrare, visto che non hanno idee sulla Sanita', visto che non c'e' trasparenza nel rispetto dei cittadini,Chiediamo le loro dimissioni!!!

Distinti saluti
Roberto Ciccocelli Presidente Comitato per la salvezza Ospedale di Giulianova
Telef.:085-8008516 , e mail.: dott.cicco@tiscali.it
Giulianova il 03-07-2008

Rifiuti. Rifiuti. Regione, Provincia e Comuni procedono nella stessa direzione: “Adesso lavoriamo in fretta sul piano tecnico e amministrativo” sollec

Rifiuti. Regione, Provincia e Comuni procedono nella stessa direzione: “Adesso lavoriamo in fretta sul piano tecnico e amministrativo” sollecita l’assessore Verticelli

Per accellelare le procedure costituita una “unità di crisi” con le strutture provinciali, comunali e regionali


La gestione del ciclo dei rifiuti, al di là delle emergenze, rappresenta “un momento di grande opportunità verso una cultura dell’innovazione e se abbiamo un’identità di obiettivi anche le attuali difficoltà potranno essere superate in fretta”. Il neo assessore regionale all’ambiente, Marco Verticelli, questa mattina, in Provincia, ha incontrato prima la “cabina di regia” e poi i Sindaci affontando i vari nodi della “questione” rifiuti: dalla riapertura degli impianti esistenti al “nocciolo” del nuovo sito, quello che dovrà ospitare la futura discarica dell’ambito provinciale.

La Regione farà la sua parte, ha assicurato Verticelli, investendo in termini di risorse e di strutture, ma bisogna “uscire dalla vaghezza e dalle discrasie amministrative e procedurali individuando con chiarezza le azioni a medio termine”. Per questo la “cabina di regia” provinciale diventerà una sorta di “unità di crisi” con dentro anche la Regione che potrà validare, contestualmente, gli obiettivi che di volta in volta si individuano.

Entro luglio, ha spiegato il presidente Ernino D’Agostino: “dovrebbe essere autorizzata la variante non sostanziale per la discarica di Grasciamo e recupereremo subito 25 mila metri cubi. Ci siamo incontrati con il Comune di Tortoreto, che stiamo supportando sia da un punto di vista amministrativo sia tecnico, per risolvere in fretta i problemi legati al dissequestro e alla riapertura della discarica. A Tortoreto sono disponibili 250 mila metri cubi e, da un punto di vista delle autorizzazioni, ha già compiuto buona parte del percorso. Queste due siti ci daranno autonomia per un paio d’anni, il tempo di realizzare una nuova e definitiva discarica: Una riflessione va fatta sulla discarica di Atri, dove, l’intervento di messa in sicurezza e riapertura è particolarmente oneroso per il recupero di 90 mila metri cubi di disponibilità”.

Per quanto riguarda i finanziamenti, Verticelli, ha ribadito la disponibilità della Regione a intervenire in quelle situazioni, come Tortoreto, dove l’investimento per la messa a norma: “comporta un reale e immediato beneficio per tutti i Comuni”.

Sul sito della nuova discarica, D’Agostino, ha annunciato che esiste una “soluzione sulla quale ci sono sostanziali riscontri positivi. La renderemo nota quando sarà completato il progetto preliminare e, quindi, avremo in mano tutti gli elementi, anche tecnici, per esprimere un definitivo responso”.

Prima di incontrare i Sindaci, il Presidente e l’assessore Verticelli, si sono confrontati con la “cabina di regia istituzionale” che sta gestendo l’emergenza: erano presenti il sindaco del capoluogo, Gianni Chiodi; il presidente dell’Unione Val Vibrata, Emiliano Di Matteo; il sindaco di Pineto, Luciano Monticelli, il sindaco di Roseto, Franco Di Bonaventura; l’assessore provinciale all’ambiente, Antonio Assogna. Hanno partecipato anche i dirigenti delle strutture regionali e provinciali, rispettivamente, Antonio Sorgi e Ferdinando Di Sanza.

Nel corso dell’incontro, si è registrata la piena disponibilità da parte dei Sindaci a validare le scelte di Regione e Provincia, a patto, come hanno sottolineato in vari passaggi: “che la Regione lavori, con concretezza e celerità, a fianco degli enti locali e che si proceda in maniera semplificata in maniera da evitare ulteriori ritardi nelle scelte come nelle procedure”.

Giulia Eventi 5 luglio ore 21.00 Carmina Burana GIULIANOVA Piazza Buozzi2008.

5 luglio ore 21.00 Carmina Burana GIULIANOVA Piazza Buozzi
CARMINA BURANAMusica di Carl OrffRegia e CoreografiaFrancesca La CavaCostumiAttilio Carotaper l'Associazione In CostumeMaître de ballet Paola Caranchiniassistente alla coreografia Corinna Anastasio
con la partecipazione di:Corinna AnastasioAnna Palmieri

Compositing video Disegno Luci
Marco Carlini e Gabriella Nobile Ivano Ursini
Corpo di ballo del Teatro Marrucino
Direttore
Francesca La Cava



CARMINA BURANA
«Si trasformi l'Inno alla Gioia di Beethoven in un quadro e non si rimanga indietro con l'immaginazione, quando i milioni si prosternano rabbrividendo nella polvere: così ci si potrà avvicinare al dionisiaco [...] Ai colpi di scalpello dell'artista cosmico dionisiaco risuona il grido dei misteri eleusini: "Vi prosternate milioni? Senti il creatore, mondo?"» (Friedrich Nietzsche)




La drammaturgia
Le poesie medievali dei clerici vagantes contenute nei Carmina Burana offrono un corpus adatto ad una nuova e moderna lettura. I nostri “goliardi” sognano una vita basata sui piaceri terreni, sulla libertà individuale e la creatività e prendendo coscienza che il mondo non funziona secondo le regole morali che gli sono state impartite reagiscono e invocano la fortuna che li tuffa goliardicamente e sconsideratamente, a sperimentare la cinica libertà e la disincantata vita godereccia vivendo in modo ironico e fantastico i temi e gli atteggiamenti narrati nei Carmina Burana: il vino, la donna, il gioco, i piaceri della vita sono spregiudicatamente esaltati.
La fortuna vedendo una gioventù triste e sconsolata decide di regalare loro tutti i piaceri della vita e con calma li conduce nella natura: essa diviene non solo il “fato” che regola la vita dell’uomo, ombrosa, possente e mutevole, ma la dea positiva, intraprendente ed erotica che libera l'uomo dell’istinto insofferente di ogni limite riconoscendo, come dice Freud, la necessità dello “scatenarsi della sfrenata energia animalesca e divina” affinché non vengano repressi gli istinti primitivi della propria natura.
L’essere umano appare cosi come un giocattolo in mano a forze sconosciute che la fortuna decide di far tornare al primordiale, all’istinto a ciò che Nietzsche definisce “dionisiaco”, l’impeto dei sensi, lo spirito gaio ed entusiasta di colui che dice “si” alla vita. Nella creazione il linguaggio espressivo del corpo si intreccia, potenziandosi, con gli altri linguaggi espressivi rispettando l'affresco allegorico e immaginifico raccontato dai clerici vagantes nei Carmina Burana.


L'allestimento scenico
E’ stato pensato come una proposizione di stile e gusto Giapponese, mentre in Europa si viveva l’era del Medioevo in Giappone il periodo relativo veniva definito Heiàn, dove la pulizia del gusto era assoluta. La scatola scenica è stata scomposta, le pareti sono state ristrette e messe in fuga, il clicorama incombe sul dietro atto alla proiezione video, il tutto bianco, stile imperiale, mentre gli elementi che sono sulla scena (una cornice e vari elementi di attrezzeria) sono rosso lacca quasi a fare allegoria o simbolo dell'oggetto stesso. In netto contrasto sono i costumi che invece “sporcano” e invadono la scena, multiforme e multicolore, una rappresentazione del villaggio globale di oggi. I Clerici vagantes sono divenuti dei viandanti di oggi, uomini di varie culture etniche guidati da un’amazzone, Fortuna, che risveglia in loro tutti gli istinti primordiali.

Il Corpo di ballo del Teatro Marrucino
Nasce nel 2007 dopo le audizioni tenutesi nel mese di settembre e novembre che hanno visto la presenza di maestri come George Iancu e Lindsay Kemp. Il Corpo di ballo è costituito da danzatori con una forte base classica ma pronti ad affrontare la diversità dei segni coreografici contemporanei. Il Direttore del Corpo di ballo, Francesca La Cava è affiancata, nel suo progetto, da validissimi collaboratori: Corinna Anastasio e Paola Caranchini come Maitre de ballet e assistenti alla coreografia e Anna Palmieri come responsabile del Corpo di ballo per le produzioni del Teatro Marrucino. Il Corpo di ballo è formato da 12 danzatori (5 uomini e 7 donne) provenienti da diverse regioni d’Italia che, nonostante la giovane età, vantano illustri esperienze come danzatori contemporanei. Prima produzione del Corpo di ballo, per la Stagione coreutica 2007/2008, già in tournèe per il Progetto Rete abruzzese per lo spettacolo, Coppelia per la regia e coreografia di Mario Piazza con la nuova versione scenica e libretto di Riccardo Reim. La seconda produzione prevede la messa in scena del balletto da Camera Les Noces per la regia e coreografia di Massimo Cerruti. Ultimo impegno per questa stagione, già in produzione da alcuni giorni, con Carmina Burana per la regia e coreografia di Francesca La Cava.
Il Teatro Marrucino porta avanti un progetto in netta controtendenza con la situazione tersicorea italiana. Difficilmente in Italia i Teatri di tradizione, gli Enti Lirici e le Fondazioni riservano all’arte tersicorea uno spazio nel cartellone della stagione dedicato alla produzione di spettacoli di danza contemporanea creati da una propria Compagnia. L’ intendimento è quello di riportare, o forse sarebbe meglio dire portare, la cultura della danza contemporanea all’interno dei teatri di produzione, cercando di coinvolgere differenti generazioni grazie ad un’offerta culturale che coniuga la tradizione con la ricerca.

Chieti, 4 Luglio 2008

Carmina Burana per Rete Abruzzese per lo Spettacolo
5 luglio ore 21.00 Carmina Burana GIULIANOVA Piazza Buozzi
ingresso libero

Giornalismo. Dal sito del giornalista giuliese www.gabrielemastellarini.com

SOMMARIO WWW.GABRIELEMASTELLARINI.COM
INCHIESTA/AIR ONE - TOTO. Un solo aereo di proprietà e i mutui con le banche. di Gabriele Mastellarini per "Il Mondo"
ESCLUSIVO/SVISTE SUL WEB - E sul sito de "L'espresso", Travaglio "rimpiazza" Serra
ESCLUSIVO/ATTUALITA'. - Il tesoro del Partito Pensionati (zero debiti e 400.000 euro cash)
EDITORIALE. Gli enti inutili che non vogliono sparire. di GMast.
RUBRICHE. CARTATRAVAGLIO/7. Se lo conosci lo eviti.
STAMPA/INDISCREZIONI. "Giudizio Universale" esonera Travaglio? (fusse ca fusse...)
LETTERE. Umberto Eco "La democrazia è in pericolo"
"Mastellarini. Chi?" (Roberto D'Agostino, interpretando il Travaglio-pensiero)

Provincia. Conferenza Stampa sulle Spiagge Blu

INVITO CONFERENZA STAMPA
Lunedì 7 luglio
Sala Giunta
Ore 11,30

Il Presidente, Ernino D’Agostino, e l’assessore alla Cultura, Rosanna Di Liberatore, vi invitano alla conferenza stampa che si terrà lunedì 7 luglio, alle ore 11,30, nella Sala Giunta dell’ente, per presentare la rassegna “Spiagge Blu in Concerto”, organizzata dalla Provincia con il contributo di Regione Abruzzo e Fondazione Tercas e la collaborazione dei Comuni costieri dove si svolgeranno gli eventi.

Alla conferenza stampa interverranno anche i rappresentanti degli enti che sostengono insieme alla Provincia l’iniziativa.

Politica. CONSIGLIERE MACERA, E LA VENDITA DEL NAUTICO?


CONSIGLIERE MACERA, E LA VENDITA DEL NAUTICO? In Consigliere Regionale Macera ha annunciato che presenterà un emendamento alla Legge Finanziaria Regionale affinché vengano stanziati i fondi necessari per fare del Porto di Giulianova una tappa fissa del Giro D'Italia a Vela ed un punto di riferimento per la nautica da diporto in tutto l'Abruzzo ed oltre. Bene. Tuttavia il Consigliere Macera sorvola su una questione che rimane ancora appesa come una calza all'albero di Natale: la vendita del complesso ex Enal. La vicenda ha inizio con l'approvazione della Legge Regionale n. 4 del 16 marzo 2007 e nella successiva approvazione, da parte della Giunta Regionale, dell'elenco dei beni da vendere. Il piano di dismissione comprende beni per un valore stimato non inferiore a 101milioni di euro e tra questi beni figurano l'Immobile ex G.I. di Piazza Buozzi, già acquistato dal Comune, la Palestra ex G.I. di Via Migliori ed il Complesso ex ENAL, valutato 700mila euro. Con riferimento alla Palestra di Via Migliori, secondo quanto riferitoci dal Dirigente Regionale del Servizio Tecnico della Giunta Regionale, Pierfranco Colangeli, il primo tentativo di alienare l'immobile è andato a vuoto. A questo punto i possibili scenari sarebbero due: indizione di una seconda gara oppure, come ipotizzato dalla Dirigente del Servizio Demanio e Patrimonio Immobiliare della Giunta regionale, Everina Di Filippo, accordo tra Regione e Comune di Giulianova. Il punto è: che tipo di accordo e per far cosa? Per quanto riguarda invece il complesso Ex Enal la situazione appare più complessa ma nessuno ne parla. Il complesso ex Enal, che fa "pendant" con il Kursaal, è costituito da un fabbricato di 350 mq., ritinteggiato da poco con un sorprendente color celeste (vedi foto), ed è realizzato su un'area complessiva di 2.480 mq., situata in una delle aree più belle e di pregio della Città. Fortunatamente sulla struttura grava un doppio vincolo: il bene deve conservare un uso di tipo "marinaro" e, in secondo luogo, è sottoposto a vincolo monumentale. Quanto basta, insomma, per dissuadere chiunque dal solo pensiero di realizzare interventi edilizi impattanti dopo avere acquistato l'immobile. Sempre secondo la Regione, visto anche il sostanziale fallimento del piano di risanamento finanziario del sistema sanitario regionale, i tempi per la vendita dell'immobile Ex Enal non sarebbero troppo lontani. Contrariamente a quanto affermato da quanti -Sindaco compreso-si sono precipitati a smentire ciò che IMPRONTE disse qualche mese fa, la vendita ci sarà: è solo una questione di tempo. Di fronte a questa prospettiva, il Sindaco Ruffini ha il dovere di chiarire la linea del Comune sul futuro del Nautico che, insieme all'ex Golf Bar ed alla pinetina che si trova tra Via Genova e Via Sauro, è interessato da un progetto di riqualificazione urbanistica che ha l'obiettivo di creare un unico spazio aperto con funzione di cerniera tra il centro della città e la zona portuale. Secondo la progettazione di massima approntata a suo tempo dai tecnici incaricati dal Comune e dall'Ente Porto, l'area del Circolo Nautico dovrebbe acquisire i caratteri di struttura per l'ospitalità portuale diportistica. Oggi, però, tutto verrebbe rimesso in discussione dalla vendita, inevitabile, del bene, a meno che non si faccia avanti qualcuno disposto a sborsare 700.000 euro per acquistare un'area su cui poter realizzare in un secondo momento la prevista struttura per l'ospitalità portuale diportistica. E' auspicabile, quindi, che anche il Consigliere Macera (oltre a Ruffini) non resti a guardare con le mani in mano: complice lo stato disatrsoso in cui versa la Sanità regionale, tra chiusure di reparti in Ospedale e vendita di immobili pubblici, Giulianova ha già pagato un prezzo molto pesante. ASSOCIAZIONE DI CULTURA POLITICA IMPRONTE

ProvincPiano strategico della Valle del Tordino. Forum sulle attività produttive e sulle infrastruttureia.

Piano strategico della Valle del Tordino. Forum sulle attività produttive e sulle infrastrutture



Continua il confronto sulle linee guida del Piano strategico della Vallata del Tordino. Il secondo forum, dopo quello sul sistema ambientale, svoltosi una settimana fa, è dedicato alle attività produttive e alle infrastrutture.
L’incontro con imprenditori, associazioni di categoria, sindacati e imprese si svolgerà nella sala consiliare della Provincia, a Teramo, lunedì 7 luglio, a partire dalle ore 9. Le linee guida del documento di programmazione prefigurano dei macro-scenari in relazione agli insediamenti produttivi e alle grandi reti di comunicazione.

In particolare ci si confronterà su alcuni interventi ritenuti strategici ai fini dello sviluppo: valorizzazione, anche con nuove infrastrutture, del porto peschereccio di Giulianova ; autoporto di Roseto direttamente connesso all’ambito della Val Tordino attraverso l’autostrada 14 ; localizzazione presso il nodo di Mosciano Sant’Angelo di un centro di smistamento logistico, funzionalmente collegato con l’autoporto di Roseto; con quello interregionale di Manoppello; con il porto peschereccio di Giulianova ; d i un sistema di parcheggi a servizio delle nuove superfici commerciali che risulti agevolmente connesso alla viabilità territoriale.

Tutta la documentazione su:
www.provincia.teramo.it/pianoarea-valtordino

Politica. Comitato promotore Referendum Regionali

Comitato promotore Referendum Regionali
Sede Regionale: Via Lombardia, 1o – Roseto degli Abruzzi
Tel. Segreteria: 085-8944932 - 330.431480
Pescara, 2 luglio 2008
INVITO
CONFERENZA STAMPA
Si svolgerà domani mattina GIOVEDI 3 LUGLIO – con inizio alle ore 11.00 – in Viale Bovio a PESCARA - presso la Sala Conferenze della Regione Abruzzo, la preannunciata Conferenza Stampa per la presentazione dei 5 Referendum Regionali e della Proposta di Legge Regionale di iniziativa popolare per la riduzione dei costi impropri della politica nella Regione Abruzzo.
Verranno illustrate le modalità di svolgimento della campagna referendaria per la raccolta delle 25.075 firme per ciascuno dei 5 quesiti referendari e delle 5.000 firme per la proposta di legge.
per il Comitato promotore
Pio Rapagnà e Giovanna Forti

Trasporti. Sciopero di 24 ore del trasporto pubblico abruzzese


Sciopero di 24 ore del trasporto pubblico abruzzese


Arpa comunica che a seguito dello sciopero nazionale di ventiquattro ore del trasporto pubblico locale proclamato dalle segreterie generali di FILT-Cgil FIT-Cisl UILT-Uil FAISA-Cisal UGL autoferrotranvieri per la giornata di Lunedì 7 luglio 2008, sciopero a cui hanno aderito le segreterie abruzzesi del trasporto pubblico locale, i servizi delle autolinee regionali pubbliche abruzzesi compresi nelle fasce orarie che vanno dalle ore 00.00 alle ore 5.30, dalle ore 8.30 alle ore 13.30 e dalle ore 16.30 alle ore 24.00 potrebbero non essere effettuati.

Dallo sciopero sono esclusi i servizi di linea interregionali e a lunga percorrenza di competenza statale, pertanto saranno garantite le corse di collegamento per Roma e Napoli.

Sulle altre autolinee di lunga percorrenza saranno garantite le seguenti corse:

GIULIANOVA-L’AQUILA vore 06.05, 08.00, 13.30;
L’AQUILA-GIULIANOVA vore 06.50, 14.10 (n° 1 autobus) 17.05;
TERAMO-L’AQUILA vore 06.35, 07.35, 14.00;
L’AQUILA-TERAMO vore 06.50, 14.10 (n° 1 autobus), 17.05;
ASCOLI PICENO-TERAMO vore 14.10;
TERAMO-ASCOLI PICENO vore 14.05;
TERAMO-ATRI vore 14.00;
PESCARA-L’AQUILA vore 06.05, 06.30, 14.05;
L’AQUILA-PESCARA vore 06.00, 06.30, 14.10 (n° 1 autobus);
PESCARA-GUARDIAGRELE vore 14.00.


Inoltre, a causa delle modalità dello sciopero, alcune corse in partenza nelle fasce orarie comprese tra le ore 5,30 e le 8,30 e tra le 13,30 e le 16,30, potrebbero non essere effettuate.



Ufficio stampa e comunicazione
0871 -4243204 335 -1231762

Libri. LA CONQUISTA NORMANNA NELLA BASSA VALLE DEL PESCARA

LA CONQUISTA NORMANNA NELLA BASSA VALLE DEL PESCARADue documenti del 1095 e del 1099, conservati presso l'Archivio Arcivescovile di Chieti, per la prima volta trascritti e tradotti in questo testo, permettono la ricostruzione delle prime conquiste dei Normanni nella bassa valle del Pescara. Le chiese e la pieve di Aterno, la "silva Sambuceti" e il castello di Furca (presso l'odierna San Giovanni Teatino), vengono donati dal conte Roberto di Loritello al vescovo di Chieti Rainulfo che governò la diocesi teatina dal 1097 al 1105.A soli due decenni dalla battaglia di Ortona (1075) nella quale i conti Attonidi di Chieti erano stati sconfitti, Roberto di Loritello, nipote di Roberto il Guiscardo, è il padrone dell'Abruzzo adriatico.Dietro la consueta veste medievale della donazione ci troviamo di fronte a vere e proprie transazioni politiche atte a strutturare un territorio da poco sottratto ai conti Attonidi di Chieti e al ceto signorile autoctono.I documenti pur concentrandosi sull'antico abitato di "castellum Furca", presso l'attuale centro di San Giovanni Teatino e Sambuceto, hanno carattere più generale e forniscono informazioni preziose su un'epoca della storia dell'Abruzzo, per alcuni versi ancora oscura e poco studiata, in seguito alla quale la regione che dall'epoca carolingia aveva gravitato verso l'Italia centro-settentrionale, si trovò inserita nel regno normanno di Sicilia.In questa prospettiva, il testo, come dice Laurent Feller nell'introduzione, è un tentativo di "come ci si possa appropriare di un territorio tramite la sua storia, e, attraverso la ricerca d'archivio, contribuire a che se ne riapproprino coloro che abitano tale territorio, vi vivono e ne vivono". Simonetta LongoSILVA SAMBUCETI (1095-1099)Presentazione di Laurent Feller Edizioni Solfanelli, Chieti 2008[ISBN-978-88-89756-37-9]Pagg. 128 - € 12,00http://www.edizionisolfanelli.it/silvasambuceti.htmhttp://silvasambuceti.blogspot.com/

Libri. Presentazione a Chieti

Sarà presentato sabato 5 luglio alle 19, nel portico della Libreria De Luca di Chieti, il romanzo Serendipity-un amore inatteso (Editrice Carabba) di Roberta De Thomasis.La professoressa Tonita Di Nisio e lo scrittore Massimo Del Pizzo presenteranno il libro, con la partecipazione dell’autrice.In “Serendipity”, romanzo breve, si intrecciano i temi dell’amore e della morte, concretezza e aspirazioni dell’anima.Marco e Elena sono una coppia borghese, percorsa dalle inquietudine dell’età di mezzo. Lui cerca qualche evasione, ma lei si ammala… e vuole sentire di più la vita. Elena rimpiange un rapporto più intenso con la natura, cerca un senso alla sua vita, la fede è per lei un anelito alla bontà.La soluzione è un altro amore? Non è quello che cerca, almeno consapevolmente, ma sulla sua strada incontra un poeta… serendipity è trovare sulla strada della propria ricerca una soluzione imprevista.Roberta De Thomasis, nata a Chieti nel 1957, vive a Roma. Laureata in lettere moderne, giornalista, è esperta di formazione autobiografica e collabora con l’Università Popolare di Roma e altre Associazioni.Ha pubblicato diversi racconti su riviste, canzoni su CD e 5 libri di poesie. “Meno”, Editrice Rocco Carabba, è del 2007. http://abruzzopress.blogspot.com/2008/06/presentazione-serendipity-un-amore.html

Giovani. Riunione Forum dei Giovani giuliesi



LA RIUNIONE DEL DIRETTIVO E' CONVOCATA MERCOLEDI' 9 LUGLIO ORE 21:00
ORDINE DEL GIORNO:
- BILANCIO GIUGNO GIOVANI 2008
- ORGANIZZAZIONE MOSTRA FOTOGRAFICA ZUMMA ZUMMA & CLIKKA
- RICHIESTA MATERIALE ELETTRONICO PER MOSTRA D'ARTE DA PARTE DI LOREDANA JANNUCCI
- SOSTITUZIONE MEMBRO DEL DIRETTIVO GIOVANNA GINOBLE
- SOSTITUZIONE CARICA REFERENTE DEL REGOLAMENTO
- VARIE ED EVENTUALI
L'INCONTRO E' LIBERO ED APERTO
TUTTI SONO INVITATI A PRTECIPARE
Piazza Buozzi 43 ? Giulianova alta
Per ulteriori informazioni: 0858006006 3402670874
www.forumgiulianova.it

Musica. Al Capo Horn di Giulianova


Teatro. FESTIVAL TEATRI PARALLELLI 1-6 luglio 2008




FESTIVAL TEATRI PARALLELLI 1-6 luglio 2008
COOP. SOCIALE “LA FORMICA”

5 Luglio 2008, Torano Nuovo, piazzale scuola media, ore 21.15 (ingresso gratuito) – penultimo appuntamento del festival di teatro delle differenze “Teatri Paralleli” 2008.
Questa sera in scena la compagnia “Teatro delle Formiche” con lo spettacolo “Filumè”, vincitore nel 2007 del primo premio al festival delle diversità di Rovigo.
Il lavoro trae spunto dall’opera più conosciuta di Eduardo De Filippo, “Filumena Marturano”.Ma non segue la traccia data dalla vicenda. Si sofferma, invece, sugli aspetti del disagio vissuto dalla protagonista, relativo alle difficoltà economiche, le quali la costringono a consegnarsi alla prostituzione.
E, anche in questo caso, lo studio dell’opera non si è fermato sui fatti, ma è andato più in profondità, ha dato spazio al sottotesto, si è intrecciato con una drammaturgia del corpo fatta di e da nuovi personaggi rispetto all’opera originale.
Perciò, non è un caso che in “Filumè” ci siano due Filumene,e che un solo figlio, datosi alla malavita, segna i momenti salienti della vita della madre. E ancora: la gente di Napoli, dotata di vita grazie ad un personaggio che colloquia con una statuetta in terracotta raffigurante Pulcinella; il Venditore di tappeti, cliente privilegiato di Filumena, simbolo di ricchezza, che consegna alla donna, che segretamente ama, l’ultimo suo manufatto prezioso. Manca Domenico Soriano, di cui si parla; è invece presente la sua arroganza, la sua violenta presenza nella vita della protagonista.
Un racconto, quello proposto dagli attori del Teatro delle Formiche, dove la surrealtà diventa il substrato indispensabile dove si muove la storia reale, fatta di dramma e misera condizione.
Un’emarginazione che urla per avere un nome, cioè un riconoscimento sociale, una dignità, un’anima; e che spinge i personaggi di “Filumè” oltre il normale senso della comunità, li abbruttisce, li rende estranei da tutto, forse anche dal genere umano.
Ma sono i volti degli attori sensibili del Teatro delle Formiche a darci una via d’uscita, la loro delicata verità a sostenerci, la convinzione che la storia può avere un epilogo consolante che ci redime.
Tutto si muove, in scena, tra questi due livelli: la condanna e la salvezza, la pesantezza e la leggerezza, il bianco e il nero. Alternanze e dicotomie che ci consegnano una storia diretta, senza filtri, che dà fiducia.


Il festival si concluderà domenica 6 luglio con la Combricola di Rovigo con lo spettacolo “Una cucina pepata”.


Tutti gli spettacoli avranno luogo nel piazzale della scuola media di Torano Nuovo, con inizio alle ore 21:15. In caso di pioggia gli spettacoli si terranno nell’atrio della scuola media.
L’ingresso è gratuito.
Info: 0861 817137 - 3391824676

PROGRAMMA
TORANO NUOVO -Te
1-6 Luglio 2008
Piazzale scuola media - ore 21,15
Ingresso gratuito

Martedì 1 LUGLIO
Teatro delle Formiche
“Lucky Sogna”

Mercoledì 2 LUGLIO
Nuovo Spazio Teatrale di Ascoli Piceno
“Viaggi e Miraggi”

Giovedì 3 LUGLIO
Il Dirigibile di Forlì
“Ogni testa un tribunale”

Sabato 5 LUGLIO
Teatro delle Formiche
“Filumè”

Domenica 6 LUGLIO
La Combricola di Rovigo
“Una cucina pepata”

Info: 0861 817137 - 3391824676

Teatro. Terrateatro di Giulianova a Colonnella




Venerdì 4 Luglio
COLONNELLA –te
PIAZZA DEL POPOLO ORE 21,30
Ingresso gratuito

“Colonnella estate 2008”- Il comune di Colonnella ospiterà questa sera, nella splendida cornice di Piazza del Popolo, lo spettacolo “Cemento” della compagnia Terrateatro di Giulianova. Ispirato al romanzo autobiografico “Cristo tra i muratori” dello scrittore italo-americano Piretro Di Donato. Lo spettacolo ci racconta le storie degli gli emigranti italiani che attraversavano l’oceano per raggiungere “la Merica”. La storia parte proprio dalle condizioni dei migranti italiani, dai soprusi ricevuti sul posto di lavoro, dai salari bassi, dalle condizioni precarie in cui si guadagnavano il pane. Sembrano argomenti attuali, che ripropongono lo spinoso tema del mondo dei diritti legati lavoro. Questa, in più, è una storia rude come un pezzo di granito, dove ritroviamo le nostre radici, dove il popolo dei muratori lotta contro la materia e contro il fato, sostenuto dalle forze elementari della sua stessa primitività e della fede in Dio. E il mondo di cui parliamo è un mondo oscuro, sordo, umile, nascosto, ignorato, che tenta di esprimersi a fatica per trovare una dimensione. Ma è anche un mondo in cui si parla il linguaggio della solidarietà, quella dei “paesani” , gente semplice costretta, come i genitori di Pietro, a lasciare l’Italia; in cui le tradizioni, i canti, le credenze, sono le stesse abbandonate nel paese natio. Sembra essere il medesimo racconto delle migliaia di immigrati di oggi, che muovono da ogni parte del mondo per cercare fortuna. Gli avvenimenti si snodano, sulla scena, nell’arco di una giornata di lavoro, nella quale il piccolo Pietro è accudito, guidato, educato da Vincenzo detto Nasone, un vecchio muratore, amico fraterno e paesano del padre. Una intera giornata, dove i due protagonisti, attraverso le sottolineature dal vivo di musiche evocatrici, lasciano spazio al racconto degli avvenimenti della famiglia Di donato, una fra le tante, che a stento vive sullo sfondo dei grattacieli di New York e della grandiosità americana in costruzione. Una fatica che diventa anche sogno, gioco, poesia, consegnando nelle mani di un bambino non solo il destino di un’intera famiglia, ma anche il grido di speranza dei miseri della terra, dei Poveri Cristi.
cemento
tratto dal romanzo “Cristo tra i muratori” di Pietro Di Donato
Attori: Cristina Cartone, Alessio Fratoni, Ottaviano Taddei
Musiche eseguite dal vivo: Alessio Fratoni
Adattamento teatrale e Regia: Ottaviano Taddei


Associazione Culturale Terrateatro - Via Falgioni, 4- 64021 Giulianova (Te)
http://wpop1.libero.it/cgi-bin/vlink.cgi?Id=wQl8UGMVceqTwEo0fMOnA3dWq32dyv1rUzpCfv5UkaPw6D1Lu4fNHMKb97gCf3Ju8pWZjb4rhAk%3D&Link=http%3A//www.terrateatro.org/ info 3489314156 -33918246767


PIETRO DI DONATO , lo scrittore muratore (1911-1992)
Nato a West Hoboken nel New Jersey nel 1911 da genitori emigrati da Vasto in Abruzzo.
Pietro Di Donato è, insieme a John Fante, uno dei massimi esponenti della letteratura italo-americana sui temi dell’emigrazione, del lavoro, della famiglia.
Di Donato ha avuto poca formazione scolastica ma ha raggiunto una grande popolarità con il suo primo romanzo "Cristo tra i muratori" (titolo originale “Christ in concrete”) del 1939. Il romanzo fu ispirato dalla tragica morte del padre dello scrittore, un operaio edile, morto sul cantiere di lavoro il Venerdì Santo del 1923. Di Donato aveva all'epoca soli dodici anni e quel tragico giorno ha cambiato per sempre la sua vita. Fu egli stesso un operaio edile e mantenne l'iscrizione al sindacato degli edili per tutta la vita. "Cristo tra i muratori" è un romanzo proletario scritto da un proletario. Ebbe un notevolissimo successo di pubblico e di critica. Impregnato di autobiografia il racconto si collocò tra gli scaffali delle librerie come una vera e propria denuncia sociale del grande "boom" dell'emigrazione e attirò dopo pochi anni anche le attenzioni del cinema(“Unto this day”con Lea Padovani)
Pietro Di Donato visse in prima persona l'epopea della grande migrazione italiana negli Stati Uniti. Il padre era un semplice manovale emigrato agli inizi del Secolo dalla città del Vasto e rappresentava la categoria di quegli emigrati che contribuirono alla realizzazione delle grandi opere architettoniche americane. La vita dei tanti muratori italiani trascorse tra un grattacielo e l'altro delle metropoli nordamericane e il giovane scrittore visse in prima persona le costruzioni dei grattacieli di Manhattan e la sistemazione delle opere murarie nel porto di New York. Un'intera esistenza di emarginati, quella della prima generazione di emigranti, sacrificata sull'altare dell'acculturazione dei propri figli, per permettere l'inserimento nella società americana
Nel 1978 il suo servizio giornalistico sul rapimento e l'assassinio di Aldo Moro (intitolato "Christ in Plastic") vinse il premio dell'Overseas Press Club. Altri suoi romanzi sono stati This Woman (1958), Immigrant Saint: The Life of Mother Cabrini (1960, sulla vita della prima santa americana Francesca Saverio Cabrini), Three Circles of Light (1960), The Penitent (1962, sulla vita di Santa Maria Goretti), Naked Author (1970), The American Gospels (2000).Di Donato si è spento a Long Island, New York nel 1992.

Teramo. Lunedì prossimo 7 Luglio 2008, alle ore 11,30

Lunedì prossimo 7 Luglio 2008, alle ore 11,30
nella Sala Consiliare del Municipio,
verrà presentata agli organi di informazione la manifestazione
“Mettoinscena”
Realizzata dall’Associazione Culturale “Compagnia il Satiro”


La manifestazione è articolata nella proposta di alcune rappresentazioni teatrali rielaborate e adattate su testi di Omero e Shakespeare da Maria Egle Spotorno.



Interverranno
l’Assessore alla Cultura del Comune di Teramo, Mauro Di Dalmazio
il Direttore del Centro Diurno DSM, Prof. F. S. Moschetta
Maria Egle Spotorno

Provincia. Lunedì Consiglio per l’aumento di capitale della Gran Sasso Teramano

Lunedì Consiglio per l’aumento di capitale della Gran Sasso Teramano
L’operazione serve a garantire la realizzazione dei nuovi impianti a Prati di Tivo


Il Consiglio Provinciale è stato convocato per lunedì 7 luglio, alle ore 9,30, per discutere, come unico punto all’ordine del giorno, l’aumento di capitale sociale della società Gran Sasso Teramano Spa.

L’operazione, di cui il Presidente Ernino D’Agostino ha informato i consiglieri nell’ultima seduta, servirà a garantire la realizzazione della nuova cabinovia/seggiovia a Prati di Tivo.

A tale scopo la Regione Abruzzo, su richiesta della Provincia, si è già impegnata a trasferire a questo ente la somma di dieci milioni di euro (a valere sui fondi Fas – Fondi per le aree svantaggiate o sottoutilizzate) che, però, secondo stime della stessa Regione, non potrà avvenire prima del mese di marzo 2009. Da qui la necessità da parte della società Gran Sasso Teramano di ricorrere ad una operazione di anticipazione con un istituto di credito che, già sostenuta dalle deliberazioni della giunta regionale e della giunta provinciale, richiede ora una analoga manifestazione di volontà da parte del Consiglio provinciale.

Religione. Messe in rito antico in Abruzzo, unico evento

Santa Messa nell'Oratorio del Preziossimo Sangue di Chieti Scalo:Domenica 6 luglio 2008Ore 18,30 santa Messa (celebrante don Thomas Le Gal)Domenica 27 luglio 2008Ore 18,30 santa Messa http://oratoriodichieti.blogspot.com/

http://www.oratoriodichieti.it

Ambiente. Sabato 5 luglio il circolo Legambiente Giulianova sarà all'IPER di Colonnella (TE)




Sabato 5 luglio il circolo Legambiente Giulianova saràpresente all'IPER di Colonnella per una giornata dedicataagli under 12.Il Presidente Legambiente Giulianova :"La necessità diridurre la quantità dei rifiuti creati,l'importanza del loro smaltimento, l'effetto dei cambiamenticlimatici sul pianeta sono i temi ai quali verrannoavvicinati i ragazzi nelle moltissime attività che, con unapproccio giocoso, li renderanno cittadini consapevoli."L'evento è promosso all'interno di una convenzione conil Circolo Legambiente di Giulianova sulla tematica dellariduzione rifiuti che allestirà un laboratorio creativo eun banchetto informativo, dalle ore 10.30 alle 13 e dalle14.30 alle 20.00.Una giornata all'insegna del divertimento dedicataall'ambiente e ad una campagna per ridurre le emissioni diCO2 nell'atmosfera: no a piatti e bicchieri in plastica,sì alla raccolta differenziata, sì ai materiali eshopper in Mater bit completamente biodegradabile perchècostituito da amido di mais, adatto per essere utilizzatoper il compost con i rifiuti organici. Il Presidente Circolo Legambiente Giulianova FrancescaMorganteDirezione Iper Colonnella

Politica. TRAFFICO NEL CAOS E MANCANZA DI PROGRAMMAZIONE. comunicato del dott. Santuomo

TRAFFICO NEL CAOS E MANCANZA DI PROGRAMMAZIONE

A Giulianova ormai da anni si ha la cattiva abitudine di fare lavori di manutenzione in particolare nelle zone turistiche, tipo il lungomare, nella stagione estiva. Quest’anno è tutto un cantiere a cui si somma negli ultimi giorni la chiusura di Viale Orsini all’altezza di Piazza Fosse Ardeatine con un palco non rimosso dopo una manifestazione. Per non parlare del rifacimento delle strisce pedonali in tutta la zona centrale del Lido con gravi problemi di traffico che hanno provocato anche la chiusura anticipata nella giornata di ieri di alcuni esercizi commerciali di Via N. Sauro completamente bloccata dal traffico. Inoltre il giovedì si svolge il mercato rionale sul lungomare creando sempre grossi problemi, senza parlare dei mercatini estivi…
Un’amministrazione seria deve programmare in anticipo i lavori pubblici in modo che nella stagione turistica non si creino problemi a cittadini e bagnanti. La dislocazione di mercato e mercatini va rivista e decentrata. Per il mercato del giovedì va individuata e/o realizzata apposita area con buona viabilità e non nel caos del pieno centro della città. E’ inutile fare il mercatino dell’antiquariato in zone già molto frequentate: l’ubicazione principe di un mercatino dell’antiquariato è sicuramente il centro storico della città, a Giulianova Paese che va rivitalizzata e non svuotata.
Per quanto riguarda manifestazioni circensi e luna park va attrezzata idonea area sempre nell’ottica di non creare problemi di traffico alla città, nonché anche per dare un idonea accoglienza a lavoratori itineranti tutelati da normative Nazionali.


Dott. Vincenzo Santuomo
Organizer The Giulianova Beppe Grillo Meetup
Associazione Culturale Reset

Politica. “COMITATO PER IL PARCO TERRITORIALE COLLINA NORD




Giulianova, 2 luglio 2008

Al Sindaco di Giulianova
Al Presidente del Consiglio Comunale
Sede Municipale


Oggetto: Interrogazione “COMITATO PER IL PARCO TERRITORIALE COLLINA NORD DI GIULIANOVA-ZONA C AMBITO C1 VIA AMENDOLA – VIA CAVONI”.

In data 14 febbraio 2006, (vedi allegato1) alcuni cittadini inoltravano una richiesta di variazione del P.R.G. – Zona C – Ambito C1 via Amendola, Collina Nord, nella quale chiedevano all’Amministrazione comunale di modificare l’attuale normativa vigente secondo una proposta concertata con l’Amministrazione stessa e predisposta dallo studio dell’ing. Corneli, che allegavano.
La proposta partiva da un presupposto legislativo che, nel corso di circa venti anni, non aveva permesso la realizzazione del Piano di Lottizzazione e la formazione del Parco Territoriale Collinare per la cittadinanza.
Infatti, sin dal 1974, anno di approvazione del primo PRG, il meccanismo legislativo non ha trovato applicazione proprio per la complessità delle operazioni da svolgere.
Si ricorda un comparto complesso, composto da due ambiti territoriali interdipendenti e partecipato da circa 34 proprietari originari, i quali dovevano venire a costruire sulle aree degli altri con doppi trasferimenti di proprietà ed atti ridistribuzione immobiliare complessi ed onerosi.
La non applicazione del comparto ha prodotto nel territorio interessato uno stato di abbandono degrado ambientale (discariche abusive), la messa in dimora di colture che hanno favorito fenomeni erosivi dl territorio ed inquinamento delle falde acquifere per l’uso di prodotti chimici e concimi per l’agricoltura, nonché è stato così favorito l’abusivismo edilizio e lottizzatorio, mai effettivamente represso o controllato, facendo così saltare la pianificazione urbanistica.
Tutta la zona abitata tra via Amendola e via dei Cavoni, attualmente non è servita da sottoservizi quali reti fognarie ed impianti di illuminazione e rete di acqua potabile che possano considerarsi sufficienti.
In data 8 marzo 2007, (vedi allegato 2) gli stessi cittadini inoltravano una successiva proposta di variante al PRG di Giulianova, chiedendo ulteriori adeguamenti normativi e la regolarizzazione del perimetro del Comparto. Chiedevano anche una più equa e funzionale distribuzione della superficie edificabile già prevista da PRG per modificare in modo più attenuato ed ordinato il carattere ambientale della zona. Gli stessi cittadini non avendo ricevuto ascolto ed alcuna risposta, in data 16 Aprile 2007 (vedi allegato 3), chiedevano un urgente incontro con quegli stessi rappresentanti politici ed amministrativi del comune che avrebbero dovuto leggere i documenti, ma non veniva data nessuna risposta.
In conclusione si ribadisce che lo stato di fatto a cui si è giunti è dannoso per tutti i cittadini.
Per l’inerzia protrattasi per anni dell’Amministrazione comunale, si è resa impossibile la realizzazione del Parco Collinare.
Infatti, prima adottando una complicata normativa che non è stata mai applicata, e poi adottando una Variante Generale al PRG che ha svuotato la capacità edificatoria di una parte della collina a vantaggio di altre zone del Comune che inevitabilmente diventeranno quartieri dormitorio a vantaggio di speculatori del cemento, i cittadini di Giulianova vengono espropriati del loro diritto ad avere un Parco territoriale Collinare.
Tutti i proprietari dei 24 ettari all’interno del perimetro del comparto sono divenuti ormai circa 59, a causa di continui trasferimenti di proprietà e frazionamenti.
Il trasferimento della capacità edificatoria della zona collinare ad altre zone del Comune comporta una perdita di diritti edificatori superiore a 10.000 metri quadri di superficie realizzabile, determinando il vantaggio speculativo di qualche holding dell’edilizia che avrà interesse ad intervenire per acquistare le aree svalutate, con conseguente presumibile responsabilità dell’Amministrazione comunale che verrà così chiamata a rispondere del danno provocato ai privati proprietari ed ai cittadini del Comune di Giulianova.
Ovviamente il tutto comporterà la definitiva mancata realizzazione di un Parco Territoririale Collinare, senza che i cittadini ed il Comune di Giulianova riceveranno nulla in cambio.
Con la presente interrogazione si chiede, con risposta scritta, di conoscere le ragioni del mancato riscontro da parte di questa Amministrazione alle istanze presentate e proposte dalla cittadinanza.

In attesa si porgono distinti saluti.

Gianfranco Francioni – Consigliere Comunale Indipendente
Flaviano Montebello – Capogruppo Consiliare Forza Italia Popolo della Libertà

Miss. PER LA NOTTE ROSA TUTTO O.K.


PER LA NOTTE ROSA TUTTO O.K.

MA FLAVIO ALBERTINI APRE UNA POLEMICA

“NON CI OFFRONO NEMMENO UNA PIADINA…”


Ormai ci siamo! Mancano poche ore e poi “La Notte Rosa” di Rimini prenderà magicamente corpo con musica, animazioni ed ospiti d’eccezione. Tra le manifestazioni a corredo dell’evento c’è anche la grande sfilata con auto storiche provenienti per l’occasione da tutta Europa e come protagoniste le ragazze del concorso “Belle d’Estate” coadiuvate dal patron Flavio Albertini ed il suo staff vincente. Il tutto sponsorizzato dai colori della scuderia HF di Sant’Arcangelo di Romagna e con le immagini che verranno immortalate da Giancarlo Cavassi e dallo staff di Sky. Insomma Flavio Alberini e le sue “Belle d’Estate” ce la stanno mettendo tutta per incorniciare al meglio l’appuntamento top dell’estate riminese che dovrebbe far registrare il “tutto esaurito” per le strutture ricettive. Tutto ciò, ovviamente, con buona pace del Comune e Provincia di Rimini e della Confcommercio, patrocinatori della manifestazione. Ma attorno all’evento non poteva mancare una nota simpatica nota polemica lanciata da Flavio Albertini, della FlavioGroup, patron di “Belle d’Estate”. Così dice Alberini: “Più che una “Notte Rosa” sembra una “Notte in Rosso”, nel senso che non hanno soldi nemmeno per offrirci una piadina….”.

Sport. Atletica: Maglie Azzurre, scoppia il palmares della Bruni Atletica Vomano.


Atletica: Maglie Azzurre, scoppia il palmares della Bruni Atletica Vomano.

A seguito di una impressionante sequenza di risultati di Club, per la Bruni Pubblicità AtleticaVomano arrivano ancora convocazioni in Azzurro in una rassegna Internazionale. infatti, per i Campionati del mondo junior (18-19 anni) in programma in Polonia dal 04 al 13 luglio p.v., il settore tecnico della Federazione Italiana di atletica leggera ha convocato Daniele Greco nel salto triplo e Emanuele Sabbio nel lancio del giavellotto, entrambi capi fila delle graduatorie stagionali in Italia e tra le migliori prestazioni al mondo di categoria. Per la Bruni Pubblicità Atletica Vomano si tratta della 39° e 40° maglia Azzurra nella storia della sua fondazione che risale all’anno 1991, alle convocazioni in Nazionale, si aggiungono i tanti Titoli Italiani (non si riporta il numero esatto per non rischiare di tralasciare qualcuno) e qualche Titolo Mondiale giovanile e assoluto, quasi superfluo citare i centinai titoli Regionali e i primati giovanili e assoluti. Il prossimo appuntamento di Pechino potrebbe regalare alla Bruni Pubblicità atletica Vomano la 2° presenza di un proprio atleta alle Olimpiadi, infatti, Taleb Brahim che ha dominato la gara del top Club challenger di Firenze, ha già ottenuto il minimo “A” e ambisce ad una posizione di prestigio nei 3000 siepi, il 1° atleta tesserato con il sodalizio Morrese che ha partecipato alla passata edizione della manifestazione principe dello sport mondiale, è stato il velocista Alamou. I vertici della Bruni Pubblicità Atletica Vomano il Presidente Ferruccio D’ambrosio e il responsabile generale Gabriele Di Giuseppe che hanno già scritto pagine importanti nella storia dell’atletica Abruzzese, possono ritenersi molto soddisfatti dei risultati che gli atleti hanno anelato in questa 1° parte della stagione e guardano i prossimi appuntamenti di fine stagione con moderato ottimismo.

Teatro. L’8° Festival dell’Intermezzo e dell’Opera Buffa

Si è conclusa con successo a Martinsicuro (TE)
L’8° Festival dell’Intermezzo e dell’Opera Buffa

di Gianluigi Mucciaccio

MARTINSICURO (TE), 2 Luglio ’08 - Si è conclusa a Martinsicuro l’8° Festival dell’Intermezzo e dell’Opera Buffa 2008. L’iniziativa culturale, organizzata dall’Associazione musicale “Haydn” rappresentata dalla bravissima pianista Sara Torquati, deus ex machina della kermesse, ancora una volta è stata molto apprezzata dal pubblico accorso presso la sala consiliare del comune di Martinsicuro.
La manifestazione di alto profilo culturale ha visto cimentarsi in sublimi performance soprani di pregevolissima fattura che hanno catturato l’attenzione per le loro esibizioni recitative e canore. Ecco i nomi dei protagonisti che hanno tra l’altro partecipato al Masterclass del magnifico basso italiano Enzo Dara: Simone Tansini, baritono; Loredana Gasparri, soprano; Emanuela Piersimone, mezzosoprano; Gaia Petrone, soprano; Alessio Magnaguagno, basso; Fausta Ciceroni, soprano; Nicola Enrico Zagni, tenore; Giovanni Di Mare, baritono; Giovanni Tiralongo, baritono; Anna Ussari, soprano; Giorgio Celenza, baritono; Tania Buccini, soprano; e naturalmente al pianoforte la pianista Sara Torquati.
Questi giovani talenti hanno deliziato la platea con la rappresentazione di opere di grandi maestri della musica italica e non, quali Donizetti, Rossini, Cilea, Puccini, Cimarosa, nonché Mozart e Gounod che hanno segnato in modo indelebile la storia della musica lirica mondiale. Complimenti davvero a tutti.

USA. Il decalogo di un italo-americano, articolo di Lino Manocchia, giornalista giuliese

Commenti News ITALIA PRESS agenzia stampa - N° 128 - Anno XV, 02 Luglio 2008, 11:41:00
Commenti
Il decalogo di un italo-americano
02.07.2008 11:07:41
New York - Erano i tempi dei "guaglio", degli "scugnizzi" che lustravano le scarpe degli inglesi e degli irlandesi.

Erano i tempi della Mafia temuta e micidiale, delle "scarpe di cemento" che la suddetta ordinava per chi non pagava le somme imposte con forza, erano i tempi in cui gli emigrati italiani arrossivano pronunciando i loro cognomi, con l'accento del sud Italia.

L'Italia era bella, ma povera ed incapace di sostenere la sua popolazione che sguinzagliava ovunque per trovare una pagnotta, verso quel Nuovo Mondo che accoglieva tutte le razze capaci, con la loro bravura,volonta' e decisione di costruire ponti,strade, palazzi rendendo la terra scoperta da Colombo,un faro di democrazia, di vita.

E le generazioni si duplicavano, emancipavano, ricordando agli ignari che: "Noi siamo italiani emigrati in America".

Le mie radici sono piantate in un suolo atavico, bagnato dal sole mediterraneo e dalle vette delle montagne nevose.
Io sono arricchito da mille anni di cultura. Le mie mani sono quelle di un muratore, di un artista, sporche di colore e di terra.

I miei pensieri sono stati raccontati, negli annali di Roma, dal poeta Virgilio, dalla creazione di Dante e dalla filosofia di Benedetto Croce.

Io sono un italo americano che ha lasciato il vecchio Mondo navigando l'Oceano verso un nuovo Mondo. Io sono Cristoforo Colombo.

Io sono Giovanni Caboto che scoprì il Continente del Nord America.

Sono Amerigo Vespucci che diede il nome all'America. Io sono Filippo Mazzei, amico di Thomas Jefferson, la cui tesi sull'eguaglianza dell'Uomo fu inclusa nel "Bill of Right."

Sono altresì William Paca, firmatario della Dichiarazione d'Indipendenza.

Io sono Giacomo Belinimi , che scoprì le foci del maestoso Mississippi River nel 1823.

Io sono il "creatore" della cupola del Capitol Usa. Mi chiamano Michelangelo d'America, ma sono Costantino Brumidi.

E' incontestabile che nel 1904 fondai la piu' grande banca d'America in San Francisco. Sono A.P.Giannini.

Io sono Enrico Fermi, padre della scienza nucleare in America.

Io sono il primo militare che ha ricevuto la Medaglia all'Onore della Seconda Guerra Mondiale. Il mio nome e' John Basilone del News Jersey.

Sono senza dubbio un ITALO AMERICANO.

Uno dei milioni che hanno prestato servizio militare combattendo e morendo dal Guadalcanal al Reno.

Io sono un metallurgico di Pittsburg, il coltivatore d'uva dell'Imperial Valley (California), un "disegnatore-tessile" di Manhattan, la movie star di Hollywood, il costruttore di palazzi in mille città.

Sono un italo americano che senza riserve, ama questa terra e comprende la sua storia, le sue "agonie", i suoi trionfi.

Nessuno mi potrà dire, però, che non amo la terra che mi diede i natali, e che il mio contributo ed il ruolo civile hanno meno valore degli altri di differente provenienza.

Io sono un italo americano a cui, il mio retaggio, ha insegnato ad amare con dedizione e rispetto.
E sono fiero del mio retaggio, che difendero' sempre col cuore in mano.
IO SONO UN ITALO AMERICANO!


Lino Manocchia News ITALIA PRESS

Commercio. Workshop: “Creare una nuova impresa: la Comunicazione Unica” – venerdì 4 luglio 2008.


Oggetto: Workshop: “Creare una nuova impresa: la Comunicazione Unica” – venerdì 4 luglio 2008.

La Camera di Commercio di Teramo ha organizzato il workshop “Creare una nuova impresa: la Comunicazione Unica” che si terrà venerdì 4 luglio c.a., presso la Sala Conferenze della sede camerale.
Si tratta del modello informatico di comunicazione unica per la nascita dell’impresa, una nuova procedura telematica che consentirà di assolvere non solo agli adempimenti dichiarativi (costituzione, modificazione e chiusura di un’impresa) verso il Registro delle Imprese, ma valida anche ai fini fiscali, previdenziali ed assistenziali. La comunicazione unica, una volta firmata digitalmente e corredata da tutti gli allegati eventualmente necessari, dovrà essere inviata al Registro delle Imprese della Camera di Commercio competente, che provvederà ad inoltrarla ad Agenzia delle Entrate, INPS ed INAIL come previsto dalla Legge n. 40 del 2 aprile 2007.
Pertanto, la Camera di Commercio gestirà la “regia” delle comunicazioni, quale punto di accesso integrato per le richieste di avvio, modificazione e cessazione dell’impresa, costituirà, in tal modo, il centro di un intenso flusso di comunicazioni con le altre Amministrazioni coinvolte nel procedimento, con le quali dovrà collaborare costantemente al fine di ottimizzare i risultati che deriveranno dall’introduzione di questa nuova procedura telematica.
La partecipazione è aperta a tutti gli interessati.
Si prega di dare conferma della partecipazione ai seguenti numeri telefonici della Camera di Commercio: 0861- 335257 / 0861-335243.

Manifestazioni. Inizia Giulia Eventi 2008, l'estate giuliese targata divertimento per tutti


Libri. SCOMPARSI A URBINO, di Sonia Bucciarelli

Sonia BucciarelliSCOMPARSI A URBINORomanzo Sembra la sceneggiatura di un film noir in bianco e nero questo romanzo di Sonia Bucciarelli, giovanissima studentessa al suo esordio letterario. La location è una cupa e misteriosa Urbino universitaria, popolata di presenze inquietanti, perfetta persino nella scelta della fortezza di Albornoz come lugubre simbolo della città. La storia, a metà fra il romanzo nero e il giallo poliziesco, intercalata da improvvise incursioni filosofeggianti, interpreta bene la dimensione esistenziale di una generazione fragile, sospesa fra il timore del futuro e il disagio del presente. Sonia Bucciarelli è nata nel 1985 a Guardiagrele (CH). Si è diplomata al liceo Classico "G. B. Vico" di Chieti ed è iscritta alla Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'università "Carlo Bo" di Urbino. Ama il cinema, la letteratura e la musica. "Scomparsi a Urbino" è il suo primo romanzo. Sonia BucciarelliSCOMPARSI A URBINOPresentazione di Emilia Longheu Edizioni Tabula fati[ISBN-978-88-7475-144-0]Pagg. 112 - ? 7,00http://www.edizionitabulafati.it/scomparsiaurbino.htmhttp://scomparsiaurbino.blogspot.com

Giornalismo. SOMMARIO WWW.GABRIELEMASTELLARINI.COM

SOMMARIO WWW.GABRIELEMASTELLARINI.COM
ESCLUSIVO. Burqua, quando è vietato vietare. di Gabriele Mastellarini per "Il Sole24Ore"
ATTUALITA'. "Italia Oggi" pubblica la mia lettera e titola "Non è successo niente"
INCHIESTA. Biografia non autorizzata di Marco Travaglio, "il megafono delle procure", di Marco Caruso
MASS MEDIA. Caso Tosi: Mario Giordano come Marco Travaglio (ma nessuno legge i giornali!)
RUBRICHE. AMARCORD. Berlusconi: "Gelli voleva i migliori d'Italia e io diedi la mia adesione"
LETTERE AL BLOG E COMMENTI DEI LETTORI. Alcune domande (e risposte) su Tonino Di Pietro e Silvio B.
STATISTICHE. Nel primo mese 13.000 visitatori e oltre 65.000 pagine cliccate!
In compenso ho appena letto le cazzate sul tuo blog (Marco Travaglio a Gabriele Mastellarini)
Se sono queste le “cazzate” scritte da Mastellarini, beh sono un cazzone pure io perchè la penso allo stesso identico modo (Un fan di Travaglio, dal blog marcotravaglio.it)
Questo chiarimento non ci sarà mai, d’altronde il povero Gabriele ha avuto la sfortuna di non chiamarsi Sabina Guzzanti e di aver osato criticare Travaglio. (Pato '88)
Sul suo blog, l’ingrato Palombarini ha da dolersi. (Filippo Facci, "Il Giornale")
more news on www.gabrielemastellarini.com

Solidarietà. NUTRIZIONE IN BANGLADESH, iniziativa a Teramo


progetto internazionale "Nutrizione in Bangladesh, missione Rishilpi" che ha fra i suoi promotori Ezio Centini, noto "cioccolataio" di Bisenti, da tempo impegnato, insieme alla CNA abruzzese, in una serie di iniziative a sfondo umanitario.

Centini, per finanziare il progetto, ha messo in vendita i suoi "gioielli" . una collezione di 400 specialità alimentari con box in pelle realizzati dalla Rishilpi, 1000 cestini in palma, oltre alle 366 monete di cioccolato curcuma.

Il progetto sarà presentato sabato 5 luglio, a Teramo, al ristorante Antico Cantinone, alle ore 18.


NUTRIZIONE IN BANGLADESH
L’intenzione, dotata di tenacia e volontà, è quella di dare un contributo alla sorte futura di una popolazione. Le molteplici problematiche esistenti in Bangladesh sono scoraggianti, la formula innovativa di questo aiuto è dato dall’approccio: nutrizione esigenza ambiente.
-Nutrizione. Il delicato equilibrio di nutritivi essenziali che questa popolazione ha sviluppato nei secoli è, oggi compromessa dalle nuove logiche che regolano i mercati, aumentando le problematiche e favorendo l’avanzare di malattie d’ogni genere, in questo particolare momento della storia di questo paese si assiste, da una parte la loro tradizionale tecnica di cucina che, utilizza il fuoco ricavato da bio massa e sterco, con cui cucinano nella tradizionale pentola (wook) i loro tradizionali alimenti, e l’attrezzo da taglio multifunzione che usano con grande maestria (boti), va considerato l ‘assenza di energia elettrica per avere un quadro di questa realtà che, riguarda il 70% della popolazione dei 150.000.000 di abitanti su147.000 km2 in gran parte occupati dall’acqua.
-Esigenza. La confusione multimediale che essi subiscono è maggiore e priva di strumenti cognitivi. Il paradosso lo si può vedere camminando per i villaggi di sole capanne, per scoprire una parabola con televisore e gruppo elettrogeno, colui che attende davanti ad un negozio dotato di energia elettrica la ricarica della batteria del suo telefonino, alcune famiglie meglio agiate introducono il forno a microonde pur non avendo la cultura del forno, infatti non esistono testimonianze dei tradizionali forni costruiti a mattoni; ed è proprio con l’introduzione di una tecnologia che si basano i criteri di distribuzione dell’informazione, attraverso la formazione di artigiani alimentaristi che oltre alle tecniche di produzione saranno eruditi sulla prevenzione igienico sanitaria, nella fase formativa sarà effettuata nella Rishilpi (la RISHILPI è l'unione di due parole Bengalesi: Rishi gruppo di fuori casta o intoccabili e Shilpi artisti, missione fondata nel 1977 nel villaggio di Gopinathpour-Satkhira Bangladesh) , in questa missione ho avviato una scuola di fornai e pasticceri, e con aiuti targati Abruzzo sono stati acquistati forni utensili ed attrezzature utili allo scopo, con la partecipazione dell’ingegnere Adriano Dalcol di Pinerolo è stato realizzato il laboratorio di panificazione e pasticceria, è stato inoltre redatto un manuale formativo di facile leggibilità sulle tecniche di panificazione e piccola pasticceria, tradotto in inglese e bengalese; finita la fase di apprendistato a questi ragazzi sarà realizzato un piccolo forno all’interno del loro villaggio con l’indispensabile per
poter produrre piccole cose, la loro localizzazione è individuata nei villaggi dove sono state già realizzate le scuole da parte della Rishilpi attraverso sostegni di singoli individui, oggi si contano circa 120 scuolette la missione ha realizzato tutto ciò in 40 anni, oltre quelle motivazioni già introdotte sulla validità dell’iniziativa va sottolineato che dare del cibo agli scolari è uno dei migliori sostegni che favorisce la scolarizzazione, pensiamo inoltre che questo potrebbe dare un risultato di economia energetica tra gli abitanti del villaggio, potendo utilizzare il forno per cotture a terzi, questi ragazzi saranno i messaggeri che distribuiranno sul territorio con parole del loro idioma informazioni di profilassi, continuamente e a tutti, nella loro formazione essi acquisiranno concetti invisibili come la lievitazione e l’azione batterica, conoscenze che li porteranno a spiegare cose di un fare utile anche se invisibile.
-Ambiente. Uno dei grandi problemi diffuso in tutto il Bangladesh è l’acqua inquinata di arsenico, tra le attività della Rishilpi c’è un continuo monitoraggio dei livelli di arsenico presenti nelle falde acquifere, al fine di chiudere quelle fontane, evitando agli abitanti che fruiscono di quell’acqua una irreversibile arsenicosi, a tal proposito sono state realizzate cisterne per la raccolta d’acqua piovana, oppure vari serbatoi tra loro collegati con lo scopo di far precipitare attraverso la decantazione parte dell’arsenico presente. Comunque questi sistemi per avere una pur piccola efficienza hanno bisogno di manutenzione ed ecco che il nostro ragazzo diventa utilizzatore e manutentore del sistema. Questa nuova figura all’interno del villaggio può favorire inoltre una particolare forma di turismo sensibile, riuscendo ad offrire dei parametri adatti al sistema immunitario degli occidentali. Solo l’occhio attento della conoscenza scientifica potrà aggiungere indicazioni riguardo gli equilibri alimentari da correggere, e valorizzare le loro conoscenze. Riguardo la diffusione di questa iniziativa in loco, sarà il bawl cantastorie e diffusore della cultura orale a preparare i villaggi all’evento, necessariamente filmato dall’occhio discreto del documentarista. In questo progetto va anche considerato se ci saranno delle fasi di formazione dei ragazzi effettuati in Italia, in particolare nel mio paese che ha una cultura fluviale, nella quale potrebbero trovare motivi di paragone e di adattabilità a misura d’uomo, ancora possibile in un piccolissimo paesino d’entroterra, erudizioni riguardo la gestione degli ortaggi, la macelleria, l’agriturismo, il forno, la pasticceria, l’apicoltura. .....i riferimenti di Ezio Centini, per eventuali contatti e approfondimenti

0861 995962 331 5951770

Politica. OPERAI SENZA DIVISA, comunicato del dott. Santuomo

OPERAI SENZA DIVISA
Abbiamo potuto notare già da alcuni mesi come gli operai di "Giulianova Patrimonio", (sicuramente efficaci nell'adempiere le proprie mansioni), non siano dotati di una divisa, in particolare gli operai di sesso femminile che fanno sfoggio di abiti sgargianti e dalle dimensioni spesso molto ridotte visto la calura estiva e calzano, a volte, zoccoli rumorosi.
Nonostante per molti possa anche essere piacevole la vista, alcune persone in maggior parte di sesso femminile hanno espresso il loro disappunto.
A prescindere questi commenti che potrebbero essere punti di vista suggestivi, ci dobbiamo soffermare invece sull’aspetto strettamente legato alle normative da rispettare: gli operai devono essere muniti di una divisa e di scarpe antinfortunistiche.
La cosa ci sembra poco decorosa per l'immagine della Città, nonchè sicuramente incongrua per gli stessi operatori che devono svolgere il loro lavoro con indumenti personali, diversi uno dall'altro e spesso non consoni ed irregolari.
Questo tutto sotto gli occhi dei turisti incuriositi e molte volte contrariati.
Speriamo che l'Amministrazione comunale si attivi prontamente.

Dott. Vincenzo Santuomo
Organizer The Giulianova Beppe Grillo Meetup
Associazione Culturale Reset

mercoledì 2 luglio 2008

sport. MARE, VELA E SPORT, PESCANOVA RAPPRESENTA LA SINTESI







MARE, VELA E SPORT

PESCANOVA RAPPRESENTA LA SINTESI


“Un nome d’amare”, un sottile, delicato ed azzeccato gioco di parole per pubblicizzare il suo marchio, ma anche per ricordare agli appassionati e non di essere lo sponsor principale del XX Giro d’Italia a Vela 2008, regata storica organizzata da Cino Ricci, veterano della vela. Questo il biglietto da visita, semplice ed efficace, di PESCANOVA, leader del settore ittico surgelato. L’azienda è una multinazionale con radici spagnole, quotata alla borsa di Madrid, che raggruppa ben 80 società allocate in 21 diversi paesi nel mondo. I numeri dicono ancora che sono 50 gli anni di esperienza maturata nel settore della pesca. Oggi il gruppo PESCANOVA è una realtà europea di spicco che vanta una particolarità non secondaria: riesce a pescare direttamente gran parte delle materie prime che vengono poi selezionate, trasformate e commercializzate con l’inconfondibile marchio cremisi. Tutto ciò permette di verificare la tracciabilità del prodotto seguendone le varie fasi fino alla degustazione da parte del consumatore.
PESCANOVA e la vela sono legate dagli stessi sentimenti: l’amore per il mare e per uno sport pulito.
Già nel 1993 il “Galicia ’93 PESCANOVA” vinse la FASTNET RACE arrivando successivamente terza alla WHITBREAD ’93-’94 della classe “wor 60”. Tra l’altro, nell’ultima VOLVO OCEAN RACE, il Gruppo PESCANOVA ha sponsorizzato la Perla Nera di Paul Cayard.
Obiettivo primario di PESCANOVA è quello di avvicinare grandi e piccoli alla vela, al mare ed alla sua migliore natura al fine di diffondere quanto più possibile uno stile di vita a dimensione d’uomo senza trascurare l’auspicio di un sempre maggiore consumo di pesce, alimento sano, ricco di proteine nobili e povero di grassi, ideale per gli sportivi e per coloro che sono alla ricerca di una alimentazione leggera ed equilibrata.
PESCANOVA cerca di avvicinare i più piccoli al mondo della vela organizzando in tutte le tappe del GiroVela 2008 la PESCANOVACUP – mini regate per Giovani Lupi di Mare- offrendo a 10 bambini di età compresa tra i 7 ed i 16 anni la possibilità di gareggiare a bordo del Dream Pescanova affiancati da esperti e competenti skipper e di apprendere in diretta alcuni segreti della vela. Insomma, un’esperienza indimenticabile, come avvenuto per la tappa di Giulianova (Abruzzo), vissuta con la propria famiglia e, soprattutto, una giornata sportiva e divertente, ma anche utile per apprezzare un’attività tanto antica quanto preziosa come quella della navigazione. Il GiroVela 2008 si concluderà il 20 luglio ad Ostia ed anche in tutte le prossime tappe si potranno degustare i prodotti della nuova linea di impanati da forno PESCANOVA. Per maggiori informazioni è possibile consultare i siti http://www.pescanova.it/ e http://www.cinoricci.it/ .

martedì 1 luglio 2008

Sport. GIROVELA 2008: SETTIMA TAPPA, COSTIERA CATTOLICA-GIULIANOVA

GIROVELA 2008: SETTIMA TAPPA, COSTIERA CATTOLICA-GIULIANOVA
PRIMO EMILIA ROMAGNA PANDORA, MAGLIA ROSA CAGLIARI ZAVOLI

CATTOLICA, 29 GIUGNO 2008 – Emilia Romagna Pandora ha tagliato per prima, alle 5 di questa mattina, il traguardo della settima tappa del Giro d’Italia a Vela, la regata costiera Cattolica-Giulianova (90 miglia), seguita da Cagliari Zavoli, che sale a 39 punti conquistando la sua prima maglia rosa del Girovela 2008.
Il gruppo più consistente delle barche si è mantenuto a circa sette miglia dalla costa in linea retta sulla rotta fin dopo il Conero, mentre i Vigili del Fuoco sono rimasti a circa 3 miglia e mezzo. Verso le 23.00 è entrata la termica da terra, e mentre la barca dei Vigili del Fuoco ha potuto sfruttarla per primo, il gruppo all’esterno ha cominciato a “chiudere” verso la linea di arrivo. La situazione è rimasta indecisa fino a che kilo, la barca dei Vigili, si è infilata in un allevamento di cozze che l’ha bloccata per una trentina di minuti. Il gruppo ha chiuso dall’esterno e sul traguardo l’ha spuntata Emilia Romagna Pandora su Cagliari Zavoli e Bologna Pescanova. Castelsampietro Terme Gammadue, Riva del Garda Pregis e Baia di Sistiana hanno finito rispettivamente quarti, quinti e sesti dopo gli ultimi combattutissimi metri.
“Era ora che l’equipaggio di Emilia Romagna Pandora – ha dichiarato Cino Ricci, patron del Giro - che ha iniziato il Giro con delle ottime individualità dimostrasse che può di diritto inserirsi nella lotta per i primi posti della classifica generale. Per loro oggi un grande balzo in avanti: i 30 punti in classifica li pongono su un trampolino da cui possono insidiare i primi tre che a 39 punti sembrano i soli a poter comandare questo Giro”
Oggi riposo e domani la partenza per l’ottava tappa Giulianova-Bisceglie (150 miglia). La partenza è prevista dalle ore 7.00.
CLASSIFICA DELLA REGATA:
1) Emilia Romagna Pandora 2) Cagliari Zavoli 3) Bologna Pescanova 4) Castelsanpietro Terme Gammadue 5) Riva del Garda Pregis 6) Baia di Sistiana 7) Vigili del Fuoco 8) Rimini BCC Alta Padovana
CLASSIFICA GENERALE:
1) Cagliari Zavoli (39 punti) 2) Castelsanpietro Terme Gammadue (39 punti) 3) Riva del Garda Pregis (39 punti) 4) Emilia Romagna Pandora (30 punti) 5) Baia di Sistiana (26 punti) 6) Bologna Pescanova (24 punti) 7) Vigili del Fuoco (13 punti) 8) Rimini BCC Alta Padovana (6 punti)

Teatro. “Teatri Paralleli”2008 a Torano Nuovo


secondo appuntamento del festival di teatro delle differenze “Teatri Paralleli”2008. Questa sera 2 luglio 2008, la compagnai di attori diversamente abili del Nuovo Spazio Teatrale di Ascoli Piceno presenta lo spettacolo “Viaggi e Miraggi”
Torano Nuovo, piazzale scuola media- ore 21,15. Ingresso gratuito.

RingraziandoVi anticipatamente auguriamo un buon lavoro.

Ufficio stampa:
Cristina Cartone
3489314156
http://wpop12.libero.it/cgi-bin/webmail.cgi?Act_V_Compo=1&mailto=terrateatro@hotmail.com&ID=IlEs7_qjfaEKmNWJmar2akvRWMh6X82prGh1CSqgb_vFUmDjbG&R_Folder=aW5ib3g=&msgID=187&Body=0
http://wpop12.libero.it/cgi-bin/webmail.cgi?Act_V_Compo=1&mailto=info@terrateatro.org&ID=IlEs7_qjfaEKmNWJmar2akvRWMh6X82prGh1CSqgb_vFUmDjbG&R_Folder=aW5ib3g=&msgID=187&Body=0
COMUNICATO STAMPA per il 2 Luglio 2008
FESTIVAL TEATRI PARALLELLI 1-6 luglio 2008
COOP. SOCIALE “LA FORMICA”

2 Luglio 2008, Torano Nuovo, piazzale scuola media, ore 21.15 (ingresso gratuito) – Prosegue il festival di teatro delle differenze “Teatri Paralleli” 2008. Dopo l’apertura di ieri con la Compagnia delle Formiche, questa sera ad esibirsi sarà la compagnia di attori diversamente abili del Nuovo Spazio Teatrale di Ascoli Piceno che presenta lo spettacolo “Viaggi e Miraggi”
Si continua il 3 luglio con il Dirigibile di Forlì che porterà in scena “Ogni testa un tribunale”. Dopo la pausa del 4 luglio, si riprenderà il 5 ancora con il teatro delle Formiche in “Filumè”, per concludere domenica sei luglio con la Combricola di Rovigo con lo spettacolo “Una cucina pepata”.

Il Festival Teatri Paralleli, che ha visto la luce nel 2006, è l’unica esperienza nel suo genere in Abruzzo. In scena si esprimeranno attori diversamente abili o con disagio psichico che hanno trovato, attraverso il linguaggio dell’arte teatrale, una giusta occasione per esprimere la propria sensibilità ed affermare le grandi capacità comunicative e sociali.
Il Festival è organizzato dalla Cooperativa Sociale “La Formica”, da anni impegnata nel sostegno e nell’assistenza di giovani disabili della Val Vibrata, con il supporto del Comune di Torano Nuovo, della Provincia di Teramo e della Fondazione Tercas.
Il cartellone è curato dalla direzione artistica della compagnia “Terrateatro”

Tutti gli spettacoli avranno luogo nel piazzale della scuola media di Torano Nuovo, con inizio alle ore 21:15.
L’ingresso è gratuito.
Info: 0861 817137 - 3391824676

PROGRAMMA
TORANO NUOVO -Te
1-6 Luglio 2008
Piazzale scuola media - ore 21,15
Ingresso gratuito

Martedì 1 LUGLIO
Teatro delle Formiche
“Lucky Sogna”

Mercoledì 2 LUGLIO
Nuovo Spazio Teatrale di Ascoli Piceno
“Viaggi e Miraggi”

Giovedì 3 LUGLIO
Il Dirigibile di Forlì
“Ogni testa un tribunale”

Sabato 5 LUGLIO
Teatro delle Formiche
“Filumè”

Domenica 6 LUGLIO
La Combricola di Rovigo
“Una cucina pepata”

Info: 0861 817137 - 3391824676